La farsa democratica e gli atti di indirizzo in materia contrattuale

La farsa democratica e gli atti di indirizzo in materia contrattuale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Federico Giusti

Il sindacato rappresentativo in nome di quali interessi va operando?

Ogni delegato sindacale, ma anche semplici lavoratori, dovrebbero leggere gli atti di indirizzo governativi sui contratti nazionali, se lo facessero probabilmente non sarebbero in messianica attesa della sottoscrizione di testi che non risponderanno mai, economicamente e normativamente, alle aspettative della forza lavoro ma perfino ai reali fabbisogni degli Enti.

Di solito la Ragioneria dello Stato assegna un budget per i rinnovi contrattuali dei 4 comparti calcolando il costo della vita sul codice Ipca, poi arrivano gli atti di Indirizzo e inizia la fase contrattuale che si conclude con anni di ritardo rispetto alle scadenze previste, anni compensati con una dozzina di euro al mese in virtu' di accordi sindacali mai rimessi in discussione.

Gli atti di indirizzo sono assai lontani dalle piattaforme rivendicative, farlocche per altro, sulle quali vengono chiamati ad esprimersi i lavoratori, un mandato formale a trattative che solitamente verteranno su ben altre questioni.

In sostanza siamo davanti a una democrazia fittizia, i testi contrattuali definitivi sono assai diversi dalle piattaforme sulle quali è stato ottenuto il presunto mandato alla contrattazione, se cerchiamo pratiche di democrazia reale non le troveremo certo nel sindacato confederale e men che mai nella Pubblica amministrazione.

Prendiamo ad esempio l'atto di indirizzo per i contratti degli enti locali, sono anni che la forza lavoro rivendica potere contrattuale maggiore e gli stessi sindacati firmatari si sarebbero detti, a parole,  concordi se non fosse che sono già seduti ai tavoli senza far parola dei contenuti dell'atto stesso.

Citiamo testualmente:

Si conferma l’attuale struttura della contrattazione integrativa disciplinata dal titolo II del CCNL del comparto delle Funzioni Locali del 16 novembre 2022.
Pertanto, sono sottratte alla contrattazione integrativa le materie relative alle determinazioni per l’organizzazione degli uffici, le misure inerenti alla gestione del lavoro, l’articolazione dell’orario di lavoro, comprese turnazione e reperibilità, l’organizzazione del lavoro nell’ambito degli uffici, i sistemi di valutazione, i poteri di delega dirigenziale, il sistema della formazione per tutti gli aspetti non direttamente connessi al rapporto di lavoro, gli aspetti organizzativi del lavoro e la destinazione delle risorse del salario accessorio connesse agli istituti di cui sopra.
La contrattazione collettiva nazionale disciplinerà le modalità di articolazione delle sessioni negoziali di contrattazione integrativa, prevedendo che le stesse si svolgono in modo unitario, evitando la frammentazione degli accordi.

Per chi non fosse avvezzo al linguaggio sindacale è bene sapere che la gestione del lavoro, degli uffici e dei servizi, le turnazioni, le valutazioni, la formazione, la gestione quotidiana del personale sono fuori da ogni contrattazione. E non ci pare di avere visto in giro proteste dei sindacati firmatari di contratto, per rispettare almeno la richiesta dei loro iscritti, contro queste linee guida che condannano il sindacato negli Enti locali a compiti ragionieristici , di co-gestore del welfare aziendale.

In sostanza l'atto conferma l'attuale impianto dei profili professionali già cambiati con l'ultimo CCNL e a favore solo della parte datoriale, del resto le cosiddette semplificazioni si traducono spesso in danni per la forza lavoro, prendiamo quindi atto del linguaggio ormai trasversale al mondo sindacale e datoriale per non farci trarre in inganno.

L'impianto dei contratti continuerà ad essere divisivo con parti, e relative indennità, riservate ad alcuni ruoli e non ad altri ma neppure l'esperienza del presente indurrebbe la parte sindacale a modificare il proprio atteggiamento passivo davanti all'Aran

E' il caso delle progressioni verticali in deroga che demandano alla contrattazione di secondo livello il compito di attuare appositi regolamenti che poi sono in realtà atti impositivi della parte datoriale essendoci solo il confronto tra Ente e sindacati. Le progressioni verticali in deroga sono un campo di prova di come si possa scrivere un contratto nazionale in maniera sibillina per lasciare poi ampi, eccessivi, spazi discrezionale alla parte datoriale ma anche uno strumento profondamente divisivo tra il personale. Pensate per le educatrici, molte delle quali senza laurea ma transitate nella fascia dove la laurea è requisito di accesso, le progressioni verticali in deroga vengono utilizzate erga omnes nei limiti di una spesa per altro assai contenuta. 

L'atto di indirizzo torna sull'argomento senza per altro chiarire se la anzianità di servizio è riferita all'area e al profilo, o senza escludere prove selettive concorsuali con tanto di colloquio che solitamente sono presenti invece per l'accesso ordinario ai posti di lavoro, ossia dall'esterno con tradizionale concorso. Insomma la confusione regna sovrana e si persevera nell'errore.

Sezione personale educativo e scolastico  Il Comitato di settore esprime l’indirizzo di prorogare la facoltà di effettuare le progressioni previste dall’art. 13, comma 6, del CCNL 2019/2021, per il personale educativo, docente ed insegnante fino al 31/12/2026.
Il nuovo contratto consentirà altresì la possibilità di inquadrare in uno specifico profilo temporaneo nell’ambito dell’Area degli istruttori, il personale educativo privo del titolo di studio richiesto per l’inquadramento nell’Area dei funzionari e delle elevate qualificazioni.

 

Chiudiamo sullo straordinario e sul welfare aziendale

Se negli ultimi 56 anni gli Enti locali hanno perso mediamente 10 mila unità all'anno, se oggi diventa un miracolo raggiungere gli obiettivi del Pnrr, la soluzione dovrebbe essere quella di favorire le assunzioni anche in deroga ai tetti di spesa in materia di personale.

Ma non sia mai che i dettami europei dell'austerità siano messi in discussione, quindi arriva una accomodante spiegazione del calo di personale  ossia per la scarsa attrattività degli Enti locali.

Ci sentiamo derisi davanti ai giochi di parole, nei 4 comparti esistono differenze stipendiali marcate e prive di ogni logica, eppure il sindacato rappresentativo non ha mai pensato a riequilibrare l'andamento salariale,

Invece di assumere personale stanno pensando ad incrementare il fondo degli straordinari e non ci meraviglieremmo se arrivassero ore obbligatorie oltre le 36 ore settimanali non retribuite ma a recupero.

Infine il welfare aziendale: siamo ancora convinti di sopperire al crollo del potere di acquisto con benefit e bonus? Il sindacato trasformatosi in piazzista dei fondi pensione o della sanità integrativa diventa forse interlocutore credibile quando ci sarà da difendere il welfare universale?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti