/ La Russia continua a liberarsi dei buoni del tesoro statunitensi

La Russia continua a liberarsi dei buoni del tesoro statunitensi

 

La Russia ha iniziato a ridurre in modo significativo i suoi investimenti nel debito nazionale degli Stati Uniti dalla primavera del 2018, negli sforzi compiuti nel tentativo di Mosca di aumentare le sue riserve auree.


A giugno 2019, la Russia ha ridotto gli investimenti nel debito del governo degli Stati Uniti a $ 10,848 miliardi, secondo i dati diffusi dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti .
La riduzione arriva mentre la Russia continua a liberarsi delle obbligazioni statunitensi per il quarto mese consecutivo.
 
A giugno, gli investimenti russi nel debito nazionale degli Stati Uniti sono ammontati a $ 12,024 miliardi, mentre in aprile e maggio la cifra si è attestata rispettivamente a $ 12,136 miliardi e $ 13,715 miliardi.
 
L'ultima volta che la Russia ha aumentato gli investimenti in obbligazioni statunitensi è stato nel febbraio 2019, quando sono cresciuti a $ 14,507 miliardi rispetto alla cifra di gennaio di $ 13,180 miliardi.
 
La Russia ha iniziato a tagliare drasticamente i suoi investimenti nel debito pubblico degli Stati Uniti nel gennaio 2018, quando sono stati ridotti a $ 96,898 miliardi.   
 
Nell'aprile dello stesso anno, il valore totale degli investimenti del debito sovrano degli Stati Uniti è diminuito di quasi la metà, a $ 48,724 miliardi; a maggio, erano già ammontati a soli $ 14905 miliardi.
 
Anche se i mesi successivi hanno visto aumentare e diminuire il volume degli investimenti, la cifra non ha raggiunto la soglia di $ 15 miliardi da allora.
 
Al contrario, nel 2017 la Russia ha aumentato le sue disponibilità in titoli del Tesoro USA da quasi $ 70 miliardi a marzo a oltre $ 92 miliardi a dicembre.
 
La Russia sta diminuendo la sua quota di titoli del Tesoro USA in quanto sta aumentando le sue riserve auree. Il mese scorso, la Banca centrale russa ha riferito che le disponibilità di lingotti del paese erano ammontate a 2.208 tonnellate, per un valore di $ 100,3 miliardi, al 1° luglio.
 
Mosca ha ripetutamente criticato gli Stati Uniti per "aver abusato" dello stato di riserva della sua valuta, con il presidente russo Vladimir Putin che descrive il dollaro come uno "strumento per il paese emittente per fare pressione sul resto del mondo".
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa