Kaliningrad, Amb. Pontecorvo: “Illegittimo, una follia. La Lituania va a fare una cosa del genere da sola?"

Kaliningrad, Amb. Pontecorvo: “Illegittimo, una follia. La Lituania va a fare una cosa del genere da sola?"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Lituania, in seguito ad un’interpretazione delle sanzioni dell’Unione Europea contro la Russia, ha deciso di bloccare parzialmente il transito di materiali e merci dirette a Kaliningrad.

La guerra non segue i propositi dell’occidente, le sanzioni contro la Russia non funzionano, le conseguenze le vivono sulla propria pelle i cittadini dell’UE, le armi inviate all’Ucraina avranno solo la funzione di prolungare il conflitto, con scenari facilmente immaginabili.

Allora, perché non ricorrere all’arma della provocazione per provocare un’escalation della guerra coinvolgendo un paese come la Lituania per coinvolgere la NATO?

Sembra proprio questa l’intenzione. A tal proposito, sulla legittimità del blocco è intervenuto il diplomatico di lungo corso Stefano Pontecorvo, ex Alto Rappresentante civile della NATO in Afghanistan.

 

 

 

Ha avvertito che questo provvedimento “è mettere un dito nell’occhio ai russi politicamente e come ha detto Luca Telese, è un segnale di escalation. Ed è una follia da un punto di vista politico. Bisogna chiedersi che cosa c’è dietro. I lituani sanno bene che non è una misura neutra.”

Inoltre, indicando la mappa tra Lituania e Russia, pone una domanda importante: “La Lituania va a fare una roba del genere da sola? Prendendosi una responsabilità di dare un pugno nell’occhio ai russi senza dire niente a nessuno?”

Sono elementari nozioni del Diritto internazionale, niente di sovversivo, Pontecorvo precisa che a suo parere il blocco di Kaliningrad non è paragonabile all’invasione russa, ma non basterà. Pontecorvo finirà sicuramente nelle liste dei filo-putiniani.

 

LEGGI "Ascesa e declino dell’impero statunitense" di Alessandro Pascale




La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti