/ La Cina sarà alla guida della rivoluzione globale del 5G, raggiun...

La Cina sarà alla guida della rivoluzione globale del 5G, raggiungendo i 600 milioni di abbonati entro il 2025

 

Si prevede che il mercato globale del 5G crescerà fino a 1,6 miliardi di utenti nei prossimi cinque anni. Gran parte di tale crescita proviene dalla Cina sulla base dei piani di lancio degli operatori, ha affermato GSMA, un'associazione internazionale nel settore della telefonia mobile


Nei prossimi 5 anni la Cina avrà oltre 600 milioni di abbonati 5G, che rappresentano quasi il 40 percento del totale globale, ha dichiarato a Xinhua Sihan Bo Chen, capo della GSMA Greater China.
 
Fino all'85% della popolazione cinese si abbonerà ai servizi mobili entro il 2025, mentre l'88% di questi abbonati avrà smartphone e il 36% utilizzerà servizi 5G, secondo il CEO di GSMA John Hoffman.
 
Ed ha aggiunto: "Accogliamo con favore gli sforzi continui della Cina per promuovere l'apertura alla costruzione di un 'futuro condiviso' attraverso la collaborazione e la cooperazione".
 
GSMA ha pubblicato un white paper sull'intelligenza artificiale (AI) in casi studio di rete insieme a China Mobile, China Telecom, China Unicom, Huawei e altre società.
 
"Speriamo che lo sviluppo della rete mobile in Cina possa ispirare il resto del mondo e dare vita ai servizi di IA di prossima generazione", ha affermato Sihan Bo Chen.
 
Un enorme boom della tecnologia per smartphone 5G nel 2020 è stato recentemente previsto dalla banca di Wall Street Goldman Sachs. L'analista della banca ha affermato che, nonostante i colli di bottiglia nella produzione di componenti per smartphone 5G, il colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei dovrebbe trarne significativi benefici. 
 
Huawei ha effettuato la prima chiamata globale 5G e ha lanciato il primo dispositivo terminale 5G nel 2018.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa