World Affairs/Lavrov all'Europa: "cambiare rotta prima che sia troppo tardi". S...

Lavrov all'Europa: "cambiare rotta prima che sia troppo tardi". Sulla Siria: la vittoria di Damasco contro i terroristi a Idlib "inevitabile"

 

L'espansione verso est della NATO e le esercitazioni su larga scala vicino ai confini russi possono portare a conseguenze imprevedibili ed tempo che l'Europa cambi rotta, ha dichiarato il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov alla Conferenza di Monaco


L'Europa è il luogo in cui la "crisi di fiducia" nelle relazioni internazionali è maggiormente sentita, ha affermato il ministro degli Esteri Lavrov salendo sul palco, spiegando che "la struttura della rivalità della guerra fredda viene ricreata" nel continente.

 
"L'escalation delle tensioni, l'infrastruttura militare della NATO che avanza verso Est, esercitazioni di portata senza precedenti vicino ai confini russi, l'aumento del budget di difesa oltre misura - tutto ciò genera imprevedibilità", ha aggiunto.
 
Ha quindi invitato l'Europa a concentrarsi sulla cooperazione in materia di sicurezza e ad aiutare a rispettare i trattati internazionali, invece di seguire una politica di scontro.
 
"Rinunci a promuovere il fantasma della "minaccia russa" o di qualsiasi altra minaccia - prima che sia troppo tardi - e ricordi ciò che ci unisce tutti."
 
Lavrov ha osservato che le "tecnologie rivoluzionarie" non devono essere utilizzate per interrompere ulteriormente la stabilità internazionale, sottolineando l'importanza degli sforzi volti a "prevenire una corsa agli armamenti nello spazio e non consentire la militarizzazione del cyberspazio".
 
Ha inoltre trasmesso la proposta di Mosca per i membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (Cina, Francia, Russia, Regno Unito e Stati Uniti) di tenere un vertice autonomo al fine di avere "uno scambio franco e onesto di opinioni su come conservare la pace per le generazioni future."
 
Lavrov ha poi risposto a numerose domande dei media, che ruotavano principalmente attorno allo stato delle relazioni della Russia con la Turchia sulla riacutizzazione delle tensioni nella città siriana di Idlib, l'ultima enclave terroristica nel nord del paese. Mosca e Ankara hanno lavorato per risolvere l'escalation militare nell'area, ma entrambe le parti hanno accusato che gli accordi non erano stati rispettati dopo lo scontro tra le truppe siriane e turche.
 
"Abbiamo ottime relazioni con la Turchia. Ma ciò non significa che dobbiamo essere d'accordo su tutto", ha precisato Lavrov.
 
Tuttavia, la vittoria contro i terroristi a Idlib è "inevitabile", ha sottolineato, aggiungendo che la separazione dei miliziani dalla "normale opposizione" rimane un problema urgente. Secondo il massimo diplomatico russo, Ankara deve fare qualcosa, per la sua influenza sui combattenti antigovernativi.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa