World Affairs/L'ambasciata di Mosca in Bielorussia smentisce le accuse di Minsk...

L'ambasciata di Mosca in Bielorussia smentisce le accuse di Minsk sulla collusione dei russi con l'opposizione

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

La vicenda che ha portato all’arresto a Minsk di 32 cittadini russi appartenenti alla compagnia paramilitare privata Wagner ha visto le autorità della Bielorussia accusare i russi di essere sbarcati nel paese per provocare incidenti. Paventando anche collegamenti con i leader delle opposizioni al presidente Lukashenko. Mosca rispedisce al mittente tale ipotesi. 

 

Le accuse delle autorità bielorusse di collusione tra russi detenuti a Minsk e il leader dell'opposizione bielorussa Nikolai Statkevich e il blogger Sergei Tikhanovsky sono inverosimili, ha affermato il console dell'ambasciata russa Kirill Pletnev al canale TV Rossiya-24.

 

"Abbiamo una copia dell'ordine di detenzione che è stato presentato a ciascuno dei nostri concittadini. Il documento rende abbastanza chiaro l'approccio distorto delle autorità bielorusse. In particolare, vorrei sottolineare che si riferisce ad atti volontari di un gruppo di persone che colludono con Tikhanovsky e Statkevich, che, a nostro avviso, è una posizione inverosimile", ha dichiarato Pletnev.

 

La Bielorussia ha annunciato la detenzione di 33 cittadini russi nella notte del 29 luglio. Gli arrestati sono sospettati di essere giunti a Minsk per fomentare azioni di protesta in vista delle elezioni presidenziali. Il ministero degli Esteri russo, a sua volta, ha affermato che stavano viaggiando a Istanbul via Minsk e avevano tutti i documenti pertinenti, compresi i biglietti aerei. Tuttavia, il comitato investigativo bielorusso insiste sul fatto che i russi non avevano intenzione di lasciare Minsk per Istanbul.

 

Sergei Naryshkin, direttore del Russian Foreign Intelligence Service, si aspetta che l'incidente riguardante la detenzione di cittadini russi in Bielorussia sarà risolto quanto prima. Secondo Naryshkin, l'SVR sta tenendo d'occhio la situazione e la reazione delle élite politiche di altri paesi.

 

"Mi aspetto che l'incidente si risolverà”, e ha poi aggiunto: “È nell'interesse comune rafforzare le relazioni amichevoli e fraterne tra i nostri paesi e popoli”. 

 

Il capo della SVR ha anche affermato che i commenti dei media bielorussi sull'incidente sono stati piuttosto illogici. "Devo dire che le élite politiche e gli ambienti governativi nei paesi europei la vedono come un'acrobazia in scena", ha sottolineato Naryshkin.

Fonte: TASS
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa