L'Azerbaigian ha accusato la Francia di preparare il terreno per una nuova guerra nel Caucaso meridionale

L'Azerbaigian ha accusato la Francia di preparare il terreno per una nuova guerra nel Caucaso meridionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Francia incoraggia e arma i separatisti in Armenia, preparando così il terreno per l'inizio di una nuova guerra nel Caucaso meridionale. Il presidente azero Ilham Aliyev ha fatto questa dichiarazione durante la conferenza "Decolonizzazione: emancipazione e sviluppo delle donne", secondo quanto riporta l’agenzia TASS.

 

Secondo il presidente, Parigi destabilizza non solo le sue colonie passate e attuali, ma anche il Caucaso meridionale.

 

Aliyev ha accusato la Francia di imporre politiche militari, di "incoraggiare le forze revansciste" in Armenia e di utilizzare la sua posizione nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per "intrighi geopolitici" in diverse regioni.

 

Il 13 novembre, il Ministero degli Esteri azero ha condannato la consegna da parte della Francia di un lotto di veicoli blindati Bastion all'Armenia.

 

Già in passato il presidente dell’Azerbaigian aveva accusato la Francia di aver commesso la maggior parte dei crimini coloniali e di perseguire attualmente politiche colonialiste.

 

La conferenza "Decolonizzazione: Emancipazione e Sviluppo delle donne" si svolge nell'ambito della presidenza dell'Azerbaigian del Movimento dei non allineati. Il movimento riunisce i Paesi che hanno dichiarato di non partecipare a blocchi militari e politici e che promuovono la coesistenza pacifica basata sui principi di indipendenza e uguaglianza come base della loro politica estera. Il movimento comprende 120 Paesi, mentre un certo numero di nazioni, tra cui la Russia, e organizzazioni internazionali hanno lo status di osservatori. L'Azerbaigian ha assunto la presidenza del movimento per il periodo 2019-2022 a seguito del vertice del Movimento dei non allineati tenutosi a Baku nel 2019. Il mandato di presidenza del Paese è stato poi esteso per un altro anno.

 

Lo scorso 19 di settembre, le autorità azere hanno annunciato un'operazione locale in Karabakh. L'obiettivo dell'operazione era quello di fermare le "provocazioni su larga scala", disarmare e ritirare le unità dell'esercito armeno dal territorio della regione.

 

Il giorno seguente, con la mediazione delle forze di pace russe, le parti hanno raggiunto un accordo di cessate il fuoco.

 

Il 28 settembre, il capo del Nagorno-Karabakh Samvel Shahramanyan ha firmato un decreto secondo cui la Repubblica del Nagorno-Karabakh cesserà di esistere dal 1° gennaio 2024.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti