La Cina aumenta i suoi sforzi per creare una moneta digitale in risposta alla 'Libra' di Facebook

La Cina aumenta i suoi sforzi per creare una moneta digitale in risposta alla 'Libra' di Facebook

Pechino sta prestando "grande attenzione" ai piani di Facebook, in quanto potrebbero rappresentare una sfida per i pagamenti transfrontalieri, la politica monetaria e persino la stabilità finanziaria cinese.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Pechino sta intensificando gli sforzi per introdurre la propria moneta digitale sostenuta dal governo dopo la presentazione della 'Libra', la criptovaluta futura di Facebook, che potrebbe rappresentare una sfida per i pagamenti transfrontalieri, la politica monetaria e persino la stabilità finanziaria. Ha così annunciato lunedì scorso, Wang Xin, direttore dell'Ufficio di ricerca della Banca popolare cinese, in un seminario all'Università di Pechino.



 
In particolare, Wang ha sottolineato che il Banco Popolare sta lavorando con altre istituzioni per ricercare e sviluppare congiuntamente una moneta digitale della banca centrale e che il programma è già stato approvato dal Consiglio di Stato.

 
"Un capo: il dollaro USA"
 

Secondo il capo dell'Ufficio di ricerca, la Banca Popolare cinese sta prestando "grande attenzione" ai piani di Facebook, perché se la 'Libra' viene usata "ampiamente" per i pagamenti, soprattutto quelli transfrontalieri, potrebbe avere "una grande influenza sul politica monetaria, stabilità finanziaria e sistema monetario internazionale ".
 

D'altra parte, la Cina vuole conoscere la composizione del paniere di valute a cui sarà collegata la Libra e il ruolo che il dollaro americano giocherà. Wang ha spiegato che se la valuta digitale di Facebook è "strettamente associata" al dollaro, "potrebbe creare uno scenario in cui le valute sovrane coesisterebbero con le valute digitali centrate sul dollaro USA". "Ma ci sarebbe essenzialmente un capo, che è il dollaro USA e gli Stati Uniti", ha spiegato l'alto funzionario, avvertendo che questa situazione "porterebbe una serie di conseguenze economiche, finanziarie e persino internazionali".
 

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

In fiamme il Parlamento libico di Michelangelo Severgnini In fiamme il Parlamento libico

In fiamme il Parlamento libico