La Meloni lancia la sfida ai diritti costituzionali. Fino a quando?

La Meloni lancia la sfida ai diritti costituzionali. Fino a quando?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Aginform

Il governo a guida neofascista non solo mette in discussione la continuità Resistenza-Repubblica-Costituzione su cui si fonda l'Italia del dopoguerra ma, con la collaborazione della falange liberista, lancia la sua sfida ai contenuti sociali espressi dalla Carta del 1948.

Il reddito di cittadinanza infatti non va interpretato come un provvedimento assistenziale improprio, ma si connette direttamente con quei diritti costituzionali che prevedono che lo Stato italiano debba mettere i cittadini in condizione di avere una vita dignitosa e un futuro non di precarietà e miseria.1 Da questo punto di vista il reddito di cittadinanza è un passaggio essenziale. Esso stabilisce il principio che i cittadini italiani non possono continuare ad essere alla mercè della disoccupazione e del lavoro nero, sottopagato e precario. L'interpretazione del reddito di cittadinanza come aiuto per i poveri non è costituzionalmente corretta. Il principio costituzionale che lo ispira sta nelle garanzie che, secondo le indicazioni dei costituenti,  una società civile e progredita deve prevedere e che, prima che il reddito venisse introdotto non erano mai state  effettivamente messe in campo.

Il governo neofascista della Meloni ha compreso che la eliminazione totale del reddito di cittadinanza non avrebbe favorito la sua popolarità ed ha quindi deciso di ridimensionarlo gradualmente e destinarlo solo a chi non è in condizione di lavorare.  Questo però significa stravolgere il vero obiettivo per cui il reddito è stato istituito, quello cioè di evitare che i cittadini italiani siano gettati senza garanzie nella fornace della disoccupazione e del 'mercato del lavoro' (eufemismo che assume sempre più il senso di sinonimo di schiavismo).

Il vero obiettivo da conseguire perciò è che ad ogni persona sia garantito un lavoro degno, ma questo obiettivo non si consegue abolendo il reddito di cittadinanza, ma creando i meccanismi che assicurino lavoro degnamente retribuito e una prospettiva professionale. Il governo neofascista e la schiera di reazionari e liberisti che gli stanno dietro hanno montato invece una sfrenata campagna d'odio per far passare l'idea che il problema sia una moltitudine di fannulloni stesi sul divano a succhiare le risorse dello Stato.

E' indispensabile dunque che si crei subito una sorta di  linea del Piave da cui non si deve arretrare. Ricordiamoci della scala mobile, ricordiamoci dell'abolizione dell'art.18. Soprattutto ricordiamoci che il neofascismo della Meloni tende a fare carta straccia della nostra Costituzioni e dei suoi principi.
Per affrontare questa situazione non abbiamo bisogno di dilettantismi. Sappiamo che dietro di noi non ci sono trincee consolidate ma, se non vogliamo rendere farsesca l'opposizione a questo governo, bisogna raccogliere tutte le forze in campo e accettare la sfida che ci viene dal governo. I tempi stringono e il governo punta a superare senza scossoni la discussione in parlamento sulla legge di bilancio. E' quindi necessario attrezzarsi per tempo. Bisogna deluderlo.

Conte e i 5 Stelle hanno annunciato un'opposizione durissima e verificheremo come questa verrà condotta. Il PD scende in piazza, ma non si è capito che cosa vuole veramente. Importante però è che la macchina si metta in moto e dentro la nuova situazione si raggiunga la massima mobilitazione, articolazione e spirito unitario. Non servono sceneggiate e scioperi virtuali. C'è bisogno di una lotta dura e continuativa finchè i tagli al reddito di cittadinanza non siano tolti dalla legge di bilancio. Soprattutto bisogna che si capisca che da questa situazione non si  esce facilmente se non scende in campo una forza capace di far fronte alla protervia di un governo che, mentre attacca il reddito di cittadinanza, introduce una tassazione differenziata per alcune categorie di cittadini, cosa per altro incostituzionale per due ragioni: perchè elimina il principio della progressività dell'imposta e differenzia i cittadini di fronte alla legge.
Se vogliamo incidere bisogna impegnarsi e farlo con metodo, stanando tra le altre cose anche i sindacati confederali che stanno facendo un gioco sporco che blocca la risposta dei lavoratori. A fronte di un governo che, con una inflazione oltre il 12%, cerca demagogicamente di dare una miseria operando sul cuneo fiscale, che toglie il reddito di cittadinanza ai disoccupati, che non dice nulla sulla guerra che a causa delle sanzioni assorbe nella legge finanziaria la maggioranza delle somme in bilancio,  troviamo le confederazioni sindacali  su un binario contrattuale impostato dal governo. Questa vergognosa realtà pone un grosso problema dentro il movimento contro il governo Meloni che deve farsi carico anche di recuperare la potenzialità dei lavoratori nello scontro. Su tre obiettivi: aumenti salariali veri, difesa delle pensioni che vengono decurtate riducendo l'adeguamento, difesa del reddito di cittadinanza. Tre obiettivi importanti per scendere in campo con scioperi e manifestazioni.

 
 

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti