/ Khamenei sui disordini in Libano e Iraq: USA e servizi di spionag...

Khamenei sui disordini in Libano e Iraq: USA e servizi di spionaggio occidentali fomentano i disordini

 

La Guida suprema dell'Iran, Ali Khamenei, pur accogliendo le legittime richieste dei manifestanti, ha messo in guardia contro i tentativi di destabilizzare la sicurezza dei paesi come in Libano e Iraq che stanno vivendo un movimento di protesta popolare


Il popolo iracheno e libanese ha delle richieste "giuste"  da far valere, ma deve realizzarle "nel quadro della legge", ha dichiarato, oggi, il supremo leader della rivoluzione islamica in Iran.

 
In Iraq e in Libano "anche le persone hanno delle esigenze. Questi richieste sono giuste, ma possono essere raggiunti solo nel quadro della legge ", ha affermato l'ayatollah Ali Khamenei in un discorso trasmesso in parte dalla televisione di stato.
 
"Se si verifica un'interruzione del quadro giuridico di un Paese, quando è vuoto ... nessuna azione positiva può essere intrapresa", ha aggiunto Khamenei.

 
"Il danno più grande che i nemici possono causare a un paese è privarlo della sicurezza ed è quello che hanno già iniziato a fare in alcuni paesi della regione", ha spiegato
.
Ha poi affermato che la protesta popolare in Libano ha lasciato cadere il governo del Primo Ministro Saad Hariri e in Iraq, i manifestanti sperano di rovesciare quello di Adel Abdel Mahdi.
 
Per la guida iraniana, "il nemico vuole sconvolgere il quadro giuridico" dei paesi della regione.
"Gli Stati Uniti, i servizi di intelligence occidentali sostenuti dai fondi di alcuni paesi reazionari della regione stanno causando problemi nei nostri paesi vicini, in paesi a cui siamo vicini ... per distruggere la sicurezza regionale, ha denunciato Khamenei.
"Vorrei dire qui a coloro che sono preoccupati per il destino di questi paesi come l'Iraq o il Libano, impigliati nei problemi, che la loro priorità [deve essere] di rispondere all'insicurezza", ha concluso.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa