La Stampa e la prima pagina della vergogna: un appello all'ordine dei giornalisti

La Stampa e la prima pagina della vergogna: un appello all'ordine dei giornalisti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Il massacro da parte delle bande di neonazisti dichiarati contro la popolazione russofona del Donbass, prima ignorata, poi censurata dai media filo Nato, oggi incredibilmente diviene il pretesto per creare i presupposti della terza guerra mondiale.

È l'incredibile storia della prima pagina de la Stampa di oggi. Vi riportiamo un commento e un appello del fotoreporter italiano in Donbass in questi giorni Giorgio Bianchi che, come l'AntiDiplomatico, sottoscriviamo.

 

 

--------

 

Di Giorgio Bianchi

 

La propaganda di guerra a senso unico delle testate di proprietà dei guerrafondai Elkann-Agnelli ha toccato il fondo.

Sono arrivati ad utilizzare in prima pagina la foto della carneficina di Donetsk, giocando sulla crassa ignoranza del loro pubblico riguardo ai fatti di questa sporca guerra civile, per far intendere che si riferisca al territorio sotto il controllo del regime di Kiev.

Guardate la foto e leggete i titoli attorno, cosa capite?

Questi vanno fermati con ogni mezzo, sono uno strumento di guerra psicologica utilizzato in modo gretto e spregiudicato.

Fatto i professorini moralisticheggianti in TV e poi in maniera cinica e spregevole manipolano il loro pubblico e lo inducono a prendere posizione su fatti riguardo ai quali è completamente ignorante.

Con i media russi silenziati per decreto, con tutte le testate e i programmi TV sintonizzati sulla propaganda di Kiev, tra poco per il pubblico medio, ignorante e ideologizzato, sarà impossibile farsi un'idea obiettiva dei fatti.

Vi prego di sommergere di mail la redazione e l'ordine dei giornalisti affinché cessino queste mistificazioni criminali.

Il loro spezzo della verità è sconvolgente e dovrebbe far capire il livello della posta in gioco.

Siamo già in guerra, e questa è propaganda di guerra.

 

--------

 

APPELLO 

 

Rendiamo giustizia alle vittime innocenti di Donetsk, violentate dall'indegno comportamento de La Stampa.

 

Gent.ma redazione de La Stampa,
mi chiamo ... e sono un occasionale lettore del vostro quotidiano
Stamani guardando la prima pagina del giornale non ho potuto fare a meno di notare la sconvolgente foto di copertina recante il titolo "La carneficina".
Visto che l'immagine appare del tutto decontestualizzata ed è letteralmente circondata da articoli riguardanti la situazione nell'Ucraina sotto il controllo del governo di Kiev, dato che sono assolutamente certo che l'immagine si riferisca alla strage avvenuta a Donetsk (lato indipendentista e quindi in un contesto diametralmente opposto a quello che circonda la foto) il giorno 14 Marzo a causa di un razzo Tockha-U sparato dal lato Ucraino sui civili di Donetsk (ho visto apparire il signore disperato in diversi video riguardanti la strage pubblicati da svariati canali Telegram e inoltre la foto è stata pubblicata dalla testata giornalistica L'indipendente riferendola chiaramente ai fatti di Donetsk come testimoniato da immagine allegata), visto che nel modo in cui viene presentata l'immagine sembrerebbe riferirsi ad una strage avvenuta sul lato governativo vi chiedo gentilmente di chiarire:

1. il nome dell'autore, il contesto nel quale è stata realizzata, come la redazione ne sia venuta in possesso e se ne possieda i regolari diritti per l'utilizzo,
2. il contesto descritto nell'immagine in modo che il lettore possa capire in maniera inequivocabile cosa descriva e a quale fatto si riferisca,
3. se l'autore della foto è d'accordo sul fatto che la sua immagine sia stata utilizzata in un contesto del tutto fuorviate per il lettore.

Nel caso in cui non siate in grado di dare risposte soddisfacenti riguardo all'utilizzo dell'immagine e al contenuto che si intendeva fare emergere, Vi chiedo gentilmente di pubblicare una nota nella quale possiate chiarire in maniera inequivocabile chi sia l'autore dell'immagine, il contesto al quale si riferisca e una didascalia che descriva in maniera accurata gli eventi che racconta.

Vi comunico inoltre che mi sono premurato di scrivere anche all'Ordine dei giornalisti affinché intervenga per chiarire questo fatto, a mio modo di vedere gravissimo.
In attesa di un cortese riscontro, porgo cordiali saluti.

Gent.mo ordine dei Giornalisti,,
mi chiamo ... e sono un occasionale lettore de La Stampa.
Stamani guardando la prima pagina del quotidiano non ho potuto fare a meno di notare la sconvolgente foto di copertina recante il titolo "La carneficina".
Visto che l'immagine appare del tutto decontestualizzata ed è letteralmente circondata da articoli riguardanti la situazione nell'Ucraina sotto il controllo del governo di Kiev, dato che sono assolutamente certo che l'immagine si riferisca alla strage avvenuta a Donetsk (lato indipendentista e quindi diametralmente opposto al contesto circostante la foto) il giorno 14 Marzo a causa di un razzo Tockha-U sparato dal lato Ucraino sui civili di Donetsk (ho visto apparire il signore disperato in diversi video riguardanti la strage pubblicati da svariati canali Telegram e inoltre la foto è stata pubblicata dalla testata giornalistica L'indipendente riferendola chiaramente ai fatti di Donestk come testimoniato da immagine allegata), visto che nel modo in cui viene presentata sembrerebbe riferirsi ad una strage avvenuta sul lato governativo, vi chiedo gentilmente di intervenire al fine di chiarire:

1. il nome dell'autore, il contesto nel quale è stata realizzata l'immagine, come la redazione sia venuta in possesso dell'immagine e se ne possieda i regolari diritti per l'utilizzo.
2. il contesto descritto nell'immagine in modo che il lettore possa capire in maniera inequivocabile cosa descriva e a quale fatto si riferisca.
3. se l'autore della foto è d'accordo sul fatto che la sua immagine sia stata utilizzata in un contesto del tutto fuorviate per il lettore.

Nel caso in cui la redazione non riesca a dare risposte soddisfacenti riguardo all'utilizzo dell'immagine e al contenuto che si intendeva fare emergere, Vi chiedo gentilmente di intervenire affinché la testata pubblichi una nota nella quale chiarisca in maniera inequivocabile chi sia l'autore dell'immagine, il contesto al quale si riferisca e una didascalia che descriva in maniera accurata gli eventi che descrive.
Certo di un vostro pronto intervento, porgo cordiali saluti.

L'autore della foto sarebbe, stando a questo sito, Edouard Kornienko.

https://m.ura.news/articles/1036284159

torino@lastampa.it
lettere@lastampa.it
direttore@lastampa.it

Chi ha una pec può scrivere a:
- Ordine Nazionale giornalisti: cnog@pec.cnog.it
- Gedi News Network Spa: segreteriasocietaria@pec.gedinewsnetwork.it

 

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

 

 

 

 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti