La Cina, la demografia e perché i media occidentali hanno esultato troppo presto

La Cina, la demografia e perché i media occidentali hanno esultato troppo presto

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Tom Fowdy* - RT

 

Il censimento della Cina di questa settimana ha mostrato che, negli ultimi dieci anni, la sua popolazione è cresciuta di appena lo 0,53% a 1,41 miliardi e si prevede che ci sarà un calo. Ma è davvero questo il colpo a Pechino che i suoi nemici sperano che venga inferto?

Sebbene un censimento a prima vista sembri insignificante, il rapporto ha ottenuto un'ampia copertura dai media internazionali, che lo hanno utilizzato nel contesto della competizione strategica cinese con gli Stati Uniti. Quanto è importante? 

La risposta è: la popolazione è importante, soprattutto quando si tratta di economia. La popolazione cinese, che sta invecchiando e diminuendo la fertilità, è spesso citata dagli scettici come motivo per cui la crescita economica del paese potrebbe non reggere a lungo termine, anche se si prevede che supererà quella degli Stati Uniti entro il prossimo decennio. 

Perché? Perché sostengono che una popolazione più anziana significa una forza lavoro più piccola e una forza lavoro più piccola significa meno produttività, il che ha un impatto sul PIL. Ma è inevitabile che accada? O la Cina troverà un modo per mitigarlo?

 

Una Cina che cambia

La Cina è un paese che ha vissuto un immenso livello di cambiamenti e sconvolgimenti sociali ed economici nel secolo scorso. Nel 1950, il primo anno della RPC, la Cina era in gran parte un paese agricolo povero in cui il numero medio di nascite per donna era di sei. Agli inizi Mao ha portato a un cambiamento rivoluzionario che ha cercato di spazzare via le sue tradizioni confuciane, rivedere i contadini cinesi e rimodellare il ruolo delle donne verso l'uguaglianza in una nuova società.

Ciò ha coinciso con la rapida trasformazione della Cina in una società industriale e urbana, un cambiamento che è stato accelerato dalle riforme e dall'apertura sotto Deng Xiaoping. 

Nel 1978, Deng ha anche implementato una delle politiche più importanti sulla demografia della Cina odierna, la politica del figlio unico, mirata agli abitanti delle città e progettata per prevenire la sovrappopolazione in un paese che si era poi gonfiato fino a oltre un miliardo di persone (quasi il doppio rispetto al 1950) . 

Eppure, anche se quella politica è stata alla fine eliminata nel 2015, il tasso di fertilità della Cina non è tornato indietro, e questo perché le conseguenze economiche dello sviluppo hanno già reso il calo delle nascite un fenomeno naturale, invece di essere artificiale, imposto.

Insieme alle lunghe ore di lavoro, il costo della vita nelle grandi città cinesi non è economico, e nemmeno il costo per crescere un figlio, specialmente quando nella società cinese è imposto ai genitori l'obbligo di pagare per la loro istruzione. Questo declino è una tendenza in tutto il mondo, specialmente nelle aree più sviluppate dell'Asia, come Taiwan , Giappone e Corea del Sud, che stanno affrontando la stessa sfida dell'invecchiamento della popolazione e dei bassi tassi di fertilità.

 

In geopolitica, grande è meglio

Di conseguenza, i problemi demografici della Cina sono spesso oggetto di attenzione a causa delle loro conseguenze geopolitiche, ponendo la questione se la Cina possa sostenere qualsiasi vantaggio futuro che potrebbe guadagnare sull'economia degli Stati Uniti. Vale la pena tenere presente, tuttavia, che anche il tasso di fertilità dell'America sta gradualmente  diminuendo , portando a un rallentamento  della crescita e all'invecchiamento della popolazione. 

Tuttavia, il motivo per cui questo è considerato geopoliticamente meno consequenziale è perché l'America è un'economia di consumo in cui la crescita è basata più sulla spesa, mentre la Cina è un'economia industriale che sta ancora tentando di fare quella transizione. 

In geopolitica, le dimensioni contano. È per questo che un recente libro di un sostenitore della guerra in Iraq ha esposto la causa per l'America di aumentare i suoi 330 milioni di abitanti di un fattore tre. Un miliardo di americani? Per favore no… 

Quindi tutto questo significa che la Cina è condannata? Non necessariamente. La copertura delle prospettive economiche della Cina è più che spesso pessimista e nei circoli occidentali c'è una vaga tendenza eccessiva a prevedere il " destino ". Invertire una tendenza negativa dei tassi di fertilità è difficile a causa dei massicci cambiamenti economici che richiederebbero, ma ciò non significa che Pechino non abbia una cassetta degli attrezzi per mitigare il problema. 

Il primo è il ruolo crescente  dell'automazione e dei robot nelle fabbriche. Con l'aumento dei salari in Cina e il cambiamento della struttura economica, la produzione sta già diventando una carriera meno desiderabile; progressi nell'intelligenza artificiale e nella produzione automatizzata stanno già aumentando nelle fabbriche cinesi. Raggiungere questo obiettivo è una parte fondamentale della strategia industriale del paese , negando che la sua economia rimarrà strettamente dipendente dalla forza lavoro, soprattutto quando diventerà più istruita e qualificata. Lo Stato propone già l'idea di sovvenzionare i genitori per avere più figli, innalzare l'età pensionabile e abolire anche le politiche di pianificazione familiare. 

Man mano che la Cina diventa più sviluppata, c'è anche la possibilità di consentire l'immigrazione anche dai paesi più poveri, un'opzione a cui l'Occidente si rivolgerà sicuramente con l'avvicinarsi del declino, ma ciononostante la natura del suo sistema politico e la scelta della stabilità interna potrebbero ostacolarlo poiché è un'opzione seria.

Quindi questo rallentamento della popolazione è tutto perdente per Pechino, come alcuni in occidente amano sperare che sia? Solo il tempo lo dirà. Sicuramente metterà a dura prova il modello esistente del paese, ma la capacità dello Stato cinese di affrontare i problemi e trovare soluzioni in modo molto organizzato non deve essere sottovalutata.

 

*Scrittore e analista britannico di politica e relazioni internazionali con un focus primario sull'Asia orientale.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra