La Croazia si ritirerà dalle Forze Nato nella regione in caso di conflitto russo-ucraino

La Croazia si ritirerà dalle Forze Nato nella regione in caso di conflitto russo-ucraino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Croazia ritirerà le sue truppe dalla NATO in caso di conflitto tra Russia e Ucraina, ha affermato il presidente della Repubblica, Zoran Milanovic, ai microfoni della tv di Stato croata HRT. 

Quindi il caso di conflitto le autorità croate richiameranno tutte le truppe impegnate con le forze della NATO in Europa orientale. 

"Come comandante in capo ho seguito da vicino le dichiarazioni che indicano che la NATO - non un paese, non gli Stati Uniti - sta aumentando la sua presenza e sta inviando alcune navi da ricognizione. Noi non abbiamo alcuna influenza e non avremo nulla a che fare con questo. Lo garantisco", ha dichiarato Milanovic.

"La Croazia non invierà nessuna truppa in caso di escalation. Al contrario, richiamerà tutte le truppe, fino all'ultimo soldato croato", ha promesso il presidente.

Allo stesso tempo Milanovic ha sottolineato che questa intenzione non è in alcun modo legata all'Ucraina o alla Russia. La decisione deriva da ciò che ha descritto come "le tendenze della politica interna degli Stati Uniti, condotta da Joe Biden e dalla sua amministrazione", la cui ascesa al potere Milanovic ha accolto con favore.

"Per quanto riguarda le questioni di sicurezza internazionale, vedo incoerenza e di fatto un comportamento pericoloso", ha poi aggiunto.

Milanovic ha anche menzionato i suoi oppositori - il ministro degli Esteri Gordan Grlic-Radman, il ministro della Difesa Mario Banozic e il primo ministro Andrej Plenkovic.

"Grlic-Radman e Banozic sono liberi di andare a Bruxelles. Per quanto riguarda l'esercito croato, la Croazia non vi parteciperà. Non ne verrà fuori niente. Plenkovic può minacciare la Russia quanto vuole. La Croazia dovrebbe scappare da questo come dal fuoco", ha detto Milanovic.

La Russia e gli Stati Uniti hanno avuto colloqui sulle garanzie di sicurezza della NATO a Mosca, compresa la non espansione dell'alleanza verso est e il ritiro delle armi di attacco. Ci sono già stati diversi giri di consultazioni in diversi formati, ma nessun accordo è stato ancora raggiunto o annunciato.

Tuttavia, l'Occidente continua a sostenere che la discussione deve essere incentrata sui presunti preparativi per un'invasione russa dell'Ucraina.

Il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov ha ripetutamente respinto tali insinuazioni come un'infondata fiammata di tensioni. Il portavoce del Cremlino ha affermato che la Russia non rappresenta una minaccia per nessuno. Allo stesso tempo, Peskov ha indicato un certo rischio di provocazioni che potrebbero essere messe in scena a sostegno di tali affermazioni e ha avvertito che qualsiasi tentativo di infiammare la crisi nel sud-est dell'Ucraina comporterebbe conseguenze disastrose.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti