La Cina dice che gli USA vendono a Taiwan armi inservibili che saranno facilmente distrutte

La Cina dice che gli USA vendono a Taiwan armi inservibili che saranno facilmente distrutte

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nel tentativo di giocare la carta Taiwan contro la Cina provocando Pechino, l’amministrazione Biden ha ricevuto l'approvazione del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti per le prime vendite di armi all’isola. 

L’agenzia Reuters, citando il Pentagono, ha riferito che l’accordo include la vendita di 40 sistemi di artiglieria semoventi medi M109A6 da 155 mm, 1.698 kit di guida di precisione per munizioni, pezzi di ricambio, addestramento, stazioni di terra e aggiornamenti per la generazione precedente di obici, all'isola di Taiwan. Accordo dal valore totale di 750 milioni di dollari.

Citando le autorità di difesa dell'isola, Reuters ha riferito che gli obici aiuterebbero le sue forze di terra ad aumentare la loro "capacità di reazione rapida e supporto di fuoco".

La vendita di armi è una provocazione feroce degli Stati Uniti, evidenzia il quotidiano Global Times, e in linea con la strategia degli Stati Uniti per creare problemi alla Cina nell'Indo-Pacifico. Ma indipendentemente dalle armi e dall'equipaggiamento che gli Stati Uniti vendono all'isola, non possono inclinare il divario di capacità militare attraverso lo stretto di Taiwan, per non parlare del fatto che gli obici da vendere questa volta sono armi obsolete e diventeranno solo obiettivi reali per l’Esercito Popolare di Liberazione (PLA) in caso di conflitto, affermano esperti di Pechino. 

Gli obici semoventi non possono svolgere il loro ruolo previsto quando le forze armate sull'isola di Taiwan non possono impadronirsi della superiorità aerea o controllare il mare, poiché diventeranno bersagli reali del PLA solo se verranno schierati in prima linea o in posizioni costiere in un potenziale guerra, ha detto al Global Times Wei Dongxu, un esperto militare cinese. 

Mentre gli obici semoventi vantano un certo livello di mobilità, non possono sfuggire agli attacchi di una combinazione di caccia multiruolo, bombardieri, elicotteri d'attacco, razzi e truppe di terra poiché non avranno alcuna copertura, spiegano gli analisti interrogati in merito dal quotidiano. 

L'esercito nordamericano sta già gradualmente perdendo interesse per gli obici M109, ha sottolineato Wei.

Gli Stati Uniti non stanno realmente aiutando l'isola di Taiwan a potenziare la capacità militare con la vendita di queste armi, ma vedono l'isola come un bidone per il riciclaggio di armi e attrezzature obsolete e ne ricavano profitti irragionevolmente elevati, creando al contempo ulteriori problemi. 

Un'arma del genere non sarà in grado di cambiare il fatto che il PLA detiene vantaggi schiaccianti rispetto ai militari dell'isola di Taiwan, dicono gli analisti. 

Il ministero degli Esteri cinese ha condannato la vendita di armi, rilevando che la Cina adotterà risolutamente contromisure legittime e necessarie.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it