La Cina "non riconoscerà più" il passaporto rilasciato dal Regno Unito agli abitanti di Hong Kong

La Cina "non riconoscerà più" il passaporto rilasciato dal Regno Unito agli abitanti di Hong Kong

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La guerra dell’occidente contro la Cina si sviluppa su diversi fronti. Uno di questi è sicuramente quello di Hong Kong. Con le potenze occidentali a fomentare e foraggiare il movimento di protesta contro la Cina nell’ex colonia britannica. 

Un punto di attrito è quello relativo alla legge sulla sicurezza nazionale. Misura che si è resa necessaria per fermare le ondate di violenza golpista scatenata dal movimento di protesta contro la Cina. Il Regno Unito ha ripetutamente condannato il governo cinese per l'imposizione della legge, definendola una "grave violazione" della Dichiarazione congiunta sino-britannica del 1984 che ha aperto la strada al passaggio di Hong Kong alla Cina nel 1997.

La Cina intanto come reso noto dal portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian, ha informato che riconoscerà più i passaporti nazionali britannici d'oltremare come documento di viaggio e di identità. Secondo il portavoce, il governo si riserva il diritto di intraprendere ulteriori azioni in merito.

I funzionari cinesi, inoltre, hanno esortato il Regno Unito a non interferire negli affari di Hong Kong e ad abbandonare la loro "mentalità da guerra fredda".

Negli ultimi mesi, Londra e Pechino si sono scontrate su diverse questioni. Il 12 gennaio, il ministro degli Esteri, del Commonwealth e dello sviluppo britannico Dominic Raab ha dichiarato che il governo avrebbe implementato un'ampia gamma di misure contro Pechino per i presunti maltrattamenti degli uiguri in Cina. Pechino ha negato tutte le accuse e ha esortato Londra a ritirare le restrizioni al commercio con le aziende della provincia dello Xinjiang imposte con il pretesto di violazioni dei diritti umani e dell'uso del lavoro forzato.

Tornando a Hong Kong, invece, la legge sulla sicurezza nazionale vieta le attività secessioniste, sovversive e terroristiche, insieme a qualsiasi forma di interferenza straniera. Il presidente cinese Xi Jinping ha firmato un decreto per emanare la legge il 30 giugno 2020.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti