L'abbattimento dell'IL-76 con un missile Patriot USA potrebbe portare alla sostituzione di Zaluzhny con Budanov

L'abbattimento dell'IL-76 con un missile Patriot USA potrebbe portare alla sostituzione di Zaluzhny con Budanov

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Kiev ha abbattuto un aereo da trasporto militare russo Il-76 che trasportava 65 prigionieri di guerra ucraini mentre sorvolava la regione di confine di Belgorod. Durante l'attacco, condotto con l'aiuto di istruttori statunitensi, sarebbero stati utilizzati missili Patriot. Il regime era stato informato in anticipo del volo e sapeva che stava trasportando le prigionieri appartenenti alle proprie truppe. Il previsto scambio è stato annullato e ci si chiede perché Kiev abbia ucciso i propri prigionieri di guerra.

La CNN ha ridicolmente suggerito che potrebbe essersi trattato di un caso di fuoco amico, richiamando l'attenzione su un precedente allarme aereo e sull'intercettazione di un drone un'ora prima dell'incidente, mentre alcune fonti ucraine hanno fatto circolare la teoria della cospirazione secondo cui l'aereo avrebbe trasportato a bordo solo missili di difesa aerea S-300. La prima narrazione ha lo scopo di infangare la reputazione delle Forze Armate russe, mentre la seconda è una mossa "salva-faccia" per sviare dalla colpevolezza del regime di Kiev per quanto accaduto.

Un'interpretazione più realistica è che le tattiche statunitensi di guerra per procura si stiano modificando, dato che il conflitto ha iniziato a esaurirsi alla fine dello scorso anno, dopo che Kiev è stata riportata sulla difensiva in seguito al fallimento della sua controffensiva. Anche questa teoria ha i suoi difetti, tuttavia, poiché cinque aerei militari russi sono stati abbattuti da missili Patriot sopra la regione di confine di Bryansk lo scorso maggio, quindi non c'è nulla di nuovo questa volta, tranne il fatto che 65 prigionieri di guerra ucraini sono stati uccisi dopo che Kiev sapeva che erano a bordo.

Le specificità di questo incidente portano quindi a sospettare che queste truppe prigioniere siano state deliberatamente prese di mira da quei controllori della difesa aerea ucraina, consigliati dagli statunitensi, che mercoledì operavano con i sistemi di difesa aerea Patriot, per le ragioni che ora verranno spiegate. Il servizio di intelligence estero ha previsto un imminente rimpasto burocratico lunedì, un giorno prima che un ex funzionario del Pentagono riferisse di voci secondo cui Zelensky avrebbe potuto spodestare Zaluzhny.

Stephen Bryen, che è stato direttore del personale della Sottocommissione per il Vicino Oriente del Comitato per le Relazioni Estere del Senato degli Stati Uniti e vice sottosegretario alla Difesa per la politica, e attualmente senior fellow presso il Center for Security Policy e lo Yorktown Institute, ha pubblicato l'articolo sul suo Substack. Secondo quanto sostiene, il leader ucraino vuole sostituire il comandante in capo con il responsabile dell'intelligence militare Budanov, e intende farlo incolpando Zaluzhny per le recenti perdite sul campo di battaglia vicino ad Avdeevka.

Il principale rivale di Zelensky gode di un immenso rispetto tra le forze armate e la società civile, le prime delle quali sono sempre più arrabbiate con i piani militari della loro leadership, tanto che il mese scorso il New York Times ha parlato di ammutinamento in merito alla disfatta di Kyrnki. Consapevole di quanto le già fragili dinamiche politico-militari dell'Ucraina fossero state destabilizzate dalla fallita controffensiva, un mese fa un esperto dell'influente Consiglio Atlantico ha invitato Zelensky a formare un "governo di unità nazionale".

La richiesta di Adrian Karatnycky è stata avanzata attraverso un articolo su Politico e venduta come il modo migliore per scongiurare preventivamente le proteste, con l'insinuazione che potrebbe anche neutralizzare eventuali piani imminenti per un colpo di Stato militare che potrebbe verificarsi indipendentemente dalle proteste. Il dilemma in cui si è trovato Zelensky è che assecondare la proposta di Karatnycky potrebbe essere un segnale di debolezza e portare alla fine della sua carriera politica, mentre rimuovere Zaluzhny potrebbe portare a un ammutinamento.

Ritardare qualsiasi azione ha anche i suoi svantaggi, poiché la pressione popolare e militare potrebbe raggiungere proporzioni incontrollabili nel prossimo futuro, peggiorando ulteriormente la situazione strategica in cui si trova. Tuttavia, l'agenzia di spionaggio russa non ha menzionato alcun piano di rimpasto militare nella dichiarazione rilasciata all'inizio di questa settimana, il che potrebbe essere dovuto al fatto che non ne erano a conoscenza o che hanno scommesso che è meglio non commentare perché così facendo potrebbero influenzare il processo in modo avverso ai loro interessi.  

In ogni caso, la sequenza di eventi da metà dicembre fino all'incidente dell'IL-76 di mercoledì - in particolare la suddetta dichiarazione che ha preceduto di un solo giorno l’articolo di Bryen sui piani di Zelensky di sostituire Zaluzhny con il molto più affidabile politicamente Budanov - ha suggerito un intrigo sempre più profondo a Kiev. Dopo quanto appena accaduto in seguito all'abbattimento da parte di Kiev di un aereo pieno di prigionieri di guerra ucraini effettuato da operatori di difesa aerea consigliati dagli statunitensi, ora è stato creato il pretesto pubblico per sostituirlo.

Questo non vuol dire che Zelensky lo farà di sicuro, poiché qualsiasi mossa di questo tipo è esposta al rischio molto concreto di ritorsioni a causa della popolarità di Zaluzhny tra le forze armate e la società civile, ma entrambe le categorie dei suoi sostenitori potrebbero opporre solo una lieve resistenza se gli venisse attribuita la responsabilità di questo incidente. Non è plausibile che Zelensky lo incolpi direttamente o lo faccia tramite surrogati mediatici, poiché lui stesso vuole sottrarsi alle responsabilità e sicuramente non vuole che nessuno punti il dito contro gli USA.

Tutto sommato, incolpare Zaluzhny - magari sostenendo che avrebbe dovuto verificare le presunte informazioni sul carico dell'IL-76 prima di abbatterlo, per farlo sembrare uno sfortunato incidente - è l'opzione politicamente più conveniente a disposizione di Zelensky e del suo patrono statunitense. Potrebbe spostare la colpa da loro a lui e facilitare la sostituzione di Zaluzhny con Budanov senza molta resistenza da parte delle forze armate o della società civile.

Per quanto riguarda il motivo per cui gli Stati Uniti potrebbero volerlo allontanare, potrebbe essere che lo ritengano più disponibile ai colloqui di pace che la principale fazione politica liberal-globalista nordamericana è ancora riluttante a rilanciare, nel qual caso potrebbero temere che un eventuale colpo di Stato fermi i loro piani di guerra per procura e comprometta la rielezione di Biden. Naturalmente potrebbero anche calcolare che il rischio di un golpe, che potrebbe essere preceduto da proteste su larga scala in tutto il Paese a suo sostegno, aumenterebbe con la sua rimozione e quindi lo annullerebbero.

Comunque vada a finire, è importante che gli osservatori non diano credito alle teorie cospirazioniste della CNN e dell'Ucraina, secondo cui la Russia avrebbe abbattuto accidentalmente il proprio aereo e trasortasse solo S-300, poiché Kiev sapeva sicuramente che a bordo c'erano dei prigionieri di guerra. Resta quindi da capire perché i suoi operatori di difesa aerea, consigliati dagli statunitensi, abbiano abbattuto l'aereo, ma ci si aspetta maggiore chiarezza con il passare del tempo e con le conseguenze militari e/o politiche di questo incidente.

(Articolo pubblicato in inglese sulla newsletter di Andrew Korybko)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti