La Grecia cerca di acquisire caccia stealth F-35 e aderire al programma di produzione

La Grecia cerca di acquisire caccia stealth F-35 e aderire al programma di produzione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Grecia ha inviato una lettera di richiesta agli Stati Uniti per l'acquisto di 20 caccia F-35, secondo quanto riportato da un sito web statunitense dedicato alla difesa.

Secondo Defense News, il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis si è recato alla la Casa Bianca e al Congresso per acquistare i caccia F-35 e ha fatto pressioni contro i tentativi della Turchia di aggiornare la sua flotta di F-16 e di acquisire altri aerei.

Nel frattempo, il Ministro della Difesa Nikolaos Panagiotopoulos ha effettuato un sondaggio per l'inclusione della Grecia nel programma congiunto di caccia F-35 durante i suoi incontri con il suo omologo, Lloyd Austin, e con il direttore dell'F-35 Joint Program Office del Pentagono, Sean Burke.

Defense News ha anche sottolineato che per essere inclusa nel programma di produzione congiunta, che comprende otto Paesi oltre agli Stati Uniti, la Grecia deve prima acquistare delle quote.

Il costo di 20 caccia F-35, che inizieranno ad essere consegnati a partire dal 2028, è di oltre 3 miliardi di dollari.

Durante la visita di Mitsotakis negli Stati Uniti a maggio, l'inclusione della Grecia nel programma di coproduzione è stata messa all'ordine del giorno.

Tuttavia, la stampa greca ha affermato che l'aeronautica greca non dispone di infrastrutture sufficienti per la produzione.

La Turchia ha chiesto agli Stati Uniti la fornitura di F-16 dopo essere stata espulsa dal programma di caccia congiunti F-35 a causa del dispiegamento di sistemi di difesa aerea S-400 acquistati dalla Russia.

L'amministrazione Biden ha appoggiato la richiesta, sottolineando che sarebbe stata necessaria per mantenere militarmente intatto e forte il fianco meridionale della NATO.

La fornitura dei caccia di quinta generazione alla Grecia sicuramente contribuirà ad alzare nuovamente la tensione tra Atene e Ankara. 

La vendita di caccia F-35 alla Grecia potrebbe infiammare Ankara, dove accusano gli Stati Uniti di usare la Grecia come pedina per controllare la Turchia e aumentano le preoccupazioni per l'approfondimento delle relazioni tra le due nazioni, ha dichiarato Nicholas Danforth, senior visiting fellow presso la Fondazione ellenica per la politica europea ed estera a Breaking Defense. Ma questo potrebbe non essere sufficiente a dissuadere i politici statunitensi dall'approvare la vendita, ha aggiunto.

"Storicamente, gli Stati Uniti hanno dato grande priorità alla necessità di evitare conflitti tra gli alleati della NATO nel Mediterraneo orientale. In passato, ciò significava cercare di mantenere una posizione molto equilibrata tra Grecia e Turchia", ha spiegato Danforth.

"Col tempo, con l'aumentare della frustrazione nei confronti della Turchia, è diventato chiaro a Washington che la vera minaccia nella regione è il comportamento provocatorio della Turchia. È diminuita la preoccupazione che una migliore cooperazione con la Grecia possa inimicarsi la Turchia. Vedo una crescente convinzione che le relazioni con la Turchia sono una causa persa e che la politica estera degli Stati Uniti deve fare del suo meglio all'interno di questa realtà".

Un alto funzionario turco ha affermato che il governo statunitense non ha sollevato la questione della vendita di F-35 alla Grecia nei suoi recenti incontri con Ankara. Il funzionario ha aggiunto di essere convinto che Washington manterrà l'equilibrio diplomatico e militare tra Turchia e Grecia e terrà conto della possibile instabilità che tali vendite potrebbero innescare nella regione. "Per questo crediamo che la richiesta di F-16 della Turchia sarà soddisfatta", ha detto il funzionario.

Il funzionario ha aggiunto che gli esperti militari turchi ritengono che l'accordo sugli F-16 metterebbe la Turchia alla pari con l'attuale esercito greco - o addirittura darebbe la superiorità aerea ad Ankara.

Il funzionario turco ha dichiarato: "Naturalmente criticheremmo il governo statunitense se fornisse gli F-35 ad Atene. Non solo cambierebbe l'equilibrio militare, ma anche perché non ci hanno fornito lo stesso sistema".

Alla domanda se la Grecia abbia effettivamente un bisogno militare per l'F-35 o se voglia solo avere la meglio su Ankara, Jim Townsend, ex vice segretario alla Difesa degli Stati Uniti per la politica europea e della NATO, ha risposto: "Sono entrambe le cose. Sono sicuramente entrambe le cose".

Sebbene gli esperti concordino sul fatto che il governo degli Stati Uniti probabilmente approverà la vendita, una questione ancora aperta è come la Grecia pagherà alla fine l'F-35. Il combinato disposto della pandemia e della guerra tra Russia e Ucraina hanno mandato in tilt l'economia globale, con le nazioni europee e non solo che devono fare i conti con l'impennata dei prezzi del gas, la carenza di cibo e l'aumento dei costi dovuti alla scarsità delle forniture. 

Con un costo unitario di almeno 78 milioni di dollari per ogni modello di F-35A a decollo e atterraggio convenzionale - cifra destinata ad aumentare a causa delle pressioni sulla catena di approvvigionamento - e i costi operativi e di manutenzione notoriamente costosi, pagare più squadroni di F-35 potrebbe essere una sfida ardua per la Grecia. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden di Marinella Mondaini Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest? di Antonio Di Siena Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra