La Siria denuncia il saccheggio dell'80% del suo petrolio da parte di USA e milizie curde

La Siria denuncia il saccheggio dell'80% del suo petrolio da parte di USA e milizie curde

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Siria denuncia che gli Stati Uniti d'America e le milizie  curde che sponsorizza rubano l'80% del petrolio del Paese.

"La nostra produzione di petrolio ammonta a 100.000 barili, di cui 20.000 lavorati nelle raffinerie del Paese, mentre circa 80.000 vengono rubati dalle truppe di occupazione e dalla loro milizia separatista [le cosiddette Forze Democratiche siriane] FDS" ha lamentato, ieri, il viceministro del Petrolio siriano Abdullah Khattab.

Il vice ministro siriano ha ricordato che il Paese attualmente dipende dalle importazioni per garantire il fabbisogno di idrocarburi.

Come altri Paesi del mondo, ha proseguito, la Siria è stata colpita dalla crisi energetica globale causata dal cambiamento climatico e dalla tendenza all'utilizzo di energia pulita, che ha causato un significativo aumento della domanda di gas e, di conseguenza, un sensibile aumento dei prezzi dei derivati ??del petrolio in genere.

Tuttavia, nonostante il blocco e le enormi difficoltà che devono affrontare la Siria, da due mesi c'è stabilità nella fornitura di derivati ??del petrolio, ha spiegato

L'oro nero è stata un fattore di attrazione per diversi paesi, inclusi gli Stati Uniti e i suoi alleati. In modo tale che il petrolio greggio possa essere il fattore più importante nell'inizio e nel prolungamento della crisi in questo Paese, che dal 2011 ha affrontato un conflitto armato causato da gruppi armati e organizzazioni terroristiche.

Il governo siriano, presieduto da Bashar al-Assad, ha denunciato in diverse occasioniil saccheggio del suo petrolio da parte di Washington , sottolineando che i territori e le risorse naturali del Paese appartengono ai siriani, e Damasco, quindi, deve controllarli, e scacciare i invasori.

L'Ex Presidente Usa Donald Trump ammise che le  truppe statunitensi erano in Siria per rubare il petrolio.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti