La Germania taglia le previsioni del PIL 2021 del 25% a causa dell'aumento dei costi energetici

La Germania taglia le previsioni del PIL 2021 del 25% a causa dell'aumento dei costi energetici

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un decennio fa, all'indomani del disastro di Fukushima, la cancelliera tedesca Angela Merkel annunciò che il paese avrebbe chiuso definitivamente otto dei suoi 17 reattori e si impegnò a chiudere i restanti entro la fine del 2022. Dieci anni dopo, paralizzata dalla peggiore crisi energetica nella storia europea, e costretta a soddisfare le richieste della Russia a meno che non sia pronta a congelare questo inverno a causa dei prezzi stratosferici del gas naturale, è giunto il momento di pagare lo scotto.

Mercoledì mattina, il governo tedesco ha ridotto le sue previsioni di crescita per quest'anno del 25% dal 3,5% al ??2,6% poiché i costi energetici schiaccianti e i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento per i semiconduttori hanno fatto pressione sulla ripresa della più grande economia europea. Il ministro dell'Economia Peter Altmaier ha affermato che l'economia è rimasta solida nonostante la pandemia, ma i problemi della catena di approvvigionamento nel settore manifatturiero e l'aumento dei prezzi dell'energia stanno complicando la ripresa.

"In considerazione delle attuali strozzature nella fornitura e degli alti prezzi dell'energia in tutto il mondo, quest'anno l'auspicata impennata finale non avverrà", ha affermato Altmaier.

"Nel 2022, l'economia acquisirà slancio in modo significativo".

La ripresa ritardata significa che l'economia tedesca non raggiungerà il livello pre-crisi quest'anno, ma probabilmente all'inizio del 2022.

La previsione riveduta del governo per la crescita del PIL si confronta con una previsione di aprile per l'economia in crescita del 3,5% nel 2021 e del 3,6% nel 2022.

Per rendere più accettabile il taglio del PIL, la Germania ha aumentato le sue previsioni di crescita per il 2022 dal 3,6% al 4,1%, ma ovviamente pochi credono che nessuno, e certamente non gli economisti, abbia alcuna idea su come andrà il 2022.

Altmaier ha affermato che le case automobilistiche non sono attualmente in grado di costruire centinaia di migliaia di auto a causa della mancanza di semiconduttori e altri componenti elettronici. Per alleviare i problemi di approvvigionamento, il governo è pronto a sostenere la costruzione di fabbriche locali di semiconduttori con diversi miliardi di euro, ha affermato Altmaier, aggiungendo che sperava che ciò avrebbe mobilitato presto investimenti ancora maggiori da parte delle aziende.

Le strozzature diffuse nella produzione, insieme a una domanda insolitamente elevata, stanno portando ad aumenti dei prezzi, con il governo che si aspetta che l'inflazione salga al 3% quest'anno.

Tuttavia, analogamente agli Stati Uniti, il governo tedesco si attiene alla sua valutazione secondo cui la maggior parte degli aumenti dei prezzi sarà temporanea. Berlino vede l'inflazione dei prezzi al consumo scendere al 2,2% nel 2022 e all'1,7% nel 2023. L'anno scorso, l'inflazione nazionale dei prezzi al consumo si è attestata allo 0,5%.

Proiettando speranza, Altmaier ha detto di vedere una possibilità che il rialzo dei prezzi sui mercati dell'energia finisca presto, aggiungendo che non si aspetta alcun problema di approvvigionamento sui mercati del gas durante i mesi invernali.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia