La Belt and Road Initiative: un ponte per il futuro tra Cina e Ungheria

La Belt and Road Initiative: un ponte per il futuro tra Cina e Ungheria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nel panorama delle relazioni internazionali contemporanee, il rapporto tra Cina e Ungheria emerge come un'esemplare dimostrazione di collaborazione e amicizia, caratterizzata da un costante scambio politico ed economico. L'incontro tra il presidente cinese Xi Jinping e il primo ministro Viktor Orban a Budapest ha evidenziato l'importanza di questo legame e delineato una visione ambiziosa per il futuro della partnership bilaterale, come riportano i media cinesi.

Il presidente Xi Jinping ha espresso con enfasi la volontà della Cina di consolidare l'amicizia tradizionale con l'Ungheria, sottolineando l'importanza di approfondire la fiducia politica reciproca e promuovere una cooperazione vantaggiosa per entrambe le parti. In particolare, ha dichiarato: "La Cina è pronta a lavorare con l'Ungheria per rafforzare la fiducia politica reciproca e promuovere una cooperazione vantaggiosa per entrambi".

Questo impegno reciproco è stato enfatizzato dall'alto livello di fiducia politica e dalla solida collaborazione economica tra i due paesi nel corso degli anni. Il presidente Xi ha riconosciuto il ruolo pionieristico dell'Ungheria nell'instaurare relazioni diplomatiche con la Cina sin dai primi giorni della Repubblica Popolare, sottolineando che "l'Ungheria è uno dei primi paesi a riconoscere la Nuova Cina".

Un punto fondamentale emerso dagli incontri, Xi ha incontrato anche il suo omologo ungherese Tamas Sulyok,  è la determinazione dei due paesi a trattarsi reciprocamente da pari a pari e a promuovere una cooperazione che non miri a danneggiare terze parti né sia influenzata da altri attori internazionali. Come sottolineato dal presidente Xi: "L'amicizia tra Cina e Ungheria da generazione a generazione non mira a danneggiare alcuna terza parte, né dovrebbe essere influenzata da alcuna terza parte".

Inoltre, è stata riconosciuta l'importanza della Belt and Road Initiative (BRI) come strumento di cooperazione tra i due paesi, con l'Ungheria che è stata il primo paese europeo a firmare un documento di cooperazione con la Cina in questo contesto. Il orimo ministro Orbán ha partecipato attivamente al Forum di cooperazione internazionale della BRI a Pechino, sottolineando il suo impegno verso una maggiore connettività politica, economica e culturale.

La cooperazione nel settore dell'energia pulita e delle nuove tecnologie è emersa come un pilastro chiave della partnership Cina-Ungheria, con investimenti significativi da entrambe le parti nel settore dei veicoli elettrici e delle batterie. Questa collaborazione è stata descritta da Orbán come "un importante passo avanti nella nostra ricerca di una maggiore sostenibilità ambientale e di un futuro più verde".

Il ruolo dell'Ungheria all'interno dell'Unione Europea è altrettanto cruciale, con il paese che si appresta a assumere la presidenza di turno dell'UE nel secondo semestre di quest'anno. Questa posizione offre un'opportunità unica per promuovere una visione più positiva e pragmatica delle relazioni Cina-UE, sottolineando l'importanza della cooperazione e del dialogo aperto per affrontare le sfide globali.

Il legame tra Cina e Ungheria rappresenta un esempio tangibile di come la cooperazione internazionale possa portare a risultati concreti e benefici reciproci, affermano i media cinesi. Con un impegno continuo verso la fiducia politica, la cooperazione economica e la promozione della pace e dello sviluppo globali, questi due paesi sono ben posizionati per affrontare le sfide del futuro e costruire un mondo più armonioso e prospero per le generazioni a venire. Come sottolineato dal presidente Xi Jinping: "La cooperazione tra Cina e Ungheria è destinata a portare benefici tangibili ai nostri popoli e a contribuire alla stabilità e alla prosperità globali".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti