La Turchia esclusa dal programma F-35 accelera sulla costruzione del proprio caccia TF-X. I motori saranno russi?

La Turchia esclusa dal programma F-35 accelera sulla costruzione del proprio caccia TF-X. I motori saranno russi?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

A seguito dell’esclusione decisa dagli USA dal programma F-35 la Turchia ha deciso di imprimere una decisa accelerazione alla costruzione di un proprio caccia di quinta generazione interamente prodotto in patria.

 

Secondo quanto afferma il quotidiano Daily Sabah, il caccia di produzione turca dovrebbe effettuare il suo primo volo ufficiale entro il 2029.

 

Il velivolo di costruzione nazionale è stato sviluppato per sostituire i caccia F-16 del Comando delle forze aeree turche, in vista della graduale eliminazione di questi ultimi negli anni '30.

 

A causa del graduale smantellamento dell'aereo da combattimento F-16 nel corso del prossimo decennio, l'importanza del progetto TF-X è cresciuta, anche perché gli Stati Uniti hanno anche bloccato la consegna di aerei da combattimento F-35 alla Turchia come ritorsione contro Ankara che ha deciso di dotarsi del potente sistema di difesa antimissilistica S-400 Triumf prodotto dalla Russia.

 

Per gli Stati Uniti si tratta di uno smacco inaccettabile e hanno minacciato la Turchia dell’imposizione di sanzioni oltre ad averla buttata fuori dal programma F-35.

 

Per il definitivo sviluppo del nuovo caccia di quinta generazione si pone il problema dei motori che lo alimenteranno. Una possibilità per Ankara sarebbe quella di acquisire i motori RD-33 utilizzati sui caccia MiG-35 russi.

 

Sputnik ha parlato con un esperto militare per indagare sulla questione.

 

Le caratteristiche dei motori russi RD-33 corrispondono a quelle di cui la Turchia ha bisogno per i motori che installerà nei suoi caccia TAI TF-X di nuova generazione, ha affermato Alexandr Vataguin, CEO dell'azienda Klimov, specializzata nella produzione di motori. turboalbero. Proprio questa azienda crea e vende motori RD-33 utilizzati su vari velivoli del MiG Design Office e anche su svariati velivoli esteri.

 

Inizialmente, la Turchia stava valutando la possibilità di acquistare aerei all'estero. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, durante la sua visita in Russia e l'incontro con il presidente russo Vladimir Putin, ha espresso interesse per i caccia di quinta generazione Su-57 russi, ma la trattativa non è decollata. 

 

La Turchia ha deciso invece di concentrarsi sullo sviluppo del proprio caccia di nuova generazione, il TAI TF-X. Il progetto è in fase di sviluppo dall'inizio del 2010. Ankara ha recentemente annunciato che accelererà la creazione del proprio caccia. La società di produzione, Turkish Aerospace, ha confermato all'inizio di agosto che creerà una nuova struttura con una galleria del vento e un centro di prova che imiterebbe i fulmini.

 

Ciò di cui hai bisogno ora è trovare un venditore che fornisca motori per il caccia TF-X.

 

La Turchia guarda anche all’Ucraina per la fornitura dei motori. A tal proposito Defense News ha riferito che Kiev e Ankara cercano di approfondire i loro legami nel campo della cooperazione tecnico-militare.

 

I media non escludono che le due parti possano eventualmente collaborare al progetto TF-X. Questo non sarebbe qualcosa di straordinario né sorprenderebbe nessuno considerando che la parte ucraina fornisce già motori per i droni d'attacco e ricognizione turchi Bayraktar TB2.

 

Per quanto riguarda l'eventuale acquisizione degli RD-33 russi per ora non si capisce bene se ciò corrisponda agli interessi russi, perché gli analisti ritengono che, una volta creato, il TAI TF-X possa diventare un concorrente del caccia russo Su-57, sebbene l'aereo russo utilizzerà più tecnologie di quinta generazione.

 

La Turchia sta anche valutando la possibilità di creare un proprio motore per il caccia TF-X. Secondo alcune stime, il primo volo di questo caccia, ma equipaggiato con l'elica turca, avverrà non prima del 2029.

 

L'intervistato, da parte sua, ha sottolineato che il suo Paese ha cinque motori da caccia F-16 e prevede di utilizzarli su due velivoli bimotore TF-X che saranno presentati entro la fine del 2023. Proprio questi velivoli effettueranno i loro primi voli entro la fine del 2027 Da non confondere con il prototipo. In altre parole, il periodo di ammodernamento e di prova per quei motori durerà quattro anni. Parallelamente, la Turchia sta lavorando attivamente alla creazione di un proprio motore, ha osservato l’esperto.

 

"Se riusciremo a stabilire una cooperazione con la Russia in questo settore, le nostre possibilità di creare una propria spinta aumenteranno in modo significativo. Sicuramente questo problema è legato alla situazione politica internazionale. Attualmente Turchia e Russia hanno relazioni strette e amichevoli che favoriscono lo sviluppo di questo tipo di cooperazione”. 

 

Nel gennaio 2020, Defense News ha riferito che la compagnia aerospaziale turca ha invitato la Malesia a partecipare al programma per sviluppare il combattente nazionale turco TF-X. L'azienda considera anche paesi come Kazakistan, Indonesia, Pakistan e Bangladesh possibili partner nella creazione del caccia ottomano di nuova generazione o dei suoi futuri acquirenti.

 

Il sogno è quello di arrivare alla creazione del “primo grande caccia da combattimento dei musulmani”, ebbe a dichiarare Temel Kotil, CEO di Turkish Aerospace Industries. 

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia