/ La Cina sta vincendo la partita del petrolio Offshore

La Cina sta vincendo la partita del petrolio Offshore

 

La presenza internazionale della Cina nel settore petrolifero offshore sta rapidamente crescendo poiché le sue major petrolifere sono disposte a investire in luoghi che altre compagnie non prenderebbero nemmeno in considerazione


Fonte Articolo

I cinesi hanno facilità nel lavorare, inoltre, le banche di sviluppo cinesi sono disposte a prestare miliardi ai paesi produttori di petrolio in America Latina e Africa, e le sue compagnie petrolifere statali sono disposte a investire in progetti che altri non prenderebbero nemmeno in considerazione. 
Tutto ciò ha portato a un'enorme impronta cinese al largo, che alla fine si tradurrà in un formidabile potere geopolitico, mentre l'Occidente resta indietro.  
 
Appetito della Cina per il greggio
 
Un quarto di secolo fa, la Cina poteva soddisfare la sua domanda interna di greggio attraverso la propria produzione di 4 milioni di barili al giorno. Ora, la sua domanda è molto di più, ma la produzione interna della Cina è ancora di soli 4 milioni di barili al giorno. Ora è rimasto per importare i restanti 10 milioni di barili al giorno. 
 
A metà degli anni '90, l'industria petrolifera cinese ha subito un'importante riforma, e le prime tre compagnie petrolifere statali: la China National Petroleum Corporation (CNPC), la China National Offshore Oil Corporation (CNOOC) e la China National Petrochemical Corporation (Sinopec): hanno ottenuto lo status a livello ministeriale e hanno avuto il potere di dirigersi all'estero. 
 
Con questo in moto, la sua risposta alla domanda ora è quella di investire - e pesantemente - fino all'offshore necessario. 
 
 
E quando si tratta di investimenti petroliferi, la concorrenza non è così feroce quando si tratta di costosi progetti petroliferi offshore. 
 
Secondo Bloomberg, i tre grandi produttori di petrolio in Cina avrebbero dovuto spendere $ 77 miliardi per gli sviluppi petroliferi quest'anno. A livello nazionale, la Cina probabilmente avrà bisogno di spendere di più per estrarre più petrolio in casa sua, poiché il petrolio cinese è più profondo e più difficile da ottenere rispetto al petrolio degli Stati Uniti. 
 
I piani di capex della Cina suggeriscono tuttavia che questo prezzo si adatta perfettamente a loro, un prezzo giustificabile da pagare per la sicurezza petrolifera.

 
Progetti petroliferi offshore esteri
 
 I tre principali colossi petroliferi cinesi hanno avviato progetti petroliferi offshore per anni, anche negli anni successivi al petrolio di $ 100 quando le cinture di tutti gli altri hanno iniziato a stringere. Sono in una posizione migliore rispetto a molte altre compagnie petrolifere straniere per investire in costosi progetti all'estero, non da ultimo perché hanno i soldi, sono motivati ??dalla loro forte domanda e bassa produzione esistente e sono di proprietà statale, prendendo rendendo più facile.
 
A novembre 2017, Brasile: tre consorzi che coinvolgono tre dei colossi petroliferi cinesi, CNPC, CPCC e CNOOC hanno vinto tre importanti blocchi al largo del Brasile. I blocchi includono Peroba, Alto de Cabo Frio West e Saphinhoa.  
 
Il CNOOC, che ha anche fatto scattare un blocco in quell'asta come parte di un consorzio, ha le sue mani in diversi blocchi di acque ultra profonde lì, incluso nel blocco Mero, così come l'Alto de Cabo Frio Oeste, Pau Brasil e Block 592 nel bacino dell'Espírito Santo. Per Mero, che detiene 3,3 miliardi di barili di petrolio equivalente, è prevista la prima estrazione di petrolio nel 2021.

Ma non è tutto. Il CNOOC ha un interesse lavorativo del 100 percento in due progetti di acque profonde in Messico, nel Cinturon Plegado Perdido del Golfo del Messico, nei blocchi 1 e 4. È anche il fortunato detentore di un interesse lavorativo del 25 percento nel blocco Stabroek al largo della Guyana, dove risorse recuperabili si prevede che saranno circa 6 miliardi di barili di petrolio equivalente, con sei scoperte fatte l'anno scorso e quattro fatte quest'anno, per un totale di 14 scoperte in quel blocco dal 2015. La prossima scoperta lì, la Fase 1 di Liza, dovrebbe arrivare online nel 2020. Liza 2 e Payara si aspettano il primo petrolio nei prossimi anni. 
 
Negli Stati Uniti, CNOOC ha attività nei campi di Stampede e Appomattox nel Golfo del Messico, l'ultimo dei quali è stato recentemente messo in produzione. Lo Stampede è entrato in produzione l'anno scorso.
 
Il CNOOC sta esplorando anche altre aree offshore, sia nel petrolio che nel gas, tra cui la Repubblica del Congo, nel blocco Haute Mer A, il Gabon nei blocchi BC 9 e il pozzo Leopard-1 del BCD 10, nell'AGC Profond Block del Senegal e in Nigeria Blocco OML130 compreso nei campi Egina e Akpo, che sono già in produzione.
 
Anche la più recente asta di petrolio del Brasile, che si è rivelata un'enorme delusione per il Brasilia, ha trovato offerenti interessati a CNOOC e CNPC, gli unici offerenti nell'asta oltre alle Petrobras statali brasiliane. Il motivo dell'interesse poco brillante era l'alto costo dell'asta e una complicata struttura di accordi con Petrobras. Ciò non ha scoraggiato la Cina.
 
La Cina ha anche effettuato un'incursione offshore in Canada, acquistando alcuni anni fa Nexen con sede in Alberta per oltre $ 15 miliardi. Nexen detiene attività petrolifere offshore nel Mare del Nord, in Africa e nel Golfo del Messico, e nella costa orientale del Canada, incluso il Flemish Pass, dove è prevista una campagna di selvicoltura in poche settimane.
 
La ricerca cinese per il know-how tecnico nelle perforazioni
 
La cosa simile di molti di questi accordi è che i progetti di acque profonde della Cina fanno spesso parte di un consorzio. Ciò consente ai giganti petroliferi statali cinesi di raccogliere esperienza e know-how tecnico per la perforazione in acque profonde, che possono anche utilizzare a casa, dove la perforazione è particolarmente difficile.
L'altro aspetto è che la Cina sembra avere un'abbondanza di liquidità ed è disposta a trascurare la mancanza di trasparenza, i problemi di sicurezza e corruzione dei paesi ospitanti - scoprendo che il petrolio sembra valere il rischio - a tutti i costi.
 
Rimescolando per le tasche profonde della Cina
 
Quando si tratta di paesi disposti a ospitare le ambizioni petrolifere della Cina, ci sono pochi partecipanti riluttanti. L'Africa - in particolare l'Angola e la Nigeria - e l'America Latina, come il Venezuela, sono state più che desiderose di mettere le mani sui soldi della Cina. Ciò potrebbe avvenire sotto forma di prestiti bancari a favore di paesi ospitanti in cambio di petrolio o di pagamenti diretti a compagnie petrolifere statali per partecipazioni a progetti petroliferi e fusioni e acquisizioni, come l'acquisto Nexen del CNOOC di cui sopra.
Tutto sommato, il debito di altri paesi nei confronti della Cina è aumentato di dieci volte tra il 2000 e il 2017, da meno di $ 500 miliardi nel 2000 a oltre $ 5 trilioni nel 2017, secondo uno studio del think tank tedesco Kiel Institute for the World Economy, e gran parte di tale debito è "nascosto",  cioè non segnalato all'FMI, alla Banca mondiale o al Club di Parigi. Ciò significa che nessuno sa davvero esattamente quanti soldi la Cina sta gettando in giro e per chi o per cosa.
 
Ma esistono stime, principalmente da notizie e persino da comunicati stampa governativi - per lo più fonti non ufficiali - una tendenza che evidenzia la natura non trasparente degli accordi cinesi, compresi gli accordi petroliferi offshore.  
 
L'Angola, per esempio, ha attratto più denaro della Cina per progetti energetici rispetto a qualsiasi altro paese africano dal 2000 - almeno pensiamo - ben prima del crollo del prezzo del petrolio, secondo uno studio dell'Università di Boston dello scorso anno. 
 
Dal 2000-2018, la Cina ha finanziato $ 34,8 miliardi in progetti energetici africani, di cui $ 8,9 miliardi in Angola e $ 6,6 miliardi in Nigeria. Non tutti i fondi sono stati destinati a progetti offshore, ma con la Cina che ha speso i suoi dollari verso progetti energetici africani in generale, mostra la saggezza della Cina nel fondarsi su un'esplosione demografica nel continente, a oltre 1,3 miliardi di persone entro il 2050, aumentando logicamente il fabbisogno energetico per Africa.  
 
In America Latina, il Brasile è un obiettivo primario per gli investimenti cinesi, con una stima di $ 17 miliardi di fondi che si spostano dalla Cina al Brasile dal 2010 al 2013. Anche Argentina, Colombia, Ecuador e Bolivia sono state destinatarie di denaro cinese sotto forma di investimenti petroliferi . 
 
Ma la relazione che è stata maggiormente evidenziata negli ultimi anni è stata con il Venezuela, che ha un disperato bisogno di denaro. La Cina ha erogato $ 50 miliardi di prestiti garantiti dal petrolio al Venezuela dal 2007, non ostacolati dal governo che ha spaventato molti rivali occidentali.
 
È improbabile che la Cina abbia finito con i suoi piani petroliferi offshore. Non c'è nessun posto in cui la Cina possa andare in cerca di petrolio, e non ci sono molti concorrenti abbastanza grandi - o abbastanza coraggiosi - da competere per questi progetti offshore ad alto costo, rischiosi e impopolari. 
 
Troverà abbastanza petrolio offshore per alimentare la sua abitudine di importazione di 10 milioni di barili al giorno.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa