La "proposta" Usa: Brasile nella NATO se esclude Huawei dal 5G

La "proposta" Usa: Brasile nella NATO se esclude Huawei dal 5G

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Jake Sullivan, in visita in Brasile, ha incontrato il presidente, Jair Bolsonaro, per affrontare questioni di sicurezza, tra cui l'espansione della rete 5G nel paese sudamericano, vista come un modo per rallentare l'avanzata di il gigante cinese delle telecomunicazioni Huawei.

Ciò implica il primo riavvicinamento tra i due governi da quando Joe Biden ha assunto la presidenza. 

L'incontro, secondo il quotidiano Folha, è una " nuova pressione contro la partecipazione delle aziende cinesi alla rete 5G brasiliana", affinché il Brasile ottenga in cambio il sostegno degli Stati Uniti per aderire alla NATO.

Già durante il mandato di Trump era stata presa in considerazione la possibilità dell'adesione del Paese sudamericano alla Nato, a cui solo la Colombia appartiene nella regione dal 2018, ma ciò non è avvenuto. 

Con questo incontro, a cui hanno partecipato alti funzionari statunitensi dell'area di sicurezza e parte del gabinetto di Bolsonaro e delle forze armate brasiliane, l'amministrazione Biden stringe un'alleanza con il suo omologo brasiliano, che ha sempre espresso il suo sostegno all'ex presidente Trump.

La visita di un giorno è avvenuta nonostante il fatto che l'amministrazione Biden sia stata messa sotto pressione dal caucus democratico per non cooperare con il Brasile, viste le accuse contro Bolsonaro per violazioni delle leggi ambientali e dei diritti umani durante la pandemia. 

Tuttavia, nonostante la riluttanza del suo stesso partito, il presidente degli Stati Uniti ha già dichiarato che sosterrà il Paese sudamericano nell'adesione all'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse). 

Di cosa si è parlato?

Le informazioni ufficiali sugli incontri sono state brevi e le questioni affrontate da entrambi i governi sono state divulgate solo attraverso i social network in modo molto generale.

Durante il suo soggiorno, Sullivan ha avuto un incontro non previsto nell'agenda ufficiale con Bolsonaro. Questa è la prima volta che un alto funzionario di Biden incontra il presidente brasiliano e non sono state rilasciate informazioni su ciò di cui hanno parlato.

Da parte sua, il ministro delle Comunicazioni, Fábio Faria, ha definito "produttivo" l'incontro con Sullivan e ha dichiarato su Twitter che si occuperà "principalmente" della rete 5G .

Inoltre, ha affermato che lavoreranno insieme "per sviluppare soluzioni Open RAN (la parte di un sistema di telecomunicazioni che collega dispositivi a una rete tramite connessioni radio) e che" è stata presentata la panoramica del mercato globale della fornitura di chip".

 

 

L'ambasciata degli Stati Uniti ha anche pubblicato informazioni sull'incontro tra Faria e Sullivan e ha affermato che entrambi avevano parlato di " rispetto per la sicurezza informatica " e di garantire che la rete 5G "portasse i benefici promessi a tutti i brasiliani".

Il ministero degli Esteri brasiliano ha riferito che il ministro degli Esteri, Carlos França, ha parlato con la delegazione statunitense delle "sfide della pandemia", dello "sviluppo sostenibile" e della "difesa della democrazia e delle questioni relative ai diritti umani e alla sicurezza nell'emisfero",.

La NATO e la rete 5G

La delegazione brasiliana era composta da membri dell'alto comando militare, compreso il capo della Difesa, Walter Souza Braga Netto, mentre la delegazione statunitense era formata da alti funzionari dell'area di sicurezza.

Secondo Folha, l'ingresso del Brasile nella NATO è stato discusso tra Sullivan e Braga Netto, e dipenderebbe dal veto delle autorità brasiliane alla partecipazione di Huawei al futuro mercato del 5G in quel paese.

Per Washington la presenza di “fornitori inaffidabili”, come la Casa Bianca considera Huawei e altre aziende cinesi nella rete 5G, potrebbe ostacolare la cooperazione in difesa e sicurezza. Ecco perché entrambi i problemi sono correlati.

Dalla presidenza Trump, Washington ha già cercato di convincere altri paesi per  a optare per i fornitori occidentali durante l'aggiornamento delle loro reti 5G.

Anche a questo incontro erano presenti i comandanti della Marina, dell'Esercito e dell'Aeronautica brasiliani; il capo dei capi di stato maggiore delle forze armate, Laerte de Souza Santos; il Segretario Generale del Ministero della Difesa, Sergio José Pereira e altre autorità.

I direttori del Consiglio di sicurezza nazionale per l'emisfero occidentale, Juan González; del Consiglio di sicurezza nazionale, Tarun Chhabra, e del Consiglio di sicurezza nazionale per la sicurezza informatica, Amit Mital, per citarne alcuni.

Reazione di Pechino

L'ambasciata cinese in Brasile oggi ha respinto i commenti di un portavoce dell'ambasciata statunitense in questo paese sudamericano sulla tecnologia 5G di Huawei, assicurando che la vera intenzione di Washington sia quella di diffamare il colosso asiatico per preservare il monopolio della tecnologia americana.

L'Ambasciata cinese assicura che gli attacchi degli Stati Uniti alla sicurezza della tecnologia 5G e alle aziende del suo Paese sono "maligni e senza fondamento", e il loro vero scopo è "diffamare" Pechino ed escludere le aziende cinesi dall'alta tecnologia. per "preservare i loro interessi egoistici della supremazia americana e il monopolio della scienza e della tecnologia". Il colosso asiatico ha espresso il suo forte malcontento e protesta per questo tipo di comportamento "che cerca pubblicamente di costringere altri Paesi" e di "sabotare" il partenariato sino-brasiliano.

Huawei ha costruito più di 1.500 reti di telecomunicazioni in più di 170 paesi e territori, servendo più di un terzo della popolazione mondiale, senza aver avuto "un singolo incidente di sicurezza". "In effetti, non è stata presentata alcuna prova che indichi l'esistenza di una presunta 'porta di servizio' nei prodotti dell'azienda", afferma l'Ambasciata, notando che le soluzioni 5G di Huawei "sono avanzate e sicure", un fatto. riconosciuto dalla maggior parte degli operatori nel mondo. 

Usa impero di Hacker

In Brasile, Hawei ricorda di aver creato più di 16.000 posti di lavoro nei suoi 22 anni di esperienza nel paese, oltre a mantenere la cooperazione con più di 500 aziende brasiliane e fornire apparecchiature a quasi la metà delle reti di telecomunicazioni e al 40% della centrale del paese rete, servendo il 95% della sua popolazione. I prodotti e i servizi di Huawei "sono altamente riconosciuti dal mercato brasiliano", ricorda la dichiarazione.

Allo stesso tempo, denuncia che gli Stati Uniti sono riconosciuti come il più grande "impero hacker" del mondo, che "rappresentano una vera minaccia alla sicurezza informatica globale " e che per lungo tempo hanno svolto attività di sorveglianza informatica e spionaggio contro i governi - anche suoi alleati - società e individui stranieri. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti