Le 3 chiavi per comprendere il fallimento della 'guerra al terrore' promossa dagli USA

Le 3 chiavi per comprendere il fallimento della 'guerra al terrore' promossa dagli USA

Sono passati quasi 20 anni da quando l'allora presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, annunciò nel 2001 la sua "Guerra al terrore"; una guerra che oggi è possibile definire fallimentare.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


A seguire, l'analisi di Alberto Rodríguez García, giornalista, specializzato sul Medio Oriente, propaganda e terrorismo.


 
Sono passati quasi 20 anni da quando l'allora presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, ha annunciato nel 2001 la sua " Guerra al terrore "; una guerra che oggi possiamo dire che ha fallito.
 
L'ingannevole 'Guerra al Terrore' degli Stati Uniti non è altro che una pessima strategia per invadere paesi non conformi con l'establishment.
 
Afghanistan, Iraq, Somalia, Yemen, Pakistan, Filippine, Indonesia, Libia e Siria sono alcuni dei paesi in cui gli Stati Uniti sono intervenuti sia direttamente che indirettamente nella sua presunta lotta contro il terrorismo. Tuttavia, le organizzazioni jihadiste sono ora più forti che mai. L'unica cosa che Bush, Obama e Trump hanno ottenuto è di trasformare i terroristi nella loro strategia ... e migliorarla.
 
I talebani sono al loro punto più forte  dalla guerra in Afghanistan contro i sovietici. Al-Qaeda ha cellule in Europa, Nord Africa, Sahel, Asia centrale e sud-est asiatico. Lo Stato islamico si rafforza in Yemen, Somalia e Libia, e si espande nelle Filippine. In realtà, lungi dall'essere sconfitto, in un singolo attacco, le 'forze democratiche siriane', appoggiate dagli USA, nella parte orientale dell'Eufrate hanno perso tutto il territorio ci era voluto 7 mesi per conquistarlo
  
Tuttavia, il terrorismo jihadista non è qualcosa di nuovo che sorge nel 2001. Lo miccia è stata creata negli anni '80 dalle stesse persone che oggi dicono di combatterlo: gli Stati Uniti. E questa non è un'invenzione, questo è qualcosa che la stessa Hillary Clinton ha riconosciuto : "La gente che stiamo combattendo oggi, l'abbiamo finanziata 20 anni fa".
 
La realtà è che il gabinetto di Reagan investì milioni di dollari nel dare le ali al Wahhabismo e al Salafismo; correnti estremiste e violente dell'Islam che fino ad allora al di fuori del regime dell'Arabia Saudita non avevano una grande diffusione.
 
Lungi dal rimanere in Afghanistan questo sostegno al fanatismo, nel 2006 il governo USA ha dato milioni ai Fratelli musulmani per rafforzare i loro canali di propaganda in Europa e finanziare l'insurrezione all'interno della Siria che nel 2011-2012 avrebbe portato alla guerra.
 
I loro alleati, neanche sono stati lasciati indietro. Grazie alle email hackerate a Hillary Clinton da Wikileaks, sappiamo che gli americani stessi hanno sempre avuto il sospetto che l'Arabia Saudita e il Qatar sono dietro il finanziamento dello Stato Islamico durante i loro primi anni. Qualcosa che non è irragionevole dal momento che sono entrati in Siria come alleati degli occidentali apparentemente  i ribelli moderati sostenuti quando erano ancora al-Qaeda in Iraq.
 
Il Pentagono sa di aver acceso una miccia che non può controllare. Perché Donald Trump cerca di mettere la polvere sotto il tappeto sul caso Khashoggi, un segno che l'Arabia Saudita si sente impunita di fronte a tutti, o Pompeo e Mattis hanno lanciato a porre fine alla guerra in Yemen , un conflitto usato da al-Qaeda e ISIS per guadagnare il deserto e coordinare le loro strutture nella penisola arabica. La "guerra al terrore" è diventata uno slogan e poco altro, perché nulla rimane di quella guerra. Non c'è mai stato niente.
 
Oltre al dominio militare di queste organizzazioni in diverse parti del mondo, c'è anche la loro egemonia digitale. L' indottrinamento attraverso internet è diventato un bisogno vitale di questi gruppi. Per molto tempo lo Stato islamico ha dedicato intere sezioni nella sua rivista Dabiq alla cyber-jihad.
 
Grazie alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, la jihad non si limita a un solo territorio. È globale, perché ci saranno sempre lupi solitari disposti ad essere radicalizzati e ad attaccare. Negli anni '80 era impensabile che un emiro proveniente dalle montagne del Pakistan potesse ispirare e coordinare attacchi a migliaia di chilometri di distanza. Oggi, tuttavia, Khalid Batarfi può lanciare appelli per attaccare  negli Stati Uniti e in Israele da un luogo sconosciuto nel deserto yemenita.
 
Il problema non sono più i leader e i gruppi. Il problema che deve essere affrontato a livello globale è l'ideologia; e non può essere combattuto con una bomba.
 
La lotta al terrorismo richiede oggi una comprensione completa e dettagliata di tre diversi elementi:
 
1 - L'ideologia che lo ispira.
 
Il terrorismo jihadista non può essere riassunto nell'islam o a "quattro pazzi". È un'idea molto complessa che penetra nelle menti dei suoi seguaci, che sono disposti a immolarsi, convinti che ciò che sta arrivando sarà qualcosa di meglio. Non è solo il jihadismo . Possiamo parlare di molte e molto diverse scuole come il salafismo, il wahhabismo, il deobandismo, il Qutbismo ... che trattano termini così importanti come Tawhid o Takfir. È impossibile capire come queste organizzazioni nascono, sono formulate e funzionano se non si conosce nemmeno la letteratura di Muhammad Ibn Abd al-Wahhab o di Sayyed al-Qutb, i due principali ideologi del fondamentalismo islamico e della jihad violenta nei tempi moderni.
 
È assurdo fare appello all'islamofobia ogni volta che si denunciano questo tipo di discorsi ispirati ai chierici fondamentalisti. Assurdo e pericoloso. L'Islam, come ogni altra religione, ha un messaggio di pace e un messaggio di guerra. Tutto dipende da chi lo interpreta, e per questo motivo, è necessario denunciare chierici e moschee che fanno discorsi pericolosi senza alcun complesso o con la paura di essere identificati come islamofobi. Perché secondo la misura dell'islamofobia, i primi islamofobi sono i musulmani che combattono il terrorismo sul campo sia sul campo di battaglia che nelle moschee.
 
2 - Il discorso su cui si sostiene
 
Legato all'ideologia è il discorso, che aiuta queste organizzazioni a legittimarsi. Lo Stato islamico, per esempio, si presenta sempre come vittima della violenza degli infedeli. Lo Stato islamico giustifica la sua estrema violenza e sadismo in quanto sarebbe una giusta reazione alla violenza subita dai musulmani. Comprendere ogni parola del loro discorso è necessaria per confutarla e combatterla.
 
Trump ha detto : "Combatteremo il fuoco con il fuoco" , e ha dato solo argomenti all'ISIS.
 
Ed ha poi aggiunto: "Questo è un nemico crudele, sadico e mostruosi nemici Autentici carnefici, hanno ucciso persone innocenti, in quello che è noto come 'il massacro siriano' (...) Io bombardo questi bastardi. Non mi interessa. Non mi interessa ..... ". E ancora, ha dato solo argomenti allo Stato islamico che ha sfruttato questi argomenti mostrando il bombardamento di civili con fosforo bianco negli Stati Uniti in Siria.
 
Sebbene per una persona normale questa propaganda sia pura manipolazione, l'obiettivo della propaganda dello Stato Islamico viene sradicato da giovani musulmani che sentono davvero di essere disprezzati da un nemico a cui l'organizzazione terroristica dà il nome: l'infedele. E ha anche un discorso che, sebbene basato su manipolazioni e errori, fornisce fatti che lo supportano in qualche modo.
 
3 - E le condizioni politico-sociali che facilitano l'assimilazione di queste idee
 
Ecco perché è anche importante conoscere il contesto in cui si sviluppano. Se analizziamo i dati, vediamo che le organizzazioni terroristiche proliferano in stati distrutti e divisi , dove c'è chi vede nella militanza e nella radicalizzazione il supporto che manca loro. Ad esempio, Harakt al-Shabab al-Mujahidin in Somalia ha realizzato un video di propaganda nel quale si mostrano i suoi combattenti nei campi che giocano al fiume e cantano.
 
La soluzione al terrorismo passa in primis attraverso la costruzione di stati forti e sovrani che possano coprire i bisogni dei cittadini e esercitare un controllo che limiti la radicalizzazione nel tempo. Nell'Iraq di Saddam Hussein e nella Siria prebellica non esistevano stati islamici dell'Iraq e del Levante. In Afghanistan, prima del 1979, i talebani non controllavano i territori. Perché c'erano stati forti.
 
I paesi che volevano utilizzare le organizzazioni fondamentaliste a loro favore durante la guerra fredda non si rendevano conto che stavano giocando con il fuoco. Pensavano che potevano sempre usarli e controllarli a volontà per rimuovere o mettere i governi. Non si rendevano conto che queste organizzazioni, man mano che diventavano più forti, sviluppavano la propria agenda, e ora che funzionano come società o addirittura come Stati, vogliono ottenere tutto ciò che vogliono.
 
Gli Stati Uniti, la Francia e il Regno Unito ritenevano di poter controllare a loro favore l'ascesa del fondamentalismo islamico durante la primavera araba senza rendersi conto di come si stava espandendo nel resto del mondo. Ora che la loro "guerra al terrore" è fallita, hanno solo, come facevano i jihadisti ai loro tempi, reinventare quale sarà la loro strategia. Ciò che è chiaro è che solo, pianificando la soluzione solo con le bombe e avendo le monarchie del Golfo come alleati, l'unica cosa che faranno è continuare a versare benzina sul fuoco.
 

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente