/ La Cina si oppone alle sanzioni unilaterali USA. Bisogna trovare ...

La Cina si oppone alle sanzioni unilaterali USA. Bisogna trovare un sistema adatto alle dinamiche di un mondo multipolare

 


di Wang Wenwen - Global Times
 

Quando vieni sfidato anche dagli amici più cari, bisogna pensare a cosa si è fatto di sbagliato.

 

Francia, Germania e Gran Bretagna, una volta alleati intimi degli Stati Uniti, hanno istituito un sistema di pagamento per consentire alle imprese europee di aggirare le sanzioni statunitensi e commerciare con l'Iran.

 

La mossa è vista non solo come opposizione alla decisione dello scorso anno presa dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, di abbandonare un accordo 2015 in base al quale le sanzioni internazionali contro l'Iran sono state abolite, ma anche come esercizio in Europa di sovranità economica di fronte all’imposizione di Washington della sua politica estera su altri paesi.

 

Anche le aziende cinesi sono vittima delle sanzioni statunitensi e la Cina accoglie con favore un tale meccanismo. Troppo spesso, le sanzioni economiche statunitensi sono utilizzate per promuovere l'intera gamma degli obiettivi strategici di Washington e diventare uno strumento politico di scelta per gli Stati Uniti nel mondo post-Guerra fredda.

 

La forza delle sanzioni statunitensi è radicata nel potere e nella portata dell'economia statunitense. Il dollaro USA viene utilizzato per il commercio internazionale di petrolio e gas e un'ampia parte del commercio globale. Ciò conferisce agli Stati Uniti un privilegio esorbitante nel sanzionare i paesi che gli si oppongono.

 

Gli Stati Uniti ora mantengono sanzioni economiche contro dozzine di paesi tra cui Cuba, Myanmar, Iran, Corea del Nord e Venezuela.

Le sanzioni degli Stati Uniti sono imposte quando Washington pensa che i suoi interessi siano indeboliti.

 

Le ultime sanzioni alla compagnia petrolifera statale del Venezuela mirano a tagliare le fonti di valuta estera del governo venezuelano di Nicolas Maduro e costringerlo a un passo indietro. Ovviamente gli Stati Uniti stanno usando sanzioni sul Venezuela per spingere verso la transizione politica nei paesi dell'America Latina.

 

Il mondo è ancora dominato dal dollaro e dalle società statunitensi. Quindi le sue misure finanziarie ed economiche possono costringere gli altri Stati ad adeguare le loro politiche di conseguenza in modo da finanziare la superpotenza per sostenere la sua egemonia geopolitica. A loro volta, gli Stati Uniti abuseranno di tale egemonia per rafforzare la propria supremazia sul dollaro. Questo, tuttavia, farà esacerbare le tensioni e bypassare l'ordine internazionale che gli Stati Uniti stanno con forza rimodellando per i propri interessi.

 

Un nuovo meccanismo dovrebbe essere concepito per ostacolare questo circolo vizioso. Con l’approfondimento delle divisioni tra Stati Uniti-UE, persino gli alleati europei degli Stati Uniti possono vedere il lato negativo della manipolazione degli Stati Uniti dell'ordine mondiale e hanno capito la necessità di facilitare lo sviluppo delle loro attività per il bene dei propri interessi.

 

Essendo uno dei principali attori nell'ordine mondiale, la Cina si oppone alle sanzioni unilaterali. La Cina dovrebbe unirsi a più paesi per negoziare ed esplorare un sistema adatto alle dinamiche di un mondo multipolare.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa