La Serbia dice NO. Una lezione di dignità impartita da un piccolo grande paese

La Serbia dice NO. Una lezione di dignità impartita da un piccolo grande paese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Da RT

 

"La Serbia delinea la sua posizione sulle sanzioni alla Russia".

Belgrado non si unirà alle sanzioni USA-UE contro Mosca, ha dichiarato mercoledì il presidente serbo Aleksandar Vucic a Davos.

Nonostante le pressioni dei paesi dell'UE, Belgrado sta perseguendo una propria politica indipendente e intende continuare a farlo, ha detto Vucic all'emittente statale RTS in un'intervista al World Economic Forum di Davos.

"In questo momento non esiste tale possibilità", ha detto Vucic a RTS quando gli è stato chiesto se la Serbia potesse imporre sanzioni a Mosca. "Non so cosa accadrà in futuro", ha aggiunto. "Ci prendiamo cura dei nostri interessi", ha detto Vucic. "Chissà che tipo di minacce potremmo dover affrontare, ma come vedete, sono passati 90 giorni e la Serbia è fedele alla sua politica, l'unico paese in tutta Europa. Un piccolo paese con un numero esiguo di persone ma molto orgoglioso sta seguendo la propria politica – non filo-russa, non filo-occidentale, ma la propria”, ha sottolineato.

Gli Stati Uniti ei loro alleati hanno fatto pressioni su Belgrado affinché si unisse al loro embargo sulla Russia per il conflitto in Ucraina.

L'UE ha sostenuto che la Serbia, in quanto aspirante ad entrare nel blocco, deve "armonizzare" le sue politiche e legislazioni con quelle di Bruxelles, cosa che Vucic si è finora rifiutato di fare, sebbene affermi che l'obiettivo strategico del suo governo continua ad essere l'adesione all'UE.

"Tutti me lo rinfacciano, chiamandomi pecora nera", ha detto a RTS mercoledì. Ha detto di aver reagito alle richieste dell'UE facendo notare l'ipocrisia del blocco.

"Ora parlano dell'integrità territoriale dell'Ucraina, ma non parlavano in questo modo 23 anni fa", ha detto Vucic, riferendosi alla guerra della NATO del 1999 che ha portato all'occupazione della provincia serba del Kosovo.

“Oggi parlano di rispettare le risoluzioni delle Nazioni Unite, ma dimenticano l'UNSCR 1244 quando si tratta di noi”, ha aggiunto.


LEGGI I CRIMINI DI GUERRA DELLA GIUNTA DI KIEV DI ENRICO VIGNA (ZAMBON)



La risoluzione, a sostegno dell'armistizio che pose fine alla guerra di 78 giorni, garantiva anche la sovranità della Serbia sul Kosovo, che gli Stati Uniti e i loro alleati hanno continuato a ignorare quando hanno appoggiato la dichiarazione di indipendenza della provincia secessionista nel 2008.

“Devono capire che la Serbia è speciale, perché solo la Serbia è stata bombardata e attaccata dai paesi della NATO, molti dei quali sono membri dell'UE. Quindi devono tenerlo a mente quando parlano con noi", ha detto Vucic ai leader dell'UE, nella sua intervista a RTS.

Oltre alle pressioni politiche e diplomatiche, la Serbia ha affrontato quella che la gente del posto ha descritto come una campagna di intimidazione. I voli tra Belgrado e Mosca sono stati interrotti da dozzine di false minacce di bombe, Vucic ha accusato i servizi di intelligence dell'Ucraina e di un paese dell'UE non specificato. False minacce di bombe hanno preso di mira anche scuole e centri commerciali.

(traduzione di Laura RU)

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti