La Cina ha ricordato alla NATO il bombardamento della sua ambasciata in Jugoslavia

La Cina ha ricordato alla NATO il bombardamento della sua ambasciata in Jugoslavia

Missione cinese in Ue: Pechino non dimenticherà mai chi ha bombardato l'ambasciata cinese in Jugoslavia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Cina non dimenticherà mai chi ha attaccato l'ambasciata cinese in Jugoslavia e non ha bisogno di lezioni da parte di trasgressori del diritto internazionale, secondo quanto si legge in una dichiarazione apparsa sul sito web della missione cinese presso l'UE. 

"Il popolo cinese è in grado di condividere pienamente il dolore e la sofferenza di altri Paesi, perché non dimenticheremo mai chi ha bombardato la nostra ambasciata in Jugoslavia. E non abbiamo bisogno di lezioni sulla giustizia da parte di un trasgressore del diritto internazionale”, afferma la missione diplomatica cinese in relazione alle critiche avanzate dal blocco atlantico a Pechino. 

Come residuo della Guerra Fredda e come più grande alleanza militare del mondo, la NATO continua ad espandere la sua geografia e la sua gamma di operazioni, aggiunge la dichiarazione cinese.

"La NATO deve riflettere attentamente sul ruolo che ha svolto nel portare pace e stabilità nel mondo", afferma il testo.

In precedenza, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg aveva invitato la Cina a condannare l’operazione militare della Russia in Ucraina per smilitarizzzare e denazificare il regime di Kiev.

Il 7 maggio 1999, un bombardamento della NATO colpì l'ambasciata della Repubblica Popolare Cinese a Belgrado. L'impatto uccise tre persone e provocò il ferimento di altre 20.

Il ministero degli Esteri cinese ha più volte sottolineato che la Cina ha sempre agito in modo obiettivo e imparziale rispetto alla crisi ucraina, ha espresso giudizi indipendenti e ha espresso la propria posizione sulla base dell'essenza della questione stessa, e ha sempre chiesto dialogo e negoziati per raffreddare la situazione al contrario di ha soffiato sul fuoco e alimentato venti di guerra.  

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...