La Russia mostra al mondo le mine antiuomo che Kiev usa contro i civili

La Russia mostra al mondo le mine antiuomo che Kiev usa contro i civili

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il rappresentante permanente della Russia all'ONU, Vasili Nebenzia, ha presentato ieri, durante una riunione del Consiglio di sicurezza, le mine antiuomo utilizzate dalle forze armate ucraine contro la popolazione della Repubblica popolare di Donetsk.

È la mina antiuomo PFM-1 Lepestok, che è una replica esatta della mina statunitense BLU-43/B Dragontooth, che opera a distanza. L'esplosione si verifica quando il sensore del bersaglio viene calpestato e provoca un trauma alla parte inferiore della gamba.

"Lepestok è la prova vivente della natura sadica e barbara del regime di Kiev. È un simbolo del suo vero atteggiamento nei confronti della popolazione dell'est e del sud-est del paese. La gente lo vede e lo capisce", ha detto Nebenzia.

Le mine di Lepestok utilizzate dall'esercito ucraino sono "le dimensioni del palmo di una mano, quasi invisibili a terra e molto simili a un giocattolo per bambini" , ha riferito questo mese  il vice rappresentante permanente della Russia alle Nazioni Unite, Dmitri Polianski . "Se toccato o calpestato, si verifica un'esplosione. Mutilerà un adulto e quasi sicuramente ucciderà un bambino", ha aggiunto. 

Mine antiuomo vietate

Inizialmente, alla fine di luglio sono emerse notizie sull'uso da parte dell'Ucraina di mine antiuomo. Da allora sono stati segnalati numerosi decessi e feriti di civili da loro causati.

Nel frattempo, sui social network sono stati diffusi video  di soldati russi che disattivano le mine Lepestok a Donetsk. Tuttavia, i media occidentali hanno  pubblicato  le stesse immagini assicurando che si trattava di soldati ucraini "coraggiosi" che stavano sminando il Donbass. 

Donetsk è stata recentemente oggetto di ripetuti attacchi ucraini. All'inizio di agosto, i rappresentanti di Donetsk presso il Centro congiunto per il controllo e il coordinamento hanno riportato 10  feriti  da bombardamenti, tre dei quali hanno calpestato le mine antiuomo Lepestok.

  • In base al Trattato di Ottawa, a cui l'Ucraina ha aderito nel 1997, Kiev ha accettato di distruggere tutte le mine antiuomo entro quattro anni e non può utilizzarle in nessun caso.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti