La resistenza palestinese e la lotta armata. Le parole del rappresentante cinese alla CIG

La resistenza palestinese e la lotta armata. Le parole del rappresentante cinese alla CIG

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nell'intervento tenuto alla Corte internazionale di giustizia, il rappresentante cinese, Ma Xinmin, ha ribadito che il ricorso alla lotta armata da parte dei palestinesi per ottenere l'indipendenza dal dominio straniero e coloniale è "legittimo" e "ben fondato" nel diritto internazionale.

"Nel perseguire il diritto all'autodeterminazione, l'uso della forza da parte del popolo palestinese per resistere all'oppressione straniera e completare la creazione di uno Stato indipendente è un diritto inalienabile e ben fondato nel diritto internazionale", ha dichiarato mercoledì il rappresentante cinese alla Corte internazionale di giustizia dell'Aia.


Citando le risoluzioni dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, l'inviato di Pechino presso la corte mondiale ha affermato che i popoli che lottano per l'autodeterminazione possono usare "tutti i mezzi disponibili, compresa la lotta armata".

Nel suo discorso all'ICJ, Ma impostato il suo intervento su tre aree: la giurisdizione del massimo tribunale delle Nazioni Unite, l'autodeterminazione dei popoli e il diritto umanitario internazionale. "La lotta condotta dai popoli per la loro liberazione, il diritto all'autodeterminazione, compresa la lotta armata contro il colonialismo, l'occupazione, l'aggressione, la dominazione contro le forze straniere non dovrebbe essere considerata un atto di terrorismo", ha aggiunto, citando le convenzioni internazionali.

Tuttavia, Ma ha sottolineato che i veri atti di terrorismo sono un'altra cosa. Per la prima volta dalla sua fondazione nel 1948, Israele è attualmente sotto processo davanti alla Corte internazionale di giustizia, il più alto organo giudiziario delle Nazioni Unite, con l'accusa di aver commesso il crimine di "genocidio" contro i palestinesi nelle Striscia di Gaza.

Le pratiche e le politiche di "oppressione di Israele hanno gravemente minato e impedito l'esercizio e la piena realizzazione del diritto del popolo palestinese all'autodeterminazione", ha spiegato l'inviato.

Il conflitto deriva "dall'occupazione prolungata del territorio palestinese da parte di Israele e dall'oppressione di lunga data del popolo palestinese". La lotta del popolo palestinese contro l'oppressione israeliana e la sua lotta per completare la creazione di uno Stato indipendente nel territorio occupato sono essenzialmente azioni giuste", ha aggiunto.

Allo stesso tempo, ha sottolineato che tutte le parti coinvolte in un conflitto armato "sono obbligate a rispettare il diritto internazionale umanitario".

Inoltre, ha ricordato che, dopo la Seconda guerra mondiale, diversi popoli "si sono liberati dall'occupazione straniera e le loro pratiche sono una prova convincente".

Il massimo tribunale delle Nazioni Unite sta attualmente ascoltando le dichiarazioni dei rappresentanti degli Stati sulla denuncia intentata dal Sudafrica contro Israele per la sua guerra in Palestina, dove il bilancio delle vittime dal 7 ottobre si sta rapidamente avvicinando a 30.000 da quando Tel Aviv ha lanciato attacchi contro l'enclave assediata di Gaza.

Le nazioni occidentali, tra cui Stati Uniti, Regno Unito e i loro alleati, hanno condannato il braccio armato del gruppo palestinese Hamas per aver lanciato un attacco "terroristico" all'interno di Israele la mattina del 7 ottobre.

La Palestina è una "cartina di tornasole della coscienza collettiva dell'umanità e della sensibilità dell'ONU"

Definendo la questione della Palestina una "cartina di tornasole per la coscienza collettiva dell'umanità e la sensibilità delle Nazioni Unite", Ma ha dichiarato che la Cina è impegnata a rispettare lo stato di diritto.

Sostenendo un "cessate il fuoco globale" a Gaza e una rapida soluzione a due Stati attraverso negoziati tra Palestina e Israele, l'inviato cinese ha appoggiato la giurisdizione della Corte internazionale di giustizia sulla causa intentata dal Sudafrica contro Tel Aviv.

"La Cina sostiene che la Corte ha la giurisdizione sul caso (e non ha motivo di rifiutare di esercitare la sua giurisdizione", ha sottolineato il consulente legale cinese.

"Le argomentazioni contro la giurisdizione (della CIG) non sono tangibili", ha aggiunto.

Notando che la questione della Palestina "va oltre la sfera del bilateralismo", l'inviato cinese ha precisato che: "La Cina sostiene la Corte nell'esercizio della sua giurisdizione, ... sostenendo gli scopi dei principi della Carta delle Nazioni Unite e fornendo una guida legale alle Nazioni Unite".

Per quanto riguarda il diritto all'autodeterminazione dei palestinesi, Ma ha spiegato che è dovuto alla "prolungata occupazione e oppressione dei palestinesi" da parte di Israele.

"La loro lotta (è) per completare l'indipendenza (dello Stato palestinese) e per ripristinare i diritti legittimi".

Citando la Risoluzione 3707 dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 1973, l'esperto legale cinese ha osservato che essa riafferma la "legittimità della lotta dei popoli per la liberazione dalla dominazione e dalla sottomissione coloniale e straniera con tutti i mezzi disponibili, compresa la lotta armata".

"Questo riconoscimento" della lotta armata, ha detto Ma, "si riflette anche nelle convenzioni internazionali, ad esempio la Convenzione araba per la soppressione del terrorismo del 1998 (che) afferma il diritto dei popoli a combattere l'occupazione straniera, l'aggressione con qualsiasi mezzo, compresa la lotta armata, al fine di liberare i loro territori e garantire il diritto all'autodeterminazione e all'indipendenza".

"La lotta armata, in questo contesto, si distingue dagli atti di terrorismo. È fondata sul diritto internazionale", ha osservato.

"Questa distinzione è riconosciuta da diverse convenzioni internazionali".

 

------------------------------

"CAPIRE LA PALESTINA": NUOVA IMPERDIBILE PROMOZIONE IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q

LA STORIA NON E' INIZIATA IL 7 OTTOBRE. TRE LIBRI FONDAMENTALI PER CONOSCERLA A FONDO (AD UN PREZZO SPECIALE)

VAI ALLA PROMO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti