/ Intervista al filosofo Vltchek dopo la crisi del Mar d'Azov. "L'I...

Intervista al filosofo Vltchek dopo la crisi del Mar d'Azov. "L'Italia pagherà presto il prezzo della sua adesione al bullismo della NATO"

 

"E' ovvio che l'Occidente, in particolare l'UE e la NATO, sono dietro questa nuova ondata di pericolosa pazzia. E chiaramente un paese come l'Italia ha tanto da temere nella sua adesione a queste due organizzazioni."



di Alessandro Bianchi


Intervista ad Andre Vltchek* (PRIMA PARTE)



Partiamo dalla crisi in corso nel Mar d’Azov. Unione Europea e Nato hanno subito dato pieno sostegno all’Ucraina dopo la violazione della sovranità russa da parte delle due imbarcazioni ucraine. Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha offerto il suo pieno appoggio a Poroshenko che ha approfittato della situazione per decretare, in un paese già devastato dalla cura del FMI, la legge marziale. Legge marziale che, come è noto, pone a rischio le prossime elezioni previste nel paese. Fino a dove si può spingere l'escalation in corso?

AV: la vicenda è nota. La Russia ha intercettato tre navi ucraine nello stretto di Kerch. Le imbarcazioni avevano, anche secondo le autorità ucraine, diversi ufficiali di intelligence a bordo e trasportavano diverse armi leggere e mitragliatrici. È stata una chiara provocazione, poiché le navi si sono rifiutate di informare le autorità russe sulle loro intenzioni e hanno agito in modo aggressivo. Quindi: stavano attraversando le acque territoriali russe e i funzionari dell'intelligence ucraina erano al comando dell'operazione. Che cos'è davvero così "allarmante" per l'Occidente? Le navi sono state fermate, alcuni membri dell'equipaggio sono stati arrestati e sono in corso indagini serie sulle vicende. L'incidente è avvenuto pochi giorni prima dell'incontro del G20 in Argentina, dove presumibilmente si sarebbero incontrati i Presidenti Trump e Putin e, hai fatto bene a sottolinearlo, mancano solo 4 mesi prima delle elezioni presidenziali ucraine (marzo 2019). E' noto come Poroshenko ha oggi solo l'8% di supporto: del resto, l'Ucraina sotto la sua guida è crollata così tanto che molti appartamenti nella capitale di Kiev non saranno riscaldati durante questo inverno. E' logico che sia stato Poroshenko a provocare la crisi, quindi ha potuto posare come un uomo forte, sperando di ottenere almeno un po 'di popolarità. Ha imposto la legge marziale, per 30 giorni, sebbene originariamente, volesse che durasse per 2 mesi. Cosa significa? La stampa sarà censurata e la critica al governo limitata. E' un esito favorevole per il presidente grottescamente impopolare? Certo che si. Inoltre, è ovvio che l'Occidente, in particolare l'UE e la NATO, sono dietro questa nuova ondata di pericolosa pazzia. E chiaramente un paese come l'Italia ha tanto da temere nella sua adesione a queste due organizzazioni.


Può spiegarci meglio cosa rischia un paese come l’Italia nel proseguire nella sua adesione alla NATO?

L'Italia fa parte sia dell'UE che della NATO. Come sto scrivendo nel mio nuovo saggio, non ha senso credere che "gli europei hanno subito il lavaggio del cervello; che non sanno cosa sta facendo l'Occidente in tutto il mondo". Loro sanno, o almeno lo sospettano, ma fingono di non sapere. In Europa esiste un connubio losco tra il governo, le multinazionali e il popolo: le persone vogliono più benefici e non gli importa che quei benefici derivino dal saccheggio del mondo. Ottengono i loro benefici e stanno zitti. Se pensano che questi benefici diminuiscono, protestano, come sta accadendo a Parigi. Ma gli importa qualcosa delle decine di milioni di "non-persone" che muoiono per quei benefici? Ovviamente no!
Lo stesso quando si parla di Russia, Cina o Iran. Gli europei sanno che esiste una sorta di viziosa propaganda contro quei paesi che rifiutano di cedere ai diktat occidentali? Lo sanno ma non faranno nulla per fermarlo. È dolce, sapete, sentirsi superiori, "democratici" e "liberi".
Ricordate sempre, paesi come la Russia e la Cina hanno le loro "democrazie" (governo del popolo). Non è il sistema occidentale, ma i governanti e le masse comunicano e interagiscono in modo diretto, in modo molto marcato. E sia in Russia che in Cina, la gente "ne ha avuto abbastanza" di essere vittima del bullismo e della brutalizzazione da parte dell'Occidente, per decenni e secoli. Ancora un po 'e le cose esploderanno. Se spinti oltre, la Russia e la Cina risponderanno. Se provocati militarmente, si difenderanno. Lo stesso vale per l'Iran. Far parte del gruppo che sta terrorizzando il mondo è molto pericoloso. E paesi che fanno parte di questo gruppo come l'Italia ne pagheranno il prezzo.






Sempre sulla vicenda del mar d'Azov. Il ministro russo Serghei Lavrov ha chiesto agli alleati occidentali di Kiev di "intervenire" e "dare una calmata" alla autorità ucraine, avvertendo del potenziale attraversamento di un "punto di non ritorno" tra Russia e Occidente. E’ reale il rischio di una guerra anche alla luce del grande assembramento di truppe della Nato al confine?


AV: Sì, certo che è reale. Basta girare i tavoli: se l'Iran o la Cina o la Russia o il Venezuela o la Siria o Cuba facessero all'Occidente ciò che l'Occidente sta facendo a loro, ci sarebbe un rischio reale di guerra? Questa impunità e questo razzismo così diffusa in Occidente deve fermarsi. E presto si fermerà. Come si dice in Cile avverrà "attraverso la ragione o con la forza".

 
Andrè sei stato recentemente in Siria, paese che dopo l’intervento russo e grazie alla resistenza del popolo siriano supportato dagli alleati regionali - Iran e Hezbollah soprattutto - sta lentamente cercando di tornare alla normalità. Che paese hai trovato?

AV: Amo questo paese meraviglioso, ricco di speranza e orgoglioso. Scriverò anche un lungo reportage sulla mia visita. Ho incontrato molte vittime, gente comune, ma anche un generale e un ministro dell'educazione, che è anche un abile romanziere. Il suo motto è: "Il Ministero dell'Istruzione è come il Ministero della Difesa". Corretto: l'educazione senza ideologia e passione è solo una perdita di tempo. La Siria ha vinto. E lì, l'intero mondo arabo ha vinto insieme ad esso. Gli arabi sono stati per decenni completamente umiliati - dall'Occidente, da Israele, dai loro stessi leader che furono posti sul trono da Londra, Parigi e Washington. Come ho scritto molte volte, Aleppo è stata la Stalingrado del Medio Oriente. Le perdite sono state terribili, in tutta la Siria. Ma anche la vittoria è straordinaria. Il panarabismo fiorirà di nuovo. Le persone in tutti i paesi della regione stanno guardando e ora sanno: è possibile sconfiggere l'imperialismo occidentale e le sue fantasie, i suoi impianti terroristici.
La Russia si è schierata dalla parte della sua sorella araba con determinazione, ma anche molto saggiamente. Usava la diplomazia ogni volta che poteva, e usava la forza solo quando non c'era altro modo. In Siria, i russi hanno conquistato il cuore della gente. 'Grazie, Russia!', È ovunque, anche inciso sulle tradizionali scatole di legno. La lingua russa è la mia lingua madre e mi ha aperto in Siria così tante porte, come mi aveva aperto migliaia di porte in Afghanistan (non me lo sarei mai aspettato lì).
La Siria deve finalizzare la sua vittoria, presto. E tornerò per coprire gli eventi lì.  Quanto ottimismo si riceve da un paese che non si prostituisce; un paese fiero che ha combattuto duramente, per il proprio popolo e per l'intera regione. C'è grande fiducia e gentilezza nei volti delle persone. La festa non è rumorosa, perché sono morte così tante persone che non si può maa la gente è fuori, fino alla mattina, uomini e donne, ragazzi e ragazze. I caffè sono pieni, le strade di Damasco sono animate. Ma anche a Homs e nei sobborghi distrutti di Damasco, la vita sta tornando alla normalità. Che nazione! Sì, loro dicono "Grazie Russia!". Io da internazionalista, dico: "Grazie, Siria!"



L’attacco chimico dei “ribelli” ad Aleppo di questa settimana smaschera ancora una volta le menzogne del mainstream di questi anni. Che ruolo hanno avuto i media nel permettere alle bande di terroristi supportate e finanziate da occidente e alleati del Golfo di distruggere la Siria?
 
AV: Un ruolo enorme. In Siria, i mass media occidentali alla fine hanno cessato di esistere e si sono trasformati in una forza di prostituzione dell'Impero, nient'altro. Ma sappiamo tutti che i media e l'istruzione sono sostanzialmente usati per indottrinare le persone, almeno in Occidente e nei suoi stati clienti. C'era così tanta provocazione. Il Golfo e le compagnie di trasmissione occidentali hanno letteralmente acceso il conflitto, diffondendo menzogne, spingendo le persone alla ribellione contro il governo. Hanno il sangue sulle loro mani, come il servizio Pashtun della BBC è ricoperto di sangue, come il VOA, la Radio Free Europe e qualunque media 'free" occidentale ha il sangue fino alle ascelle.


Fine prima parte 



*Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Three of his latest books are his tribute to “The Great October Socialist Revolution” a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa