/ La Cina si oppone all'uso di presunti aiuti umanitari per destabi...

La Cina si oppone all'uso di presunti aiuti umanitari per destabilizzare il Venezuela

 

La Cina dichiara il suo rifiuto all'uso di aiuti umanitari per fini politici e respinge l'incitamento alla crisi e all'intervento militare in Venezuela.


"La parte cinese (...) si oppone l'intervento straniero negli affari interni del Venezuela (...) Si oppone anche l'uso del presunto aiuto umanitario a fini politici e l'incitamento alla instabilità e alla crisi in Venezuela e con i suoi vicini", ha ribadito il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Lu Kang.
 
In una conferenza stampa tenuta ieri a Pechino, Lu ha sottolineato che questa situazione non rispetterà gli interessi di nessuna delle parti coinvolte nel conflitto.
 
Anche le Nazioni Unite (ONU) hanno espresso preoccupazione per ciò che accade sul confine venezuelano e hanno chiesto di non utilizzare gli "aiuti" destinati al paese caraibico a fini politici o militari. Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha respinto il presunto "aiuto umanitario" e ha denunciato domenica scorsa che gli Stati Uniti hanno cercato di nascondere i loro piani interventisti contro il paese con quello "spettacolo di cattivo gusto".
 
Lu Kang, inoltre, ha trasmesso la speranza di Pechino per il Venezuela di mantenere la pace e la stabilità.
Allo stesso modo, ha esortato le parti coinvolte nel conflitto in questo paese latinoamericano a procedere alla ricerca di "soluzioni politiche" attraverso il dialogo e la consultazione, nel quadro della Costituzione e delle leggi.
 
La Cina, secondo il diplomatico, chiede anche alla comunità internazionale di adottare misure "costruttive" che porteranno al ripristino della stabilità, dello sviluppo economico e della prosperità della nazione venezuelana, con la premessa del "rispetto della sovranità", ha precisato Lu.
 
Fonte: https://www.fmprc.gov.cn
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa