Jorge Couso, vice-Presidente Commissione Esteri UE: "Ogni volta che l'Esercito siriano avanza gli USA tentano di bloccare tutto"

Jorge Couso, vice-Presidente Commissione Esteri UE: "Ogni volta che l'Esercito siriano avanza gli USA tentano di bloccare tutto"

L'eurodeputato spagnolo, Javier Couso ha accusato gli Stati Uniti di impedire la fine del conflitto in Siria, sempre quando si fa largo la possibilità della pace.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"Ogni volta che c'è un progresso sul terreno del governo siriano, gli Stati Uniti paralizzano tutto", ha lamentato, oggi, Couso, membro spagnolo del Parlamento europeo di Izquierda Unida (IU).
 
Inoltre, egli ha definito come 'irresponsabile' la decisione degli USA di sospendere i negoziati con la Russia sul cessate il fuoco in Siria. "Gli Stati Uniti cerca di addossare la colpa alla Russia per quanto sta accadendo in Siria", ha aggiunto Couso.
 
Couso, vice presidente della commissione per gli affari esteri del Parlamento europeo ha sostenuto che Washington ha "una posizione ostruzionista" in Siria e li ha accusati di intervenire nella crisi siriana per i loro interesse ed i loro alleati, non per motivi umanitari.
 
"Gli USA hanno abbastanza colpa per il punto in cui si è arrivati: da un lato c'è l'attacco contro l'esercito siriano (...) e, in secondo luogo, il fatto di non controllare quello che chiamano opposizione moderata", ha proseguito Couso, lamentando che tali gruppi impediscono, attraverso l'azione militare, alla popolazione civile di ricevere aiuto.
 
Tuttavia, ha riconosciuto che ci sono progressi ad Aleppo e altrove da parte delle forze dell'esercito siriano e dei loro alleati contro i gruppi terroristici, tra cui l'ISIS, (Daesh, in arabo).
 
In conclusione, Couso ha chiesto la ripresa dei negoziati: "È importante che tutti si siedano di nuovo al tavolo dei negoziati il ??più presto possibile per organizzare corridoi umanitari ed assistere la popolazione civile".
 

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti