/ La Marcia degli Uiguri. Ancora una volta, l'Occidente cerca di di...

La Marcia degli Uiguri. Ancora una volta, l'Occidente cerca di distruggere la Cina attraverso religione e terrorismo

 
 
 
Testo e foto: Andre Vltchek*
 
 
[Nota importante: gli uiguri sono riusciti a creare una cultura molto antica e profonda. La maggior parte di loro sono buoni cittadini rispettosi della legge della RPC. Anche la grande maggioranza dei seguaci dell'Islam sunnita sono persone pacifiche. Questo lavoro affronta terribili problemi legati all'estremismo e al terrorismo, molti dei quali realizzati e poi alimentati dall'Occidente e dai suoi alleati. L'obiettivo è danneggiare la Cina. Le vittime vivono in vari paesi.]
 
*
 
Sono laddove vogliono i loro gestori occidentali, degli stati del Golfo e turchi.
 
La loro lotta, nonché le cellule e le unità politiche hanno sede in Siria e Indonesia, in Turchia e occasionalmente in Egitto.
 
Quando gli viene detto di uccidere, uccidono con una brutalità inimmaginabile; decapitano o tagliano a pezzi sacerdoti, neonati, donne anziane.
 
Sono il peggior incubo della Cina. Stanno scatenando il fondamentalismo religioso e il nazionalismo militante e il separatismo sponsorizzati da stranieri. Sono potenzialmente il più grande ostacolo e pericolo per la meravigliosa BRI (Belt and Road Initiative) del presidente Xi Jinping.
 
Sia l'Occidente che la Turchia li stanno glorificando; sono gli estremisti uiguri. Li stanno finanziando e armando. Li stanno etichettando come vittime. Gli uiguri sono ora una nuova "arma segreta", da usare contro la decisa marcia in avanti di Pechino, verso il socialismo con caratteristiche cinesi.
 
L'Occidente e i suoi alleati stanno facendo tutto il possibile per imbrattare la Cina (RPC), deragliare il suo corso progressivo e arrestare la sua influenza sempre più positiva e ottimista in tutti gli angoli del mondo. Inventano e quindi supportano / finanziano tutti gli avversari immaginabili del Partito Comunista Cinese. Le sette religiose sono l '"arma" preferita usata contro la Cina sia dal Nord America che dall'Europa. Questo è vero per gli estremisti che appartengono al buddismo tibetano, concentrati attorno a un agente e tesoro delle agenzie di intelligence occidentali, il Dalai Lama. O ancora un'altra setta estremista buddista / taoista radicale: il Falun Gong.
 
L'Occidente fa tutto ciò che è in suo potere per distruggere la Cina. È stato chiaramente individuato 30 anni fa durante il cosiddetto incidente di Tiananmen (un evento sostenuto dall'Occidente e in seguito distorto dai mass media occidentali), come è stato evidente durante due recenti "ribellioni" a Hong Kong, sponsorizzate da Organizzazioni occidentali (ONG) e governi.
 
L'ultimo capitolo degli attacchi anti-cinesi, condotto dall'Occidente, è forse il più pericoloso e l'attacco multinazionale "meglio fabbricato" contro gli interessi della Cina (RPC) e dei paesi in via di sviluppo, in particolare delle ex repubbliche sovietiche dell'Asia centrale. E’ la cosiddetta questione degli Uiguri.
 

*
 

Gli uiguri vivono prevalentemente nel nord-ovest della Cina. Sono stati riconosciuti come "nativi" nella regione autonoma uigura dello Xinjiang della Repubblica popolare cinese. Appartengono a una delle 55 minoranze etniche ufficialmente riconosciute della Cina e sono prevalentemente di fede musulmana.
 
Per decenni, alcuni uiguri hanno combattuto per l'indipendenza dalla Cina (prima che la Repubblica popolare cinese fosse proclamata il 1 ° ottobre 1949, c'erano almeno due stati indipendenti uiguri dichiarati nella regione, il più noto - la prima Repubblica del Turkestan orientale - con l'aiuto dell'Unione Sovietica).
 
Dalla formazione della RPC, la Cina ha offerto uguali diritti e migliorato costantemente gli standard di vita alla minoranza uigura. Tuttavia, diverse fazioni musulmane estremiste hanno continuato a combattere, brutalmente, per uno stato indipendente turco. Non rappresentano la maggioranza degli uiguri, ma essendo contro la RPC, hanno goduto del sostegno morale e finanziario dall'Occidente, dai suoi alleati negli Stati del Golfo e dalla Turchia.
 
La dott.ssa Gaye Christofferson, nel settembre 2002, scrisse nel suo lavoro "Costituire gli uiguri nelle relazioni tra Stati Uniti e Cina: la geopolitica della formazione dell'identità nella guerra al terrorismo" quanto erano divergenti le azioni degli uiguri sul territorio della Repubblica popolare cinese:
 
"I separatisti uiguri e i movimenti per l'indipendenza affermano che la regione non fa parte della Cina, ma che la Repubblica del Turkestan del Secondo Oriente è stata illegalmente incorporata dalla RPC nel 1949 e da allora è stata sotto l'occupazione cinese. L'identità uigura rimane frammentata, poiché alcuni sostengono una visione pan-islamica, esemplificata dal movimento islamico del Turkestan orientale, mentre altri sostengono una visione pan-turkmena, come l'organizzazione di liberazione del Turkestan orientale. Un terzo gruppo vorrebbe uno stato "uigurico", come il movimento per l'indipendenza del Turkestan orientale. Di conseguenza, "[n] o uiguri o il gruppo del Turkestan orientale parla per tutti gli uiguri, anche se potrebbe affermare di", e gli uiguri in ciascuno di questi campi hanno commesso violenza contro altri uiguri che credono siano troppo assimilati alla società cinese o russa o non sono abbastanza religiosi. "
 
Questo era prima della grande spinta propagandistica dall'Occidente; durante gli anni in cui anche il mondo accademico occidentale era ancora relativamente libero di valutare la situazione nello Xinjiang.
 
Ma subito dopo, la politica nordamericana ed europea è cambiata e radicalizzata.
 
In Occidente, la questione uigura è stata designata come "centrale" e "essenziale" per raggiungere tre obiettivi principali:
 
- Umiliare la Cina, rappresentandola come un paese che "viola i diritti umani", i "diritti religiosi" e i diritti delle minoranze.
 
- Gli uiguri furono letteralmente inseriti dai paesi della NATO, compresa la Turchia, in diverse zone di combattimento violente: in Siria, Afghanistan e Indonesia, solo per citarne alcuni, con un unico scopo: addestrare e rafforzare i suoi combattenti, che successivamente sarebbero stati schierati come fattori di destabilizzazione in Cina, Russia ed ex Repubbliche sovietiche dell'Asia centrale.
 
- Sabotare i grandi progetti infrastrutturali, in particolare la BRI. La BRI nasce da un'idea del presidente cinese Xi Jinping. Collegamenti ferroviari ad alta velocità, autostrade e altre arterie infrastrutturali attraverserebbero lo Xingjian, verso est. Se brutali attacchi terroristici sostenuti dall'Occidente e dai suoi alleati islamisti, e perpetrati dai terroristi uiguri, avvenissero nella regione, l'intero progetto che è stato creato per aiutare a migliorare la vita di tutta l'umanità, (lottando contro vari poveri e paesi in via di sviluppo dall'abbraccio neocolonialista occidentale mortale), sarebbe a repentaglio e potrebbe addirittura collassare.
 
 
Ma cosa sta succedendo davvero?
 
Per diversi anni ho indagato su questo "problema"; in Cina e Siria, in Turchia, Afghanistan, Kirghizistan e Indonesia.
 
È perché lo considero uno dei problemi più pericolosi che il nostro pianeta sta affrontando.
 
Sono stato in grado di tracciare schemi e trovare radici. Quello che ho scoperto è inquietante e minaccioso. Per la Cina e per il mondo.
 
La "Marcia degli uiguri" è sostenuta da "utili idioti", in tutto il mondo occidentale, ma anche in Turchia e altrove. Vogliono "difendere le vittime", ma in questo caso le "vittime" sono in realtà usurpatori.
 
In questo reportage sto mettendo tutti insieme i miei risultati (e quelli di altri colleghi e compagni). Lo faccio in modo che nessuno alla ricerca della verità sia in grado di dire ora o tra dieci anni: "Non lo sapevo" o "Le informazioni non sono state disponibili".
 
Prima di iniziare, vorrei sottolineare quanto sia enorme l'ipocrisia dell'Occidente: il TIP (Partito Islamico del Turkistan, che è l'ala militante del movimento separatista turkmeno islamico del Turkistan Islamico (TIM)), è stato designato come organizzazione terroristica dalla Cina. Ma non solo dalla Cina; anche dall'Unione Europea. Kirghizistan, Kazakistan, Russia, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito, Stati Uniti e Pakistan! I terroristi sostenuti dall'Occidente e almeno da parte del suo pubblico, sono designati come un'organizzazione terroristica da Londra, Bruxelles e Washington.
 
Utilizzando la logica occidentale, è ovviamente accettabile addestrare terroristi in Siria o in Indonesia, per l'orrendo massacro di massa dei cinesi, ma non è accettabile farli operare sul territorio dell'Unione Europea o degli Stati Uniti.
 
L'attacco occidentale occidentale contro la Cina e le sue azioni nello Xingjian sono iniziati nel 2018. La propaganda è stata sparata in realtà molto prima, anche se l'inizio 'semi-ufficiale' del combattimento ideologico è avvenuto nell'agosto 2018, quando Reuters ha pubblicato un articolo dal titolo “L'ONU sostiene di avere rapporti credibili secondo cui la Cina detiene milioni di uiguri in campi segreti”.
 
È andata così:
 
"GINEVRA (Reuters) - Un gruppo per i diritti umani delle Nazioni Unite ha dichiarato venerdì di aver ricevuto molti rapporti credibili secondo cui 1 milione di uiguri etnici in Cina sono detenuti in quello che ricorda un" enorme campo di internamento che è avvolto nel segreto ".
 
Gay McDougall, membro del Comitato delle Nazioni Unite per l'eliminazione della discriminazione razziale, ha citato le stime secondo cui 2 milioni di uiguri e minoranze musulmane sono rinchiusi in "accampamenti politici per l'indottrinamento" nella regione autonoma dello Xinjiang occidentale.

"Siamo profondamente preoccupati per le numerose e credibili notizie che abbiamo ricevuto in nome della lotta all'estremismo religioso e del mantenimento della stabilità sociale (Cina) che ha trasformato la regione autonoma uigura in qualcosa che ricorda un enorme campo di internamento che è avvolto nel segreto, una sorta di "zona senza diritti", ha rivelato l'inizio di una revisione regolare di due giorni del record cinese, tra cui Hong Kong e Macao.
La Cina ha affermato che lo Xinjiang deve affrontare una seria minaccia da parte di militanti e separatisti islamisti che organizzano attacchi e suscitano tensioni tra la minoranza uigura per lo più musulmana che chiama la regione casa e la maggioranza etnica cinese Han. "
 

F. William Engdahl, ha duramente criticato il rapporto di Reuters sulle pagine di 21 Century Wire:
 
"Ad agosto Reuters ha pubblicato un articolo sotto il titolo", le Nazioni Unite affermano di avere notizie credibili che la Cina detenga milioni di uiguri in campi segreti ". Uno sguardo più attento all'articolo non rivela dichiarazioni ufficiali sulle politiche delle Nazioni Unite, ma piuttosto una citazione di un membro americano di un comitato indipendente che non parla per le Nazioni Unite. La fonte dell'affermazione che risulta è una ONG consultiva indipendente delle Nazioni Unite, la Committee on Elimination of Discial Discrimination. L'unica persona che ha accusato la Cina è il membro del comitato americano Gay McDougall, ha dichiarato di essere "profondamente preoccupata" per dei "rapporti credibili". La McDougall non ha citato alcuna fonte per l'accusa drammatica.
 
Reuters nel suo articolo accresce le sue fonti, citando un'ONG oscura con sede a Washington DC, i cinesi della Human Rights Defenders (CHRD). In un'eccellente indagine di fondo, i ricercatori del Grayzone Project hanno scoperto che il CHRD riceve centinaia di migliaia di dollari da governi indefiniti. La nota ONG del governo degli Stati Uniti, la National Endowment for Democracy, è in cima alla lista dei soliti sospetti. In particolare, l'indirizzo ufficiale di CHRD è quello di Human Rights Watch che ottiene fondi anche dalla fondazione Soros ”.
 
È così che è iniziato il nuovo capitolo degli attacchi ideologici anti-cinesi (e dei tentativi di fermarli).
E presto si sono intensificati. L'apparato di propaganda occidentale ha rilasciato decine di articoli che, pur sostenendo che la Cina ha costruito diversi centri di detenzione per gli uiguri a Xingjian, non ha fornito alcuna prova che misure estreme e severe fossero state applicate contro gli estremisti religiosi e politici nella Cina nord-occidentale.
 
Il più dilettantistico, basato sulla speculazione, è stato stampato il 1 ° giugno 2019 da The Telegraph ("I musulmani uiguri cinesi costretti a mangiare e bere mentre le celebrazioni del Ramadan sono vietate"):
 
"Pechino ha cercato a lungo di arrestare il controllo di questa regione ricca di risorse, dove decenni di migrazione incoraggiata dal governo di etnia Han - la maggioranza etnica della Cina - hanno alimentato il risentimento tra gli uiguri. La crisi più grande avvenne nel 2009 a Urumqi, la capitale dello Xinjiang, provocando 200 morti.
Ora, il Partito Comunista al potere ha lanciato una campagna di propaganda sull'annullamento di attività "criminali" e "terroristiche". In tutto lo Xinjiang - che significa "nuova frontiera" - sono presenti striscioni rosso vivo che ricordano alle persone di combattere comportamenti illegali "di culto", che chiedono di segnalare attività sospette.
"Love the Party, love the country", appende uno streamer in una moschea, appena sopra il metal detector. Un cartellone autostradale proclama: "Il segretario Xi è strettamente legato alle minoranze dello Xinjiang", riferendosi al presidente cinese Xi Jinping.
Il governo sta lavorando per presentare l'immagine di un felice e pacifico Xinjiang, nel tentativo di promuovere il turismo e attrarre investimenti; questa è la chiave di volta per l'iniziativa Belt and Road di Xi. ”

 
Molti pensatori, tuttavia, hanno coraggiosamente inserito questo tipo di "segnalazione" nel contesto. Il mio caro amico e coautore del nostro libro "China and Ecological Civilization", un filosofo e teologo progressista statunitense John Cobb Jr., è da molti anni coinvolto in Cina. Ha scritto per questo reportage: "Una tattica standard del governo degli Stati Uniti è quella di creare situazioni in cui un altro governo non ha altra scelta che usare la violenza. Il suo uso della violenza viene quindi trattato come prova della necessità di un "cambio di regime". A volte giustifica persino la guerra. Gli iraniani che hanno abbattuto un drone spia americano, per esempio, hanno quasi portato a un palese attacco americano all'Iran. La Cina si è trovata in una situazione del genere nei confronti di una delle sue minoranze islamiche. Esiste il reale pericolo che gli uiguri usino la violenza contro la Cina. Finora la Cina ha risposto con uno sforzo di rieducazione obbligatoria, che può essere raffigurata costringendo i cittadini a trascorrere gran parte del loro tempo in "campi di concentramento". Il fatto che la minoranza sia islamica viene quindi utilizzato nella propaganda americana per insinuare che la Cina perseguita la religione. La propaganda può anche creare sentimenti anti-cinesi tra i religiosi di tutto il mondo, e specialmente tra i musulmani sia in Cina che altrove.
 
Se pensiamo che tutto ciò che indebolisce coloro che rifiutano il dominio americano sia buono, allora possiamo ammirare l'abilità della CIA. Se ci preoccupiamo della verità e della giustizia, il nostro compito è mettere in luce la crudeltà e l'ingiustizia della sovversione e delle menzogne. "
 
*

UYGHURS IN TURCHIA
 
Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, "si innamorò" degli uiguri quando prestò servizio come sindaco della più grande città del paese - Istanbul. Ha eretto un monumento per loro e ha dichiarato che la nazione turca aveva radici in "Turkestan".
 


Ha permesso a centinaia di migliaia di uiguri di emigrare in Turchia.
 
Essendo un paese membro della NATO e almeno in passato, uno dei più stretti alleati degli Stati Uniti, la Turchia ha prontamente aiutato l'Occidente con la sua colorata campagna anti-cinese.
 
Ma non era tutto. Quando le nazioni della NATO e i loro alleati ultra-religiosi nel Golfo, hanno deciso di rovesciare il governo arabo-socialista a Damasco, in Siria, la Turchia ha prontamente partecipato al "progetto" sin dall'inizio, sacrificando i suoi legami storici con la famiglia Assad.
 
Già nel 2012 ho indagato, con l'aiuto del traduttore turco dei miei libri, i cosiddetti campi profughi nella zona di confine di Hatay (con la sua antica capitale di Antakya). Mentre diversi campi fungevano davvero da centri per i rifugiati, altri come Apaydin, stavano addestrando terroristi siriani e combattenti jihadisti stranieri.
 


A quei tempi, Serkan Koc, un importante regista di documentari di sinistra turco, che ha prodotto diverse opere rivoluzionarie sul tema dell'opposizione siriana, mi ha spiegato a Istanbul:
 
"Certo, ti rendi conto che quelle persone non sono in realtà" opposizione siriana ". Sono legionari moderni raccolti da vari paesi arabi, tra cui il Qatar e l'Arabia Saudita, pagati dalle potenze imperialiste occidentali. Alcuni sono membri di Al Qaeda e altre organizzazioni terroristiche. La maggior parte sono musulmani sunniti militanti. Si potrebbero descriverli come elementi canaglia assunti per combattere il governo di Assad. "
 
Con l'aiuto dei contatti di Mr. Koc a Hatay, sono riuscito a stabilire, già nel 2012 e nel 2013, che alcuni dei "legionari" fossero in realtà uiguri. Ho anche ricevuto la conferma che venivano contrabbandati "accampamenti" nell'area di Hatay direttamente in Siria, armati ed equipaggiati.
 
I terroristi furono anche addestrati presso la struttura aerea della NATO "Incerlik", vicino alla città di Adana. Finora quanti Uiguri hanno attraversato quella base aerea non è ancora stato stabilito.
 
Sul fronte della guerra siriana, gli assassini più duri, più brutali e più pericolosi nella zona attualmente controllata da terroristi di Idlib sono gli uiguri. Ma questo fatto sarà affrontato nel capitolo seguente di questo rapporto.
 
A Istanbul, ho collaborato con il mio collega e compagno, Erkin Oncan, un giornalista e pensatore turco, che attualmente lavora per Sputnik. Per anni ha scritto sul movimento degli uiguri.
 
Insieme, abbiamo visitato il quartiere Zeitinburnu alla periferia di Istanbul, dove abbiamo incontrato i colleghi di Erkin, che ci hanno portato in un "tour" di importanti "monumenti" uiguri, incluso l'ufficio in cui sono stati reclutati gli uiguri, a cui è stato permesso di lavorare in modo semi-legale, e poi, molti di loro, mandati in Siria e Iraq.
 
Ci sono circa 50.000 uiguri che vivono in Turchia (10 milioni vivono in Cina e in tutto il mondo). Zeitinburnu, ha la più grande concentrazione di uiguri nel paese. Qui possiedono attività commerciali, ristoranti. Gli anziani godono di una vita rilassata, bevono tè e conducono conversazioni infinite in luoghi pubblici.
 
Ma questo umore tranquillo è solo una facciata. Qui è dove arrivano molti uiguri. Da qui vengono trasferiti all'estero, dove imparano il loro "commercio" mortale, come diventare combattenti induriti e spietati. Vanno in Siria, Iraq, Afghanistan o fino all'Indonesia.
 
Già dal 9 aprile 2015, BGNNews.com a Istanbul, ha riferito:
 
“La rete è basata a Zeytinburnu, un quartiere della parte europea di Istanbul che ospita una comunità di uiguri che vivono in Turchia. È guidato da Nurali T, un uomo d'affari che facilita il movimento di uiguri dalla Cina alla Siria e all'Iraq attraverso la Turchia dal 2011. È conosciuto con il suo nome in codice Abbas. Un individuo che lavora per lui, AG, afferma che sono stati prodotti in totale 100.000 falsi passaporti turchi, 50.000 dei quali sono stati spediti in Cina per essere consegnati ai combattenti reclutati per unirsi allo Stato islamico dell'Iraq e al Levante (ISIL).
 
Secondo l'articolo gli uiguri si stanno unendo alla lotta, viaggiando dalla Cina attraverso la Thailandia e la Cambogia prima di raggiungere la Malesia, che non ha requisiti per il visto con la Turchia. Una commissione di 200 USD viene prelevata dalle reclute.
 
I combattenti trascorrono quindi una notte a Istanbul in motel, hotel o appartamenti sicuri prima di dirigersi verso sud-est ed est della Turchia il giorno successivo per attraversare la Siria e l'Iraq.
 
Le persone che trasportano passaporti falsi vengono spesso catturati all'aeroporto di Istanbul. Per quanto riguarda il motivo per cui sono stati in grado di entrare in Turchia e non essere espulsi, afferma AG, “la Turchia ha rapporti segreti con gli uiguri. Le autorità prima confiscano i passaporti ma poi rilasciano le persone ".
 
Erkin e il suo amico parlano dell'attuale situazione in Turchia. E su ciò che gli uiguri dovrebbero ottenere:
 
"I membri del TIP - Partito islamico del Turkistan - ripetutamente affermano che" in Siria ci stiamo allenando per la jihad e torneremo in Cina e combatteremo ".
 
La domanda è: come sarebbero tornati in Cina i combattenti uiguri; dalla Turchia, ma soprattutto dalla Siria?
 
Erkin ha risposto:
 
"La mia teoria è che la Cina è in allerta e che se i combattenti fossero inviati prima dalla Siria alla Turchia, e poi alla Cina, ciò potrebbe essere fatto solo se l'ID fosse cambiato e falsificato. Poiché la Cina ha nomi, ha elenchi e informazioni. Se la Turchia decidesse di cambiare segretamente i loro documenti di identità e li spedisse in Cina, ciò potrebbe essere possibile, ma, come hai detto prima, è possibile anche la rotta afgana. Anche i combattenti dell'IS si stanno radunando lì, il TIP si sta radunando lì, in Afghanistan; alcune parti della punta dell'Afghanistan occidentale, che non è lontano dal confine con la Cina. Penso che TIP tenterà di andare direttamente in Cina, ma la maggior parte dei tentativi fallirà. Attaccheranno dall'Afghanistan. Come sapete, la Russia ha recentemente dichiarato che l'IS ha formato un nuovo califfato in Afghanistan, che rafforzerebbe il clima jihadista nel paese. La Turchia proverà a inviare un certo numero di combattenti uiguri lì, anche se non so quanti.
 
Penso anche che la Turchia proverà a dividere gli uiguri in due gruppi. Sai che gli uiguri viaggiano sempre con le loro famiglie. Inviarli ovunque con le famiglie è molto difficile. Ma inviare prima i combattenti e poi "deportare" le famiglie è un'altra cosa. La deportazione delle famiglie potrebbe essere fatto sotto "copertura umanitaria". Quindi, penso, i combattenti andranno prima, segretamente, e poi le famiglie saranno deportate. "
 
Ma dove dovrebbero essere "deportate" le famiglie? In Cina?
 
“Sì, perché a Izmir e Hatay gli uiguri sono curati dal governo turco. Ci sono sempre, esclusivamente, donne e bambini, ma non uomini. ”
 
Nel giugno 2019 sono tornato a Hatay e Izmir, solo per confermare ciò che mi è stato detto a Zeitinburnu.
 
Ma prima abbiamo viaggiato fino ad Aksaray a Istanbul; in uno dei famigerati ristoranti uiguri, di proprietà di un membro dell'AKP. Gli uiguri stanno gestendo il posto. È il luogo in cui i leader separatisti si incontrano, regolarmente; ogni mese o almeno ogni secondo mese. L'ex capo di questo posto è stato arrestato con l'accusa di tratta di esseri umani. I miei colleghi spiegano: “Non abbiamo idea di quali accuse, esattamente o cosa gli sia successo? Se fosse ancora in prigione, lo sapremmo sicuramente. "
 
Il quartier generale della polizia è molto vicino a questo ristorante, che non voglio identificare per nome, almeno non in questo reportage; non ancora. Paradossalmente, alcuni membri delle forze di polizia che dovrebbero rintracciare la tratta di esseri umani si riuniscono regolarmente qui. Allo stesso modo, si ritrovano anche ingenui turisti cinesi in cerca di buon cibo piccante cinese dal nord-ovest del loro paese.
 
Mi viene detto:
 
"Secondo la mia fonte qui, una volta la polizia ha individuato una cellula di traffico di esseri umani qui, ma non ha fatto nulla ... La polizia sta effettivamente controllando queste celle, anche dando nuovi nomi a coloro che dovrebbero essere inviati in Siria. La polizia è responsabile e i funzionari del governo sanno davvero chi andrà in Siria, nome per nome. Alcuni profitti di questo, e di altri ristoranti come questo, vanno direttamente all'associazione separatista uigura. "
In realtà, ci sono molti ristoranti come questo, ma questo è il quartier generale della zona di Istanbul. Cerca di rimanere umile, non appariscente, con quasi nessun segno in arabo. ”
 
Mi viene anche spiegato:
 
"Tutte le nostre fonti confermano lo stesso:" La polizia e lo stato / governo sanno tutto e si assicurano di controllare l'azione ".
 
I governanti e principalmente i partiti nazionalisti di destra e di opposizione filo-occidentale in Turchia sostengono tutti gli uiguri. L'opposizione è ancora più dell'AKP al potere, quindi ci sono poche possibilità che la politica venga invertita presto.
 
La maggior parte dei media turchi fa eco alle fonti occidentali e sono apertamente ostili nei confronti della Cina.
 
Tuttavia, il governo non vuole antagonizzare apertamente la Cina. Ha una certa collaborazione, almeno quando si tratta di rintracciare le attività criminali.
 
Una cosa è cambiata, mi è stato detto da Abdulkadir Yapcan, che copre le questioni legali relative agli uiguri:
 
"Se la Cina fornisce documenti di identità e nomi, la Turchia indagherà e sporgerà denuncia. Se la Cina non fornisce informazioni dettagliate, la Turchia non farà assolutamente nulla. Questo è almeno un cambiamento, dal 2016. Sebbene, finora, ci sia stato solo un caso."
 
Gli uiguri sono diventati violenti, anche in Turchia, in diverse occasioni. I più documentati sono stati un attacco contro il consolato thailandese a Istanbul nel 2015 e un attacco in una discoteca a Zeitinburnu, in cui 39 persone hanno perso la vita, principalmente cittadini turchi e sauditi.

*
 
COMBATTENTI UYGHUR IN AFGHANISTAN
 
Alla periferia di Kabul e Jalalabad in Afghanistan, incontro regolarmente persone che stanno fuggendo dalla crescente presenza dell'ISIS in varie parti del paese. Alcuni sono ora costretti a vivere nei campi per sfollati interni, come quello a Bagrami, proprio alla periferia della capitale.
 
Le mie fonti nel paese parlano chiaramente del movimento dei quadri jihadisti (principalmente ISIS) dalla Siria all'Afghanistan. Tra questi ci sono, come previsto, uiguri.
 
Queste persone arrivano dopo essere state completamente addestrate. Sono pronti alla battaglia, indottrinati ed estremamente brutali, anche per gli standard dell'Afghanistan; un paese che è stato colpito dalle guerre civili e dalle invasioni.
 
La vicinanza dell'Afghanistan alla Cina, con la quale ha un breve confine ad est, ma anche alle ex repubbliche sovietiche dell'Asia centrale (l'Afghanistan ha i confini con il Turkmenistan, Tagikistan e Uzbekistan), lo rende un posto ideale da utilizzare per la sovversione contro Cina, Russia e repubbliche dell'Asia centrale.
 
È essenziale capire che la BRI cinese è progettata per connettere la Cina con il mondo intero, utilizzando diversi corridoi infrastrutturali, alcuni dei quali seguirebbero le vecchie strade della seta, attraversando l'Asia centrale, tagliando l'Iran, il Pakistan ma anche l'Afghanistan. La città di Urumqi, e la provincia di Xingjian in generale, saranno alcuni dei centri più importanti. Quelli in Occidente che vogliono interrompere questo, forse, il progetto globale più importante, stanno strategicamente usando separatisti uiguri, terroristi e fanatici religiosi, per portare incertezza, persino caos, in questa parte del mondo.
 
Diversi membri di spicco di al-Qaeda come Abu Yahya al-Libi e Mustafa Setmariam Nasar ? che avevano incontrato uiguri in Afghanistan dove si erano addestrati come mujahidin - hanno espresso sostegno personale alla loro causa ". Il movimento per l'indipendenza uigura del Turkestan orientale è stato anche personalmente approvato nel serial "IX edizione della primavera islamica" di Ayman Al-Zawahiri, il capo di Al-Qaeda.
 
È anche importante ricordare che durante la Battaglia di Kunduz in Afghanistan (nel 2015), militanti islamisti stranieri si sono uniti ai talebani e all'ISIS, in un assalto alla città.
Tra loro c'erano Uiguri, ceceni, rohingya, kirghisi, tagiki e uzbeki.
 
TIP sta combattendo in Siria e altrove, ma la leadership dell'organizzazione ha sede in Afghanistan e Pakistan, ma con la maggior parte dei suoi membri che operano illegalmente sul territorio della Repubblica Popolare Cinese.
 
 
GLI UYGHUR SONO FORMATI E IN SIRIA
 
Una signora, madre di tre figli, è seduta sotto il portico della sua casa temporanea, nella città siriana di As Suqaylabiyah. Racconta lentamente gli orrori che ha dovuto vivere prima di fuggire dal suo villaggio nella zona di Idlib:
 
“I terroristi che hanno commesso un omicidio di massa nella mia città, sono uiguri. I miei cugini e altri parenti furono uccisi. Di Uiguri; si, da parte loro. Nell'aprile 2014. Sono stati fucilati. Siamo stati contro di loro, cercando di difenderci. Poi hanno iniziato a ucciderci, prima nella lotta, poi nella vendetta. Dopodiché, hanno tagliato la testa a coloro che avevano ucciso. "
 
"Erano i più brutali dei terroristi", ho chiesto.
 
"Sì. Da nord a sud, da est a ovest della provincia di Idlib. Sono mostruosi. Sono sotto il comando, sotto il controllo del Fronte di Nusra. Rapiscono i soldati e li uccidono brutalmente. Uccidono intere famiglie e le uccidono in un modo che non posso nemmeno descrivere. La morte più semplice è quando sparano e poi ti decapitano. Sono come mostri. "
 
Lei sa. E’ sopravvissuta per miracolo:
 
"Ricordo ancora. Sono fuggita con ciò che restava della mia famiglia, alle 4 del mattino. Gli uiguri stavano uccidendo, così come gli indonesiani; gli avevano totalmente fatto il lavaggio del cervello. Sai, la mia famiglia è composta da insegnanti; insegnanti di lingua araba. Ho 3 figli. Non avrebbero risparmiato nessuno"
 
Ho incontrato la signora Noora Al Khadour e la figlia di 17 anni, Naia, del villaggio di Kafer Nboudah:
 
“Siamo terribilmente spaventati dagli uiguri; dei loro crimini. Non voglio nemmeno ricordare cosa è successo. Anche se so che devo parlarti; a persone come te ... per fermare tutta quella follia. Sai, sono dovuta fuggire con i miei quattro figli, in moto, come in qualche film pazzo ... "
 
Cerca di trovare parole, come iniziare:
 
“Primo: abbiamo dovuto spegnere il cervello per sopravvivere. Ciò che stava accadendo era tutt'altro che "normale". Era orrore. È quasi impossibile descrivere ... Sono solo una donna semplice. Entrarono nella nostra città e iniziarono a decapitare. Sparare ... I loro volti; le loro espressioni - il tuo cuore smette di pensare a loro. Sono così fortunata che durante quella notte non ho perso alcun membro della famiglia, perché siamo fuggiti quasi immediatamente ”.
 
Chiedo, se Uiguri e il loro TIP stanno usando narcotici, quando attaccano i villaggi. La mia domanda innesca una discussione enorme.
 
"Sicuramente", rispose la signora Noora. "Non potrebbero agire in questo modo, se fossero in uno stato" normale "."
 
La mia amica Anas, che mi sta accompagnando, partecipa alla discussione:
 
“Il mio amico dell'ASA (Esercito arabo siriano) mi ha detto che le tasche delle giacche dei terroristi sono sempre piene di droga. Gli uiguri usano il captagone. "
 
I soldati in attesa confermano che ogni volta che un terrorista viene catturato, le sue tasche sono piene di "droghe da combattimento".
 


Mi chiedo, con orrore, cosa farebbe un plotone ben addestrato di terroristi TIP se dovesse invadere un villaggio in Cina. Negli ultimi due decenni, i separatisti uiguri hanno effettuato centinaia di attacchi terroristici in Cina, uccidendo innumerevoli persone. Ma non hanno mai detenuto un intero villaggio da nessuna parte nella RPC.
 
*
 


In As Suqaylabiyah mi siedo di fronte a un tavolo del comandante dell'NDF (National Defense Force), Nabel Al-Abdallah. Parliamo russo. Mi prende; mi porta, in prima linea, fino al bordo, dove le posizioni di Al Nusra sono chiaramente visibili. Poi mi invita a tornare, in questa bellissima parte della Siria, quando "tutta questa follia sarà finita".
 
Al suo centro di comando, spiega:
 
“Non abbiamo paura degli uiguri, ma stiamo prendendo molto sul serio la loro minaccia. Guarda, all'interno dell'area di Idlib che è controllata da loro, il terrorismo "cresce". Se, dopo aver migliorato le loro abilità di combattimento qui, un combattente ritorna in Cina, rappresenterebbe un enorme pericolo. Gli uiguri sono i peggiori combattenti; i combattenti più difficili. E proprio di fronte a noi - Idlib - è la capitale mondiale del terrore. È un laboratorio di terrorismo. Ci sono terroristi da tutto il mondo. Lì, gli uiguri stanno imparando i mestieri più letali. "
 
Fa una pausa, mi offre un tè siriano aromatico. Quindi continua con i suoi pensieri:
 
“I terroristi uiguri prendono di mira il nostro popolo. Lo stanno brutalizzando. Se non abbiamo soluzioni, presto i terroristi danneggeranno il mondo intero. Il nostro problema non è solo Uiguri e ISIS, non solo TIP o Nusra. Il nostro problema è l'ideologia che rappresentano. Usano l'Islam, commettono barbarie in nome dell'Islam, ma tutto ciò è sostenuto dagli Stati Uniti e dall'Occidente. L'esercito siriano e le forze di difesa nazionale stanno sacrificando i loro soldati per il mondo, non solo per questo paese ".
 
Ci sono rapporti contrastanti, per quanto riguarda quanti combattenti uiguri siano ancora dentro la Siria. Il numero generalmente accettato è di circa 2.000, ma include le famiglie.
 
Il comandante Nabel ha chiarito:
 


“Da 400 a 500 combattenti sono ora nell'area di Idlib. E tutti i terroristi internazionali con base a Idlib sono sotto il comando del Fronte di Al-Nusra. Sono supportati da Qatar, Stati Uniti, Sauditi e Turchia. Gli ufficiali dell'intelligence degli Stati Uniti sono lì - nel mio paese. Ci sono punti di osservazione turchi, forze militari turche ".
 
Ancora una volta, vengo guidato in prima linea. Ho visitato diverse posizioni e città siriane, tra cui As Suqaylabiyah. È ancora guerra qui, intorno a Idlib - vera, dura guerra. I mortai esplodono non lontano da noi e le mine antiuomo vengono scoperte e disinnescate nelle vicinanze. Le persone stanno morendo; lo sono ancora.
 
Vicino a Muhradah, presso la centrale elettrica di Mahardah, recentemente liberata dall'ASA, i soldati hanno scoperto diversi corpi carbonizzati. Mi è stato detto che erano molto probabilmente terroristi "asiatici". Ma erano indonesiani o uiguri, nessuno poteva dirlo.
 
Il leader della Difesa nazionale siriana a Muhradah, ha chiarito:
 
"Gli uiguri sono combattenti difficili. Sono sotto il commando del fronte di Al-Nusra. Sono molto evasivi, operano con nomi diversi. Sono tutti lì - dentro - in Idlib. Quando Idlib cadrà, cadranno insieme. ”
 
Mi vengono mostrate le mappe.
 
Molto probabilmente, quando tutto questo sarà finito, gli Uiguri saranno “spostati” altrove. Ritorno in Turchia, in Afghanistan o, se non si fa nulla per fermarli, ritorno in Cina.
 
Un analista siriano che non vuole essere identificato, ha scritto per questo reportage:
 
“Il pericolo degli uiguri che operano in Siria è poliedrico:
 
“Prima di tutto, non possono far parte di alcuna soluzione integrale, perché non appartengono alla Siria. In un modo o nell'altro, la loro presenza è dannosa; dividendo il paese. Le ultime informazioni sul loro spiegamento qui mostrano chiaramente che vengono utilizzati intenzionalmente dalla Turchia, al fine di impedire all'ASA di riprendere il controllo su Idlib. Nel 2016, l'ASA ha cercato di infiltrarsi nel territorio fino a Jisr ash-Shugur, a Idlib, dalla campagna di Latakia. Ma tutte le azioni militari fallirono, a causa della potenza del TIP (Turkistan Islamic Party) che opera nell'area. È bene menzionare qui che il TIP ha guidato gli attacchi a tutti i posti dell'ASA a Jisr ash-Shugur e ha commesso massacri lì.
Il secondo problema è: una minaccia diretta agli interessi cinesi nella regione. con intimidazioni diffuse online e pubblicate tramite gli account collegati a "Malhama Tactical" (Il gruppo, fondato da uno pseudonimo jihadista uzbeko di nome Abu Rofiq, che opera in Siria, sostiene le forze terroristiche antigovernative * nota dell'autore). Esiste inoltre il pericolo che gli uiguri tornino in Cina e reclutino centinaia di giovani combattenti estremisti e separatisti, che potrebbero quindi decidere di avviare attacchi contro la Repubblica popolare cinese.

 
Per i motivi sopra menzionati, la Cina deve essere coinvolta in tutti gli sforzi per neutralizzare tali minacce. E il mondo deve capire le sue azioni difensive.
 
 
*
 
UYGHURS IN INDONESIA E RESTO DELL'ASIA MERIDIONALE
 
 
L'Indonesia, il più popoloso paese a maggioranza musulmana, è dal 1965, anno del golpe militare sostenuto da Stati Uniti e Gran Bretagna, un fedele alleato dell'Occidente. Il comunismo e l'ateismo sono vietati lì e le forme più estreme e grottesche di capitalismo sono praticate in tutto l'arcipelago. Il razzismo in Indonesia è leggendario; il paese ha commesso tre genocidi dal 1965, incluso quello in corso nella Papua occidentale occupata.
 
La minoranza cinese è sempre stata il bersaglio di innumerevoli pogrom e discriminazioni. Questo è iniziato nell'era del colonialismo olandese e continua fino ad ora.
 
Inoltre, la maggior parte dei musulmani indonesiani pratica l'Islam sunnita wahhabita, sempre più intollerante e radicale, con radici in Arabia Saudita (il wahhabismo è stato sviluppato con il sostanziale aiuto degli imperialisti britannici).
 
L'Indonesia di destra, religiosa, a favore degli affari ha generalmente visto la Cina (RPC) come un nemico. Subito dopo il colpo di stato del 1965, decine di migliaia di cinesi furono assassinati a sangue freddo, centinaia di migliaia furono schiavizzati, innumerevoli donne violentate in gruppo, milioni costrette a cambiare nome, abbandonare la loro lingua madre, il loro carattere e la loro cultura. Molti elementi del regime e degli apparati indonesiani si sono uniti con entusiasmo all'Occidente nella sua nuova crociata per destabilizzare Pechino e la sua visione internazionalista per il mondo.
 
Gli uiguri sono diventati lo strumento perfetto per il combattimento anti-Pechino. Secondo Pak Wawan del Ministero degli Affari Esteri dell'Indonesia (non il suo vero nome), alcuni uiguri hanno iniziato a viaggiare dalla Cina alla Turchia e infine alla Siria con i falsi passaporti turchi, già una decina di anni fa. Ciò ha sconcertato alcuni ufficiali dell'immigrazione indonesiana, presso il principale aeroporto internazionale di Jakarta. Ma la "confusione" fu presto chiarita e agli Uiguri fu permesso di procedere; per continuare la loro marcia mortale.
 
Pak Wawan mi ha detto di più, durante il nostro incontro nella città di Bandung, nel Giava Occidentale:
 
"Vi furono" amicizie "forgiate tra uiguri e radicali locali, indonesiani e islamisti. Alcuni indonesiani si recarono addirittura a Urumqi. Le connessioni sono state forgiate, e alla fine molti hanno viaggiato in Indonesia, per lavoro ideologico, raccolta fondi e addestramento al combattimento. Questi contatti e collegamenti risalgono ai tempi in cui entrambe le parti avevano sede alla Mecca, a Medina, a Riyad, in Arabia Saudita. Il regime dei visti tra i due paesi (Indonesia e Cina) è relativamente rilassato, quindi le persone di TIP sono state in grado di entrare senza problemi in Indonesia. Una volta qui, molti di loro sono diventati imam, ma altri hanno continuato a unirsi ai campi e ad allenarsi come combattenti jihadisti, in particolare nel mezzo dell'isola di Sulawesi. "
 
Pak Wawan continua:
 
“Queste persone hanno una rete enorme. Hanno anche reti in Tailandia e Malesia. Di recente li hanno espulsi da Pattaya, in Thailandia. La maggior parte dei loro quadri aveva studiato in varie università religiose, principalmente in Arabia Saudita, o almeno da qualche parte in Medio Oriente.
 
Quando vengono in Indonesia, portano con sé un libro di propaganda, oltre a video, con l'obiettivo di diffondere diffidenza e odio verso la Cina. Tra le altre cose, il libro dice che i cinesi sono: kafir ("ingratitudine" (verso Dio)), e che sono najis (sporchi). Il libro chiede il divieto (di nuovo) di tutti i simboli della cultura cinese ".
 
È un libro tremendamente razzista e violento. Testi simili sono stati distribuiti in Indonesia contro i musulmani sciiti, con l'aiuto prevedibile dell'Arabia Saudita.
 
Secondo Pak Wawan:
 
“In Indonesia, si stima che ci siano circa 200 studenti uiguri, con lo scopo principale, di lavorare come ustads / imam (chierici religiosi) e di infiltrarsi nel sistema. Alcuni sono semplicemente intrappolati qui. Alcuni di loro sono coinvolti in attività sovversive, insieme ai membri dei jihadisti indonesiani. Il loro obiettivo è tornare in Siria, e infine in Cina ".
 
Nell'isolata isola di Sulawesi, ci dovrebbero essere diversi combattenti uiguri, ancora in libertà, sebbene quattro di loro siano stati catturati, processati e condannati a lunghi termini in prigione (nel 2015), per essersi uniti al gruppo terroristico radicale Mujahidin Indonesia Timur (MIT o East Indonesia Mujahedeen) con il suo leader Santoso aka Pakde aka Abu Wardah. Il gruppo Santoso ha già promesso fedeltà all'ISIS sotto la guida di Abu Bakr Al-Baghdadi.
 
La prigionia di 4 uiguri in Indonesia nel 2015, potrebbe essere interpretata come un cambio di rotta dall'amministrazione di Jokowi. Come la Turchia, l'Indonesia è stata vittima di micidiali attacchi terroristici e inizia a considerare i quadri jihadisti wahhabiti come un pericolo. Inoltre, l'atteggiamento nei confronti della Cina sta iniziando a cambiare, almeno negli ultimi anni. La Cina è vista come un partner, soprattutto quando si tratta di investimenti nelle infrastrutture indonesiane in rovina.
 
Ma è ancora una situazione confusa.
 
Alcuni uiguri stanno arrivando, recentemente attraverso l'aeroporto internazionale di Manado, Sulawesi. Altri viaggiano in barca, dalla parte musulmana delle Filippine.
 
Ciò che è significativo è che le delegazioni di due importanti organizzazioni musulmane indonesiane - NU (Nahdlatul Ulama - la più grande organizzazione musulmana indipendente al mondo) e Muhammadiyah – sono stati invitati a Urumqi in Cina, e alla fine hanno dichiarato pubblicamente, che non vi è oppressione dei musulmani in Cina.
 
È diventato chiaro che coloro che continuavano a diffondere voci anti-cinesi in Indonesia e nel resto del sud-est asiatico, erano finanziati e sostenuti dall'estero.
 
Rossie Indira, una scrittrice ed editrice indonesiana, che ha contribuito alla stesura di questo reportage, ha visitato diversi gruppi radicali a Giava, così come i principali politici, che hanno rifiutato categoricamente di imbrattare la Cina per conto dell'Occidente.
 
Certo, le organizzazioni islamiste incallite non hanno mai cambiato il loro ritmo. Atip Latiful Hayat, presidente del Consiglio di esperti di ANNAS Indonesia (Alleanza nazionale sciita), ha parlato con la signora Rossie Indira di "diritti umani" e oppressione dei musulmani da parte della RPC. ANNAS Indonesia ha dichiarato apertamente che "i musulmani Balikpapan sosterranno sia moralmente che materialmente ogni sforzo per la liberazione dei musulmani uiguri nella provincia cinese dello Xinjiang".
 
Il signor Okta, del dipartimento programmi di ACT, una ONG di West Java, che un tempo era fortemente coinvolta nella raccolta di denaro e beni per gli uiguri, ha dichiarato che il problema non è più la loro priorità.
 
Dina Suleiman, una leggendaria accademica e scrittrice indonesiana, che difende regolarmente sia la Siria che l'Iran, ha dichiarato per questo reportage:
 
“ACT ha pubblicato il suo rapporto annuale, ma non siamo riusciti a trovare dettagli su dove sono andati tutti i soldi. Hanno solo pubblicato che un certo importo è stato donato a paesi al di fuori dell'Indonesia, ma senza dettagli. Un mio amico commercialista ha esaminato i loro rapporti pubblicati e ha affermato che (ACT) hanno utilizzato tutti i tipi di terminologia per convalidare utilizzando la percentuale di donazioni per le proprie esigenze. Mi ha detto che potrebbe essere che fino al 60% delle donazioni siano state utilizzate per i propri bisogni. "
 
Un tipico caso di corruzione endemica indonesiana? In questo caso: bene. Meglio se il denaro viene rubato, che se dovesse raggiungere gli estremisti uiguri!
 
Il signor Inas N. Zubir, il presidente della fazione Hanura alla Camera dei rappresentanti fa parte della fazione del sistema politico indonesiano, che mette apertamente in discussione ciò che sta dietro lo spargimento del governo cinese in relazione alla "questione" uigura . Di recente ha parlato con Rossie Indira per questo reportage:
 
“Il popolo indonesiano deve stare attento quando viene a conoscenza dei problemi legati ai musulmani uiguri, perché le notizie sul presunto trattamento discriminatorio da parte del governo cinese che è stato recentemente diffuso, provenivano solo dai media internazionali e da un certo numero di ONG occidentali. Nel frattempo, un certo numero di paesi occidentali ha in seguito scoperto di avere relazioni meno armoniose con la Cina ".
 
“Il Comitato Centrale di Muhammadiyah (dal suo Presidente, Haedar Nasir) ha incontrato l'Associazione Musulmana Cinese (Vice Presidente dell'associazione: Abdullah Amin Jin Rubin) nel settembre 2018. Abdullah Amin Jin Rubin aveva negato le accuse di cui sopra. Ha affermato che i musulmani in tutta la Cina, compresi gli uiguri, avevano la stessa libertà e ricevevano un buon trattamento da parte del governo. La prova è: nello Xinjiang, dove si trovano gli Uiguri, ci sono 28.000 moschee e più di 30.000 imam per condurre preghiere. Anche nello Xinjiang, il governo partecipa al sostegno dell'istituzione del Collegio islamico. Quindi, la vita religiosa dei musulmani è buona ".
 
“Sospettavo che la questione del trattamento discriminatorio nei confronti dei musulmani uiguri fosse stata deliberatamente sollevata da alcune parti del paese per screditare il governo di Joko Widodo. Penso che l'opposizione ritenga intenzionalmente il governo di Joko Widodo come un governo a cui non importa della sofferenza dei musulmani uiguri ”.
 
*
 
Diverse cellule jihadiste nelle Filippine e in Malesia si impegnano anche a sostenere gli estremisti uiguri.
 
Durante l'anno 2017, i quadri jihadisti (principalmente ISIS) hanno attaccato e invaso la città di Marawi, sull'isola di Mindanao, nelle Filippine. Ciò che seguì fu una prolungata battaglia tra militari e terroristi. I comandanti dell'esercito mi dissero che tra i militanti morti c'erano diversi "combattenti stranieri". Alcuni erano indonesiani, altri venivano dalla Malesia. Mi è stato indicato che c'erano "altri", in particolare dalla Cina, anche se non c'erano conferme concrete sugli uiguri. 
 
 
LA MARCIA DI UYGHURS DEVE ESSERE FERMATA
 
 
E che cosa hanno da dire i media cinesi e il popolo cinese sull'argomento? Naturalmente, non è facile trovare molte voci non occidentali, nella cacofonia propagandista anti-cinese trasportata da punti vendita come Yahoo News o Google.
 
Già nel 2013, China Daily ha pubblicato un articolo di Li Xiaoshuang intitolato "La copertura mediatica occidentale sullo Xinjiang è senza valore". Ha espresso con passione ciò che i mass media nordamericani ed europei hanno cercato di mettere a tacere, per oltre un decennio:
 
“I media occidentali sono diventati la macchina della propaganda per i separatisti uiguri.
Come nativo dello Xinjiang, sono indignato per i falsi resoconti della stampa occidentale su ciò che è accaduto nella regione autonoma dello Xinjiang Uygur durante il mese di Ramadan, un periodo di digiuno per i musulmani di tutto il mondo...
 
Citando solo un attivista uiguro come unica fonte di notizie, i rapporti accusano le autorità cinesi di vietare ai musulmani di digiunare e pregare nelle moschee, insieme a commenti distorti secondo cui il governo cinese sta sopprimendo i gruppi etnici uiguri e trasferendo un numero enorme di Han cinesi nello Xinjiang per diluire la cultura uigura.
 
Senza resoconti di prima mano, senza menzionare ripetuti chiarimenti da parte del governo dello Xinjiang, in che modo questi media sono così irresponsabili? Come può il mondo apprendere tutta la verità?
 
Mi ricorda la rivolta nella regione del 26 giugno, con 27 persone morte. È stato sicuramente un massacro, ma alcuni media occidentali, come hanno già fatto in precedenza, hanno descritto gli attacchi come parte di un conflitto etnico. Rappresentano i terroristi che tradiscono la loro religione uccidendo persone innocenti come "eroi", in cerca di libertà religiosa o politica ... "
 
Il 20 marzo 2019, Xie Wenting e Bai Yunyi del Global Times hanno riferito con molta più urgenza:
 
“Titoli fuorvianti, accuse infondate, oscuri intervistati, doppi standard non sono difficili da individuare in molti articoli riguardanti la regione autonoma uigura dello Xinjiang cinese nei media occidentali.
 
Gli ultimi mesi hanno visto un intenso scoppio di tali rapporti che hanno contaminato gli sforzi anti-terrorismo della Cina nella regione adottando tattiche tra cui l'uso di parole con una connotazione negativa, fornendo informazioni incomplete e suscitando le emozioni dei lettori. "
 
Non è spesso menzionato in Occidente, ma ci sono circa 20 milioni di musulmani che vivono in Cina. Secondo l'Amministrazione statale per gli affari religiosi (SARA), ci sono più di 21 milioni di musulmani nel paese. Secondo la SARA ci sono circa 36.000 luoghi di culto islamici, oltre 45.000 imam e 10 scuole islamiche nel paese. In Cina, l'Islam ha alcune sfumature interessanti: ad esempio, ci sono moschee guidate da imam femminili, lì. In tutta la Cina è disponibile cibo halal, e in realtà molto popolare. Molte persone mostrano grande interesse per la cultura musulmana, almeno teoricamente.
 
Durante la mia visita del 2018 nella città cinese di Xian, sono rimasto colpito dal grande sforzo che il governo cinese ha compiuto per sostenere la cultura musulmana in questo centro storico di multiculturalismo, dal quale, secoli fa, era stata la leggendaria via della seta l'avvio. La civiltà islamica, la sua musica, il cibo, i centri di culto e l'architettura sono ora il più grande magnete, portando decine di milioni di visitatori da tutta la Cina.
 
Ho visto chiaramente che non c'era discriminazione in Xiang. Le mie conclusioni furono le stesse di quelle degli emissari di due movimenti di massa musulmani indonesiani, ai quali fu permesso di visitare lo Xinjiang. Non abbiamo trovato alcun trattamento brutale nei confronti dei musulmani e della loro religione in Cina.
 
*
 
Spesso mi sembra, e ad altri esperti in Cina lo stesso, che il popolo cinese e persino il governo cinese non sappiano difendersi dagli attacchi viziosi e totalmente ingiusti contro il loro paese; attacchi che provengono dall'estero.
 
La Cina "vuole la pace". Offre amicizia. Ma viene insultato, costantemente attaccato e umiliato in cambio.
 
La verità è ovvia: l'Occidente non desidera la pace. Non gli importa della giustizia. Non l'ha mai fatto. Vuole solo controllare. Con la Cina che sta andando meglio dell'Occidente; finché il suo sistema politico e sociale sta diventando sempre più popolare, in tutto il mondo, e in particolare nei paesi in via di sviluppo, Washington, Parigi, Londra, Berlino, ma anche Tokyo, non si fermerà mai, attaccando e provocando Pechino.
 
Per prosperare e anche per sopravvivere, il drago cinese dovrà combattere. Solo una Cina sconfitta, umiliata e conquistata sarebbe "accettata" dall'Occidente. Una Cina che rispetta se stessa e aiuta gli altri, sarà attaccata e brutalizzata dall'Occidente.
 
Il grande poeta cinese Su Shi (1037-1101) una volta scrisse: "Lo scenario varia quando le persone guardano da vicino o lontano, o da lati diversi". Quello che intendeva dire era che il Monte Lushan non mostrerà le sue vere caratteristiche solo perché siamo proprio in montagna.
 
Lo stesso potrebbe essere scritto sulla politica. Solo perché si vive in Cina, non garantisce che si sia in grado di comprendere appieno la cattiveria e la determinazione degli attacchi anti-cinesi, che sono condotti dagli avversari stranieri. Inoltre, non si renderà necessariamente conto del motivo per cui vengono condotti.
 
Gli attacchi contro la Cina non sono solo di natura economica o militare. Le religioni sono alcune delle armi più potenti dei nemici della Cina. Che si tratti di buddismo radicale, cristianesimo evangelico protestante o, come oggi, islam radicale.
 
La Cina deve difendersi, con tutti i mezzi. Gli uiguri estremisti stanno marciando. Molti di loro sono brutali ed estremamente pericolosi. Hanno già ucciso migliaia di persone innocenti, in vari paesi. Il loro obiettivo è quello di rompere l'integrità della Cina e dei suoi grandi progetti internazionalisti. Sono determinati, ben finanziati e completamente egoisti. Il loro desiderio di "indipendenza" è stato acceso e finanziato da potenze straniere.
 
Il piano degli estremisti uiguri è semplice: perfezionare le tattiche terroristiche ed estremiste all'estero, quindi tornare in Cina e iniziare a diffondere l'incubo a casa.
 
L'Occidente sta prontamente "aiutando" ad alimentare la loro marcia mortale. La civiltà ecologica cinese, la fine della povertà nel paese più popoloso della terra e la BRI, sono viste come un pericolo per la supremazia occidentale, almeno in luoghi come Washington, Londra e Bruxelles.
 
La Cina ha tutto il diritto di difendersi. Ha il pieno obbligo di farlo.
 
È dovere dei pensatori di tutto il mondo dire la verità. Se rimangono in silenzio, o se vendono la loro dignità per denaro e privilegi, come fanno molti in Occidente in questo momento, saranno condannati dalle generazioni future.


Traduzione de l'AntiDiplomatico
 
 [First published by NEO – New Eastern Outlook]
 
*Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Four of his latest books are China and Ecological Civilization with John B. Cobb, Jr., Revolutionary Optimism, Western Nihilism, a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter. His Patreon
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa