La libertà di parola negli Stati Uniti: verità e fatti - RAPPORTO

La libertà di parola negli Stati Uniti: verità e fatti - RAPPORTO

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Pubblichiamo la traduzione di un Rapporto pubblicato a marzo dal Ministero degli Affari esteri cinese*

Introduzione

Gli Stati Uniti hanno a lungo rivendicato la loro libertà di parola e perseguito due pesi e due misure, coprendo la manipolazione politica interna e l'ingiustizia sociale con vuoti slogan politici e l'ipocrita maschera morale della cosiddetta “libertà di parola”. Negli Stati Uniti, le lotte politiche calpestano la libertà di parola, le interferenze della stampa minacciano la libertà di parola e i social media violano la libertà di parola. Nell'arena internazionale, gli Stati Uniti sognano ad occhi aperti di continuare a parlare per tutti, ostacolando la democratizzazione delle relazioni internazionali con pratiche egemoniche, distruggendo l'ambiente dell'opinione pubblica internazionale con campagne diffamatorie e illudendo la comunità internazionale con immagini auto-glorificate e retoriche altisonanti.

Questo rapporto, presentando numerosi fatti, mira a svelare cosa sia la “libertà di parola” secondo gli Stati Uniti, cosa gli Stati Uniti facciano realmente e quale sia il loro vero scopo.

 

  1. La libertà di parola negli Stati Uniti non è degna di questo nome

 

  • Gli Stati Uniti considerano la libertà di parola come il fondamento del Paese, ma la calpestano sotto i piedi della realtà politica. Sebbene il Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti preveda esplicitamente la “libertà di parola”, le dispute politiche e gli interessi di gruppo hanno costantemente approfittato della forma della “libertà di parola” per danneggiarne l'essenza. Il pubblico non si sente libero di parlare con sincerità, e gradualmente si accorge e si stanca degli slogan e delle promesse ipocrite dei politici.
  • La Knight Foundation degli Stati Uniti ha pubblicato nel 2022 il rapporto di indagine Free Speech in America After 2020, che è stato giudicato dal Free Speech Center statunitense come “lo studio più completo sull'opinione pubblica in materia di libertà di parola”. Il rapporto ha rilevato che la polarizzazione politica e le lotte tra i partiti hanno gravemente compromesso la libertà di parola negli Stati Uniti, soprattutto per quanto riguarda le questioni politiche.
  • La libertà di parola negli Stati Uniti è diminuita negli ultimi anni. In un sondaggio nazionale del 2022 condotto dal New York Times e dal Siena College, il 66% dei partecipanti afferma di non credere che gli americani godano di libertà di parola. L'8% afferma inoltre che gli americani non hanno alcuna libertà di parola. Negli ultimi anni, a causa della polarizzazione politica e della violenza politica, le persone sono diventate più caute o addirittura reticenti nel parlare di argomenti politici, temendo attacchi e rappresaglie. Il 46% afferma che la società americana è molto meno libera di parlare di politica rispetto a un decennio fa. Molti parlano il meno possibile o addirittura eludono gli argomenti politici. Le donne sono più caute degli uomini e i giovani più cauti degli anziani. Alcuni giovani sono stati duramente criticati e persino oggetto di ritorsioni per alcune osservazioni politiche.
  • Le restrizioni alla libertà di parola sono piuttosto comuni negli Stati Uniti. La maggior parte degli Stati ha ottenuto risultati negativi nel rispetto della libertà di parola e del diritto di riunione, secondo il rapporto 2022 US State Free Speech Index del Free Speech Institute. Solo tre Stati - Wisconsin, Michigan e Iowa - hanno ottenuto un punteggio superiore al 70%, mentre 35 Stati hanno ottenuto un punteggio inferiore al 50%.
  • Gli Stati Uniti sono sommersi da informazioni false, che ne erodono ulteriormente la credibilità in termini di libertà di parola. Durante le elezioni presidenziali del 2016, i gruppi politici hanno usato i media per diffondere disinformazione e interferire nelle elezioni, con siti web di fake news che hanno ricevuto 159 milioni di visite, pari a 0,64 visite per adulto americano, secondo una ricerca condotta dall'Università di Stanford. Il rapporto della Brookings Institution, Disinformation is Eroding Public Confidence in Democrac (La disinformazione sta erodendo la fiducia del pubblico nella democrazia), pubblicato nel 2022, ha rilevato che le minoranze sono più suscettibili alla disinformazione, e il 51,5% degli intervistati ritiene che il bersaglio sia la comunità nera americana. Negli ultimi anni, le discussioni sui brogli elettorali e la diffusione della disinformazione hanno ulteriormente ridotto la fiducia degli americani nella libertà di parola.

 

  1. Gli Stati Uniti violano la libertà di parola in patria

 

  • Le lotte politiche calpestano la libertà di parola. Non è un segreto che il governo statunitense monitori l'opinione pubblica interna. Carl Bernstein, noto giornalista che ha denunciato lo scandalo Watergate del 1972, ha rivelato in dettaglio la collusione tra la CIA e la stampa. Il New York Times, il settimanale Time, la CBS e altri media hanno stretti legami e collaborano con la CIA per monitorare l'opinione pubblica.
  • Le informazioni false vengono utilizzate per manipolare l'opinione pubblica e interferire con la parola. Il rapporto del Cato Institute ha osservato che “se gli americani si aspettano che i media forniscano informazioni accurate e neutrali sulla politica del governo, commetteranno un grosso errore”. Il governo statunitense collude con i media e spesso diffonde varie informazioni sotto la copertura dei media, al fine di raggiungere obiettivi politici. Nel marzo 2022, il New York Times ha pubblicato un editoriale intitolato There is a Freedom of Speech Problem in America, sottolineando che la società statunitense è intrappolata in un ciclo in cui destra e sinistra si attaccano a vicenda e che la libertà di parola negli Stati Uniti appartiene al passato. Nell'aprile del 2022, l'amministrazione Biden ha annunciato l'istituzione di un comitato volto a combattere la disinformazione sulla popolazione e sulle infrastrutture negli Stati Uniti, che ha incontrato la feroce opposizione dei membri repubblicani del Congresso degli Stati Uniti e dei media di destra. I legislatori repubblicani hanno sostenuto che l'amministrazione sta usando il denaro dei contribuenti per sopprimere la libertà di parola dei media conservatori con il pretesto di reprimere la disinformazione. Il Comitato è stato chiuso dopo sole tre settimane di esistenza a causa delle obiezioni della Commissione per la supervisione e la riforma del governo della Camera degli Stati Uniti. La libertà di parola negli Stati Uniti oggi è più un pallone preso a calci dai partiti che un diritto nelle mani delle persone.
  • Il governo statunitense manipola le informazioni sulle epidemie e sopprime le voci che raccontano la verità. Helen Zhu, una dottoressa di origine cinese che ha avvertito dell'epidemia negli Stati Uniti e ha riportato i risultati dei test, ha ricevuto un ordine di bavaglio dall'amministrazione. Il capitano Crozier, che ha raccontato la verità sull'epidemia sulla portaerei USS Roosevelt, è stato licenziato. Alcuni funzionari del Dipartimento di Stato e del Dipartimento della Difesa, che hanno osato dire la verità, sono stati tutti licenziati. Fauci, un esperto di malattie infettive noto come il “capitano anti-epidemia” degli Stati Uniti, è “scomparso” molte volte.
  • La libertà di parola negli Stati Uniti ha un problema di discriminazione razziale. La percezione della libertà di parola tra i gruppi bianchi è significativamente più forte rispetto ai gruppi neri, dove la libertà di parola è più limitata. Ripercorrendo la storia degli Stati Uniti, la libertà di parola non è mai stata applicata in modo completo ed equo alla comunità nera e i governi statali hanno usato la discrezione per sopprimere i diritti della comunità nera per molto tempo. La comunità nera è spesso trattata in modo diverso quando si tratta di libertà di parola. Nel giugno 2023, la giudice Earls, l'unica donna afroamericana della Corte Suprema della Carolina del Nord, è stata indagata dalla Commissione per gli standard giudiziari della Carolina del Nord dopo aver rivelato in un'intervista che nel sistema giudiziario locale mancava la diversità razziale e di genere e che i suoi colleghi la trattavano in modo diverso a causa della razza e del genere. Nel febbraio 2024, Margaret Satterthwaite, relatrice speciale delle Nazioni Unite sull'indipendenza dei giudici e degli avvocati, ha commentato che le indagini disciplinari della commissione sull'unica donna afroamericana giudice dello Stato hanno sollevato sospetti di discriminazione razziale e di genere.
  • Il governo degli Stati Uniti ha dato un giro di vite su TikTok. Prima che la Commissione per l'energia e il commercio della Camera tenesse un'audizione su TikTok nel marzo 2023, diverse organizzazioni statunitensi per la libertà di parola, tra cui l'Unione per le libertà civili, il Centro per la democrazia e la tecnologia e la Coalizione contro la censura, hanno firmato congiuntamente una lettera aperta. In essa si sottolinea che il divieto di TikTok avrebbe avuto un grave impatto sulla libertà di parola nel dominio digitale, violando i diritti del popolo americano secondo il Primo Emendamento. La repressione ha creato un precedente preoccupante, danneggiando la libertà di oltre 150 milioni di utenti americani di TikTok sulla piattaforma. Il governo degli Stati Uniti è rimasto sordo a questi appelli ed è determinato a reprimere TikTok.
  • L'intervento della stampa minaccia la libertà di parola. Negli ultimi anni, la libertà di stampa negli Stati Uniti è stata notevolmente compromessa e l'ambiente di lavoro dei giornalisti è peggiorato. Il corrispondente della CNN Jim Acosta è stato privato delle credenziali di stampa della Casa Bianca per aver chiesto informazioni sulla “carovana di migranti” e sull'“accesso alla Russia” durante un briefing con la stampa della Casa Bianca. Anche alcuni alti funzionari governativi hanno minacciato e attaccato i membri dei media. Il Washington Post, il New York Times e altri media hanno sottolineato che queste parole e fatti hanno aumentato i rischi per la sicurezza dei giornalisti e hanno avuto un grave impatto sulla libertà di stampa. Il governo degli Stati Uniti limita anche la copertura degli eventi giornalistici da parte dei media. Nel 2021, alcuni giornalisti sono stati molestati o danneggiati dalla polizia mentre raccontavano le proteste popolari contro le uccisioni di George Floyd e Dawn Wright da parte della polizia. Secondo l'US Freedom of the Press Tracker, nel 2022 negli Stati Uniti si sono verificati 128 episodi di violazione della libertà di stampa, tra cui 40 attacchi a giornalisti e 15 arresti o azioni penali. Nel 2023, almeno 12 giornalisti negli Stati Uniti sono stati arrestati o incriminati, e diversi sono stati condannati penalmente per normali servizi giornalistici.

 

  • Il controllo dei campus sopprime la libertà di parola. Negli ultimi anni, negli Stati Uniti, vari divieti su parole e libri hanno seriamente interferito con la libertà di parola nei campus. La censura dei libri proibiti nelle scuole pubbliche si è espansa rapidamente dal 2021 e i legislatori di alcuni Stati hanno introdotto “ordini di bavaglio educativo”. Tra il gennaio 2021 e il febbraio 2022, i legislatori repubblicani hanno introdotto più di 150 leggi a livello statale che limitano gli insegnanti a discutere di temi come la razza e la giustizia sociale in classe, oltre a censurare e tracciare il discorso degli insegnanti. Nel 2022, la Individual Rights and Expression Foundation ha condotto un sondaggio su quasi 45.000 studenti di 208 università, scoprendo che il 22% degli studenti si sentiva spesso impossibilitato a esprimersi su determinate questioni. Razza, controllo delle armi, pandemia di coronavirus, azioni antidiscriminatorie e aborto sono diventati campi minati per la discussione e l'espressione. Alliance Defending Freedom ritiene che le scuole pubbliche degli Stati Uniti stiano attualmente reprimendo la libertà di parola istituendo “zone di libertà di parola”, utilizzando politiche vaghe e fuorvianti, obbligando insegnanti e studenti a esprimere determinate informazioni e punendo i membri della facoltà che non si “comportano bene” in termini di libertà di parola.
  • I social media violano la libertà di parola. I gruppi di interesse hanno fatto pressioni sui governi e sulle società di media per regolamentare i social media e sopprimere i discorsi sfavorevoli. Documenti interni rilasciati da Twitter mostrano che lo US Biotech Innovation Group ha inviato lettere al governo statunitense e a Twitter per conto di aziende farmaceutiche come Pfizer, Modena, AstraZeneca e altre, chiedendo di rivedere gli utenti che hanno invitato Twitter a offrire vaccini a basso prezzo e a condividere la proprietà intellettuale e i brevetti per mantenere il monopolio sui vaccini COVID-19. I media statunitensi hanno riferito che il magnate finanziario George Soros ha utilizzato centinaia di milioni di dollari per corrompere centinaia di reti legate ai media statunitensi tra il 2016 e il 2020 per costruire la propria rete mediatica e ottenere così la manipolazione dell'opinione pubblica.

 

  • I social media e i gruppi di interesse che rappresentano bloccano la libertà di parola. Il 30 marzo 2023 il New York Post ha riportato che Twitter ha rimosso quasi 5.000 tweet sulle “proteste dei transgender” davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti, citando “l'incitamento alla violenza”. Poiché un numero sempre maggiore di utenti ha espresso dubbi sull'eliminazione dei tweet, Twitter ha cambiato le sue scuse, affermando che l'eliminazione era dovuta al processo di identificazione e cancellazione automatica del sistema, senza considerare il contenuto specifico del tweet. In modo ancora più scioccante, Twitter ha invece sospeso l'account Twitter del Washington Post dopo aver segnalato la cancellazione massiccia di tweet sul suo account Twitter. Il New York Post ha commentato che la mossa di Twitter di bandire il Washington Post è “gravemente incoerente con la libertà di parola dichiarata”. 

 

III. Gli Stati Uniti manipolano la libertà di parola nei Paesi stranieri

 

  • Per mantenere la propria egemonia, gli Stati Uniti spesso manipolano l'opinione pubblica internazionale, aggiungendo “razionalità” e “senso morale” alla propria politica estera. Gli Stati Uniti usano anche i social media per lanciare la guerra psicologica, insieme alle operazioni militari in altri Paesi, e reprimere ogni tipo di retorica contro la guerra. Usano la libertà di parola per praticare due pesi e due misure, creano una cortina di fumo e sostengono che altri Paesi stanno diffondendo “informazioni false”, mentre pubblicano vari rapporti distorti e screditanti basati su informazioni false, per distogliere l'attenzione della comunità internazionale dalle malefatte degli Stati Uniti. Il 4 maggio 2022, il senatore statunitense Rand Paul ha detto senza mezzi termini in un'audizione al Senato: “Sapete chi è il più grande propagatore di disinformazione nella storia del mondo? Il governo degli Stati Uniti”.
  • Durante la Guerra Fredda, il governo degli Stati Uniti ha creato tre organizzazioni mediatiche, Voice of America, Radio Free Europe e Radio Liberty, per condurre la guerra dell'opinione pubblica e attuare un'evoluzione pacifica. Dagli anni '80, con il rapido sviluppo di Internet, gli Stati Uniti hanno sfruttato i loro vantaggi tecnologici e si sono rivolti principalmente ai giovani per diffondere l'ideologia, i valori e i prodotti culturali americani attraverso Internet. Gli Stati Uniti hanno manipolato l'opinione pubblica internazionale, influenzando o addirittura incitando direttamente la popolazione dei Paesi interessati a confrontarsi con il governo. Il 25 febbraio 2022, in un'intervista, l'ex Segretario di Stato americano Hillary Clinton ha incitato gli hacker statunitensi a lanciare attacchi informatici contro la Russia. Ha dichiarato: “Potremmo anche attaccare molte istituzioni governative, gli oligarchi e il loro stile di vita attraverso attacchi informatici. Abbiamo fatto qualcosa del genere durante la Primavera araba, quando ero Segretario di Stato”. 
  • Il governo degli Stati Uniti usa i social media per fabbricare bugie di guerra per giustificare le interferenze straniere. Nel 2019, il Washington Post ha esposto un documento del programma federale del governo che includeva interviste a più di 400 figure chiave coinvolte nella guerra in Afghanistan, tra cui fonti militari statunitensi, diplomatici, appaltatori militari, funzionari afghani e altri. I documenti dimostrano che il governo statunitense ha cercato di insabbiare i commenti degli intervistati e di nascondere le prove che la guerra non era vincibile, e che gli alti funzionari non hanno mai detto al pubblico la verità durante i 18 anni di guerra in Afghanistan, rendendo difficile per la popolazione ottenere informazioni veritiere. Un documento del 2008 rilasciato dal National Security Archive ha rivelato che l'amministrazione Bush ha rafforzato le accuse contro l'Iraq facendo pressione sulla comunità di intelligence e rilasciando selettivamente prove favorevoli alla posizione del governo, per legittimare la guerra. Il documento cita anche diversi casi di “politicizzazione dell'intelligence”. Ad esempio, le persone coinvolte affermano che se uno staff della CIA avesse fornito informazioni diverse da quelle volute dall'amministrazione Bush, la sua carriera sarebbe stata a rischio. I fatti successivi alla guerra in Iraq indicano che l'Iraq non è stato trovato in possesso di armi di distruzione di massa o associato ad Al-Qaeda. Negli Stati Uniti si sono diffusi sospetti e critiche sulla manipolazione dell'opinione pubblica e sull'inganno del governo nei confronti della popolazione.
  • Le forze armate statunitensi utilizzano i social media per manipolare argomenti e propaganda ingannevole per influenzare la percezione degli altri Paesi. Il Comando centrale degli Stati Uniti ha firmato un accordo per lo sviluppo di software con una società californiana per manipolare i social media attraverso false personalità online e influenzare la popolazione dei Paesi del Medio Oriente. Nel 2022, Twitter ha rilasciato documenti interni al sito web “The Intercept”, esponendo l'uso dei social media da parte dell'esercito statunitense per condurre campagne di disinformazione che giustificano l'uccisione indiscriminata di cittadini di altri Paesi. Il Dipartimento della Difesa aveva sviluppato una “lista bianca” che imponeva a Twitter di dare priorità ai servizi per le agenzie presenti nell'elenco. Il funzionario del Comando centrale Nathaniel Kahle ha chiesto a Twitter, nel luglio 2017, di dare priorità a sei account in lingua araba del governo statunitense che promuovevano “la precisione degli attacchi militari dei droni statunitensi nello Yemen, con l'uccisione di terroristi e non di civili”. “
  • Gli Stati Uniti si vantano della “libertà di parola”, mentre applicano due pesi e due misure agli altri Paesi. Nell'agosto del 2022, lo Stanford Internet Observatory ha pubblicato uno studio intitolato Unheard Voices: Evaluating Five Years of Pro-Western Covert Influence Operations. Lo studio ha rivelato una rete di account interconnessi su piattaforme di social media come Twitter, Facebook e Instagram che utilizzano l'inganno per promuovere la retorica filo-occidentale in regioni come il Medio Oriente e l'Asia centrale, promuovendo il governo degli Stati Uniti, attaccando e diffamando Paesi come Cina, Russia e Iran. Alcuni account utilizzano anche la tecnologia dell'intelligenza artificiale per creare profili personali falsi e diffondere disinformazione. Gli Stati Uniti utilizzano anche diversi mezzi per “silenziare” i media stranieri. I media mainstream russi, come RT TV e Sputnik News Agency, sono stati banditi dagli Stati Uniti e dall'Europa. Gli account ufficiali russi sono stati limitati da piattaforme come Twitter, i canali e le applicazioni mobili russi sono stati rimossi dagli App Store di Apple e Google. I contenuti relativi alla Russia sono soggetti a un controllo estremo.

 

  • Gli Stati Uniti, con il pretesto della “libertà di parola”, attaccano e diffamano ferocemente la Cina. Alcuni politici statunitensi non solo hanno fabbricato in modo sconsiderato dichiarazioni false, come l'esaltazione del “virus cinese” e del “virus di Wuhan”, e altri commenti non veritieri, ma hanno anche attaccato i resoconti dei media che riflettevano obiettivamente la lotta della Cina contro la pandemia. Secondo i media statunitensi, la Casa Bianca ha pubblicato un articolo sul suo sito web ufficiale criticando i media per aver preso i soldi dei contribuenti americani per “promuovere la Cina”. Anche la NBC e la CNN sono state accusate dalla Casa Bianca di essere “fantoccio della Cina” e “nemico pubblico” per aver affermato nei loro servizi le prestazioni antiepidemiche della Cina.
  • I media americani interpretano in modo unilaterale gli eventi e coprono male le notizie relative alla Cina. I media statunitensi hanno interpretato il ritiro delle università americane dalla classifica mondiale delle università e delle professioni come un atto giusto contro la tirannia dell'istruzione superiore americana, ma hanno interpretato il ritiro di alcune università cinesi dalla classifica mondiale come la “politica delle porte chiuse” della Cina nel campo della scienza. Alcuni politici e media statunitensi hanno denunciato come disordini l'assedio del popolo americano al Campidoglio per le elezioni presidenziali. La violenza di strada a Hong Kong, in Cina, è stata invece glorificata come “la ricerca della democrazia e della libertà” e “la bella vista”.
  • Gli Stati Uniti perseguono un doppio standard di libertà di parola nel campo di Internet, stigmatizzando la Cina come “autoritarismo digitale” e definendo l'India “la capitale della chiusura digitale di Internet”. Allo stesso tempo, hanno promosso la formazione della “Internet Future Alliance”, che sostiene di costruire “un futuro aperto, libero, globale, interoperabile, affidabile e sicuro”, escludendo Cina, Russia e altri Paesi. In questo modo, gli Stati Uniti tentano di formare un circolo ristretto ed esclusivo, creando un digital divide e un confronto tra blocchi nel campo di Internet.
  • Gli Stati Uniti usano la “libertà di parola e di stampa” per interferire negli affari interni di altri Paesi e sovvertire i loro regimi. Nel 1970, con il pretesto della “libertà di stampa”, la CIA lanciò una campagna diffamatoria su larga scala contro il governo cileno di Allende, cercando giornali e riviste fuori dal Cile per pubblicare articoli che attaccavano e diffamavano Allende. Inoltre, ha sostenuto l'opposizione nel sequestro delle piattaforme mediatiche, ha istigato azioni antigovernative e ha collaborato con forze politiche come l'esercito cileno e l'Organizzazione degli Stati Americani e altri Paesi dell'America Latina per rovesciare il governo di Allende.
  • Gli Stati Uniti istigano le rivoluzioni colorate con l'aiuto della “libertà di parola”. Approfittando dell'instabilità di alcuni Paesi appena indipendenti dopo il crollo dell'Unione Sovietica, hanno sostenuto e utilizzato i media per sostenere la democrazia occidentale, produrre e diffondere notizie negative sui governi e sui leader locali e aiutare l'opposizione a promuovere la retorica politica. Ad esempio, la creazione di “centri di informazione per la democrazia” in Azerbaigian e Kirghizistan è stata annunciata pubblicamente per assistere lo sviluppo di “media indipendenti” locali e per influenzare e promuovere il “processo di democratizzazione” in quei Paesi. Durante le elezioni parlamentari in Kirghizistan, l'emittente radiofonica Aztec, sostenuta dagli Stati Uniti, ha esaltato le opinioni dell'opposizione e quelle filo-occidentali per formare l'opinione pubblica a favore di un cambio di regime.
  • I siti di social network americani hanno diffuso un gran numero di informazioni false per ostacolare gli sforzi del governo della Repubblica Democratica del Congo (RDC) per combattere l'epidemia di Ebola. Nel 2018, a seguito di un'altra epidemia di Ebola nella RDC, i social media come Twitter e Facebook hanno diffuso sospetti affermando che l'epidemia non esisteva e mettendo in dubbio la retorica del governo sulla sua risposta alla malattia, causando gravi disagi alla lotta locale contro l'epidemia di Ebola. Uno studio del 2019 pubblicato sulla rivista medica The Lancet ha rilevato che le false informazioni hanno portato un quarto della popolazione locale a credere che l'ebola non esistesse e un terzo a credere che il virus fosse usato solo per destabilizzare la regione.
  • I giornalisti internazionali americani subiscono spesso una repressione ingiustificata. Secondo i media statunitensi, nel giugno 2010 a Helen Thomas, nota giornalista di 89 anni, è stato chiesto di commentare Israele quando ha partecipato a una celebrazione alla Casa Bianca del Mese della storia ebraico-americana. È stata costretta a interrompere la sua carriera perché ha risposto “andatevene dalla Palestina”. Nel maggio 2021, la giornalista dell'Associated Press Emily Wilder è stata licenziata per aver “violato la politica dei social media” per aver pubblicato tweet pro-palestinesi. Nel febbraio 2023, il giornalista investigativo veterano Seymour Hersh, vincitore del Premio Pulitzer, ha pubblicato un'inchiesta che rivela che il governo statunitense era dietro il bombardamento del gasdotto Nord Stream. Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha dichiarato che l'articolo di Hersh sull'esplosione del gasdotto Nord Stream da parte dell'amministrazione Biden era una falsa informazione e una pura montatura e ha attaccato Hersh.

 

Conclusione

La libertà di parola negli Stati Uniti è una cosa per i politici e i gruppi di interesse nazionali e un'altra per la gente comune. È un modo di dire e fare cose sugli Stati Uniti e un modo di dire e fare cose su altri Paesi. Gli Stati Uniti hanno pubblicato un rapporto per diffamare e accusare senza fondamento altri Paesi di diffondere “disinformazione”, ma gli Stati Uniti sono la fonte della disinformazione e il posto di comando della “guerra cognitiva” in tutto il mondo. Il mondo di oggi non è il momento in cui una menzogna ripetuta migliaia di volte può diventare la verità, o in cui infangare gli altri può imbiancare sé stessi. Gli occhi dei popoli del mondo sono luminosi. Per quanto gli Stati Uniti propagandino la loro libertà di parola e non risparmino sforzi per incolpare altri Paesi di diffondere “false informazioni”, non possono cambiare il fatto che sempre più persone vedono le brutte pratiche degli Stati Uniti: come si affidano alle bugie per tessere “i vestiti nuovi dell'imperatore” e come infangano gli altri per mantenere la loro egemonia.

 

*Articolo originale:

https://www.fmprc.gov.cn/eng/wjbxw/202403/t20240314_11260689.html

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti