Israele, il ministro della Difesa Gantz all'esercito: «Prepararsi per un possibile attacco all'Iran»

Israele, il ministro della Difesa Gantz all'esercito: «Prepararsi per un possibile attacco all'Iran»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il ministro della difesa Benny Gantz ha detto di aver ordinato all'esercito israeliano di prepararsi alla possibilità di un attacco militare all'Iran. A riportare del ministro è il quotidiano israeliano Haaretz.

Gantz, che è attualmente negli Stati Uniti per convincerli ad aumentare la pressione sull'Iran, ha informato Washington di questo passo, secondo quanto riferisce un alto funzionario della Difesa. 

In un briefing in Florida, Gantz ha affermato che i colloqui sul nucleare non hanno prodotto "nessun progresso" e che le potenze mondiali "capiscono che gli iraniani stanno giocando".

Giovedì sera, Gantz ha incontrato il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin a Washington. Ha riferito di aver detto alla sua controparte nordamericana che “attualmente l'Iran ha uno scenario terribile; Pertanto, c'è spazio per la pressione internazionale – diplomatica, economica e militare – in modo che l'Iran smetta le sue fantasie sul programma nucleare”. 

Gantz e Austin hanno anche discusso di aumentare la preparazione di entrambi i paesi a contrastare quella che viene definita l’aggressione iraniana. 

Il ministro israeliano ha anche incontrato il segretario di Stato Antony Blinken, come parte del suo sforzo per convincere Washington ad espandere le sanzioni contro l'Iran per fargli pressione affinché rinunci al programma nucleare. 

Dal canto suo l’Iran continua a dire che non accetterà un accordo differente rispetto a quanto firmato le potenze mondiali nel 2015, sottolineando che la questione rimarrà la linea rossa di Teheran nei colloqui in corso a Vienna.

"Abbiamo una linea rossa di base, che è supportata dalla logica", ha detto, aggiungendo: "Abbiamo un accordo che è stato finalizzato dall'Iran e dal P5+1 nel 2015. Gli Stati Uniti si sono ritirati da esso alcuni anni dopo e adesso vogliono rientrare. Quindi, questo accordo è una base condivisa tra le due parti”, ha affermato a Press TV Ali Bagheri Kani, il principale negoziatore iraniano. 

Bagheri Kani, che ricopre il ruolo di vice ministro degli esteri iraniano, ha fatto le osservazioni durante il settimo round di colloqui in corso a Vienna per far rivivere il JCPOA rimuovendo le sanzioni anti-Iran di Washington.

Gli Stati Uniti sono usciti dal JCPOA nel 2018 nel perseguimento di quella che hanno definito la campagna di "massima pressione" contro la Repubblica Islamica. I colloqui di Vienna mirano a annullare tutte le misure ostili adottate dagli Stati Uniti da allora. Israele non vede questo di buon occhio e tenta di entrare a gamba tesa nella questione, anche con la minaccia di azioni di forza.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra