Jeffrey Sachs - Stoltenberg ammette che l'espansione della NATO è stata la chiave per il conflitto in Ucraina

Jeffrey Sachs - Stoltenberg ammette che l'espansione della NATO è stata la chiave per il conflitto in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'editoriale del professor Jeffrey Sachs (pubblicato in inglese su Common Dreams) rappresenta un contributo fondamentale nell'analisi critica del conflitto in Ucraina, smontando con argomenti solidi la narrativa russofobica e le menzogne diffuse dai media mainstream e dalla politica occidentale. La sua voce autorevole e la sua profonda conoscenza degli affari internazionali forniscono un'illuminante prospettiva su come le politiche delle potenze occidentali, in particolare degli Stati Uniti e della NATO, abbiano contribuito alla spirale di violenza che ha colpito l'Ucraina.

Sachs dimostra in modo inoppugnabile che il conflitto in Ucraina non è stato scatenato da azioni unilaterali della Russia, ma piuttosto è stato alimentato dalle politiche aggressive di espansione della NATO e dalla destabilizzazione promossa da forze ultranazionaliste a Kiev. Questo editoriale sfida il paradigma dominante e mette in luce l'importanza di considerare un'analisi più approfondita e sfaccettata per comprendere le radici del conflitto.

Nel contesto di crescenti tensioni globali, l'editoriale del professor Sachs rappresenta un appello al ragionamento critico e alla ricerca di soluzioni pacifiche basate sulla cooperazione e sulla comprensione reciproca. La sua voce autorevole ci ricorda che per affrontare le sfide geopolitiche del nostro tempo, è essenziale guardare oltre le narrazioni semplificate e comprendere le complesse dinamiche che stanno plasmando il mondo in cui viviamo.


—————————


Durante la disastrosa guerra del Vietnam, si dice che il governo degli Stati Uniti trattasse l’opinione pubblica come una coltivazione di funghi: la teneva nell'oscurità e la nutriva di letame. L'eroico Daniel Ellsberg ha divulgato i Pentagon Papers che documentavano le continue menzogne del governo degli Stati Uniti sulla guerra al fine di proteggere i politici che sarebbero stati imbarazzati dalla verità. Mezzo secolo dopo, durante la guerra in Ucraina, il letame si accumula ancora di più.

Secondo il governo degli Stati Uniti e il sempre ossequioso New York Times, la guerra in Ucraina è stata "non provocata", l'aggettivo preferito del Times per descrivere la guerra. Putin, presumibilmente confondendo se stesso con Pietro il Grande, ha invaso l'Ucraina per ricreare l'Impero russo. Tuttavia, la scorsa settimana, il Segretario Generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha commesso una "gaffe", cioè ha accidentalmente pronunciato la verità.

Nel corso della testimonianza al Parlamento dell'Unione Europea, Stoltenberg ha reso chiaro che è stata la pressione incessante degli USA per allargare la NATO in Ucraina la vera causa della guerra e il motivo per cui continua oggi. Ecco le parole rivelatrici di Stoltenberg:

"Il contesto era che il Presidente Putin aveva dichiarato nell'autunno del 2021, e in realtà aveva inviato una bozza di trattato che voleva far firmare alla NATO, con l’impegno a fermare l’allargamento della NATO. Questo è ciò che ci ha inviato. Ed era una condizione preliminare per non invadere l'Ucraina. Naturalmente, non l'abbiamo firmato.

È successo il contrario. Voleva che firmassimo la promessa di non allargare mai la NATO. Voleva che rimuovessimo le nostre infrastrutture militari in tutti i paesi alleati che hanno aderito alla NATO dal 1997, il che significa che metà della NATO, tutta l'Europa centrale e orientale, dovremmo rimuovere la NATO da quella parte della nostra Alleanza, introducendo una sorta di adesione di serie B, o di seconda classe. Abbiamo rifiutato.

Quindi, è entrato in guerra per evitare che la NATO, più NATO, si avvicinasse ai suoi confini. Ha ottenuto l'esatto contrario".

Ripeto, è andato in guerra per impedire alla NATO di avvicinarsi di più ai suoi confini.

Quando il professor John Mearsheimer, io e altri abbiamo detto la stessa cosa, siamo stati attaccati come apologisti di Putin. Gli stessi critici scelgono anche di nascondere o ignorare apertamente le gravi avvertenze contro l'espansione della NATO in Ucraina da tempo articolate da molti dei principali diplomatici USA, tra cui il grande studioso-statista George Kennan e gli ex ambasciatori degli Stati Uniti in Russia Jack Matlock e William Burns.

Burns, ora direttore della CIA, è stato ambasciatore degli Stati Uniti in Russia nel 2008 ed è autore di una nota intitolata "Nyet significa Nyet". In quella nota, Burns ha spiegato alla segretaria di Stato Condoleezza Rice che l'intera classe politica russa, non solo Putin, era fermamente contraria all'espansione della NATO. Sappiamo della nota solo perché è stata divulgata. Altrimenti, ne saremmo stati all'oscuro.

Perché la Russia si oppone all'espansione della NATO? Per il semplice motivo che la Russia non accetta la presenza militare degli Stati Uniti lungo i suoi 2.300 km di confine con l'Ucraina nella regione del Mar Nero. La Russia non apprezza il posizionamento da parte degli Stati Uniti dei missili Aegis in Polonia e Romania dopo che gli Stati Uniti hanno unilateralmente abbandonato il Trattato anti-missili balistici (ABM).

La Russia non gradisce nemmeno il fatto che gli Stati Uniti abbiano condotto non meno di 70 operazioni di cambio di regime durante la Guerra Fredda (1947-1989) e molte altre da allora, tra cui in Serbia, Afghanistan, Georgia, Iraq, Siria, Libia, Venezuela e Ucraina. La Russia non apprezza neanche il fatto che molti importanti politici statunitensi abbiano attivamente sostenuto la distruzione della Russia sotto la bandiera della "Decolonizzazione della Russia". Sarebbe come se la Russia chiedesse l’uscita di Texas, California, Hawaii, le terre indiane conquistate e molto altro dagli Stati Uniti.

Anche il team di Zelensky sapeva che la ricerca dell'espansione della NATO significava una guerra imminente con la Russia. Oleksiy Arestovych, ex consigliere dell'Ufficio del Presidente dell'Ucraina sotto Zelensky, ha dichiarato che "con una probabilità del 99,9%, il nostro prezzo per entrare nella NATO è una grande guerra con la Russia".

Arestovych ha sostenuto che anche senza l'espansione della NATO, la Russia avrebbe alla fine cercato di prendere l'Ucraina, solo molti anni dopo. Tuttavia, la storia contraddice questa affermazione. La Russia ha rispettato la neutralità della Finlandia e dell'Austria per decenni, senza gravi minacce, tanto meno invasioni. Inoltre, dall'indipendenza dell'Ucraina nel 1991 fino al rovesciamento sostenuto dagli Stati Uniti del governo eletto dell'Ucraina nel 2014, la Russia non ha mostrato alcun interesse a prendere il territorio ucraino. È stato solo quando gli Stati Uniti hanno installato un regime fortemente anti-russo e pro-NATO nel febbraio 2014 che la Russia ha ripreso la Crimea, preoccupata che la sua base navale nel Mar Nero in Crimea (dal 1783) sarebbe caduta nelle mani della NATO.

Anche allora, la Russia non ha chiesto altri territori all'Ucraina, solo il rispetto dell'Accordo di Minsk II sostenuto dalle Nazioni Unite, che prevedeva l'autonomia del Donbass russo-etnico, non una pretesa russa sul territorio.

Putin ha fatto un ultimo tentativo di diplomazia alla fine del 2021, presentando un progetto di Accordo di Sicurezza USA-NATO per prevenire la guerra. Il nucleo dell'accordo preliminare prevedeva la fine dell'espansione della NATO e la rimozione dei missili statunitensi vicino alla Russia. Le preoccupazioni sulla sicurezza della Russia erano valide e costituivano la base per le trattative. Tuttavia, Biden ha respinto categoricamente le trattative a causa di un mix di arroganza, bellicismo e grave errore di valutazione. La NATO ha mantenuto la sua posizione secondo cui non avrebbe negoziato con la Russia riguardo all'espansione della NATO, di fatto, l'espansione della NATO non riguardava la Russia.

La continua ossessione degli Stati Uniti per l'espansione della NATO è profondamente irresponsabile e ipocrita. Gli Stati Uniti si opporrebbero - se necessario con la guerra - ad essere circondati da basi militari russe o cinesi nell'emisfero occidentale, un punto che gli Stati Uniti hanno sostenuto fin dalla Dottrina Monroe del 1823. Tuttavia, gli Stati Uniti sono ciechi e sordi alle legittime preoccupazioni sulla sicurezza degli altri paesi.

Quindi, sì, Putin è andato in guerra per impedire che la NATO si avvicinasse di più al confine della Russia. L'Ucraina è distrutta dall'arroganza degli Stati Uniti, dimostrando ancora una volta il detto di Henry Kissinger che essere nemici degli Stati Uniti è pericoloso, mentre essere loro amici è fatale. La guerra in Ucraina finirà quando gli Stati Uniti riconosceranno una verità semplice: l'espansione della NATO in Ucraina significa una guerra perpetua e la distruzione dell'Ucraina. La neutralità dell'Ucraina avrebbe potuto evitare la guerra ed è la chiave per la pace. La verità più profonda è che la sicurezza europea dipende dalla sicurezza collettiva, come previsto dall'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), non dalle richieste unilaterali della NATO.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti