La Cina respinge aerei stranieri sul Mar Cinese Orientale con i caccia stealth J-20

La Cina respinge aerei stranieri sul Mar Cinese Orientale con i caccia stealth J-20

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

L’Ucraina non è il solo fronte caldo sullo scacchiere mondiale. Resta tesa anche la situazione intorno all’isola di Taiwan dove Stati Uniti e vassalli occidentali continuano a effettuare provocazioni nei confronti della Cina. 

Pechino ha riferito che si sono verificati svariati tentativi di penetrare nello spazio aereo cinese ma che queste provocazioni sono state respinte grazie ai pattugliamenti effettuati dall’Aeronautica militare cinese (PLA) con i caccia stealth J-20. I velivoli più avanzati in possesso di Pechino e in grado di rivaleggiare con le controparti occidentali.

Il quotidiano Global Times ha sentito in merito alcuni esperti militari i quali hanno affermato che, grazie ad aerei da guerra avanzati come il J-20 e altri, la Cina è ben equipaggiata per affrontare le provocazioni di ricognizione ravvicinata da parte di militari stranieri.

Volando con i jet da combattimento J-20, i piloti del Wang Hai Air Group hanno recentemente condotto pattuglie di combattimento nella zona di identificazione della difesa aerea del Mar Cinese Orientale, ha riferito mercoledì la China Central Television (CCTV).

Durante la missione, i J-20 hanno allontanato gli aerei stranieri che si avvicinavano allo spazio aereo cinese. "Le nostre forze navali e aeree hanno ora raggiunto la gestione e il controllo di routine della Zona di Identificazione della Difesa Aerea del Mar Cinese Orientale, con i J-20 che svolgono missioni di allerta di combattimento di routine", ha dichiarato il colonnello senior Li Debing, pilota del Gruppo Aereo Wang Hai, citato dalla CCTV.

Negli ultimi 10 anni, il J-20 ha volato nel Mar Cinese Orientale, nel Mar Cinese Meridionale e nello Stretto di Taiwan, e altri velivoli di questo tipo sono stati messi in servizio in tutto il Paese.

La produzione di massa e l'ampio dispiegamento del J-20 consentiranno all'aeronautica militare del PLA di salvaguardare meglio la sovranità, l'integrità territoriale e gli interessi di sviluppo della Cina, ha dichiarato un un esperto militare di Pechino anonimo.

Gli aerei da guerra e le navi da guerra straniere, in particolare quelle degli Stati Uniti, hanno condotto frequenti operazioni di ricognizione ravvicinata ed esercitazioni militari provocatorie alle porte della Cina. Con l'impiego dei J-20 avanzati in missioni di pattugliamento, l'Aeronautica militare del PLA non solo identificherà, seguirà e monitorerà efficacemente queste potenziali minacce, ma costituirà anche un potente deterrente e le allontanerà quando necessario, ha dichiarato l'esperto.

Fu Qianshao, esperto di aviazione militare cinese, ha dichiarato al Global Times che la Cina dispone di un sistema completo e di protocolli per contrastare la ricognizione ravvicinata e le provocazioni straniere, che comprendono non solo i jet da combattimento come il J-20, ma anche i sistemi di allerta precoce come l'aereo di allerta precoce KJ-500.

Una combinazione del genere, alle porte della Cina, è in grado di contrastare anche i jet da combattimento stealth stranieri, ha dichiarato Fu.

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti