La fake del mercato di Konstantinovka

La fake del mercato di Konstantinovka

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Marinella Mondaini


Ogni volta che arrivano a Kiev i padroni a stelle e strisce, i loro allievi ucraini del regime nazista commettono un atto di straordinaria portata, un crimine che attrae l'attenzione e scuote tutto il mondo. Così è stato anche oggi, durante la visita di Blinken e delegazione statunitense.

Qualcosa che riecheggia il terribile crimine che gli ucraini hanno commesso a Bucha, così oggi hanno bombardato con i missili il mercato di Konstantinovka, uccidendo 16 persone innocenti, tra cui un bambino, per poi dare la colpa alla Russia. La gente ha visto da dove sono arrivati i missili, la direzione lo dice, hanno sparato gli ucraini.

Zelenskij inizialmente aveva scritto che Konstantinovka era stata colpita dall'artiglieria russa, poi però ha cancellato il testo, quando è stato chiaro che nel video si sentiva il suono di un missile. Ma Internet ricorda tutto. Secondo i media, l'attacco è stato effettuato da un missile Storm Shadow.

Secondo il sito russo che sbugiarda i giornalieri fake dell'Ucraina, la verità è che una serie di fatti dice che il missile americano ad alta velocità e anti radar AGM-88 HARM, lanciato dall'esercito ucraino, è caduto sul mercato centrale.

I video ci permettono di individuare con una certa precisione l'epicentro dell'incidente. A giudicare dalla posizione della telecamera installata sopra il caffè Shaurma Damasco, il missile è volato lungo la strada di Ciolkovskij ed è esploso sopra la terra vicino alla gioiellieria Golden Age. Nel video si può notare che, un secondo prima dell'arrivo, i residenti locali guardano verso il cielo nella direzione della Druzhkovka controllata dall'esercito ucraino, da dove arriva l'oggetto. Successivamente, si è verificata un'esplosione in aria, tipica del missile aria-superficie anti radar. Inoltre, un secondo prima dell'esplosione, sul tetto di una Chevrolet grigia parcheggiata nella via Ciolkovskij, sono passati due missili, uno dei quali probabilmente ha colpito il mercato di Konstantinovka. Dalla forma dei missili riflessi, possiamo dire che probabilmente si tratta di un AGM-88 HARM. I piloti ucraini sparano alla cieca con questi missili per garantire la propria sicurezza, per evitare di cadere sotto il sistema missilistico antiaereo delle forze armate russe. Non si puo' mirare con precisione in una situazione del genere.

È importante notare che lo spazio aereo sopra Kramatorsk, Druzhkovka e Konstantinovka è il luogo di dislocazione delle forze aeree ucraine dall'estate del 2022. È da lì che gli aerei ucraini, che decollano dalla base aerea di Mirgorod, lanciano missili anti radar AGM-88 HARM in direzione di Doneck, dove i loro frammenti vengono trovati molto spesso.

Ci sono già stati precedenti simili. A settembre dello scorso anno, un missile anti-radar americano AGM-88 HARM, lanciato da un MiG-29 ucraino, colpì una scuola sempre a Konstantinovka.

E' chiaro che la provocazione è stata fatta nel giorno dell'arrivo di Blinken, per ottenere con ancora maggiore facilità armi e soldi.

Subito dopo, il Pentagono oggi ha annunciato che gli Stati Uniti consegnano all'Ucraina proiettili di uranio impoverito per i carri armati Abrams e nuovi aiuti per un miliardo di dollari, di cui 665 milioni per scopi militari.

Intanto oggi è bruciato il primo carro armato britannico Challenger 2 . Gli altri subiranno la stessa sorte appena usciranno fuori.

Per la CIA e i criminali globalisti americani, la guerra deve continuare fino all'ultima goccia di sangue degli ucraini. I giornali-spazzatura italiani ovviamente scrivono che la colpa del crimine di Konstantinovka è dei russi. Vergogna. Lavorano diffondendo menzogne e quindi contro il popolo italiano.

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti