World Affairs/Le molteplici opzioni di Huawei per schivare il nuovo colpo degli...

Le molteplici opzioni di Huawei per schivare il nuovo colpo degli USA

 

Huawei non è ora in grado di ordinare la produzione di processori dalla società taiwanese TSMC, sotto la pressione delle nuove normative statunitensi. Tuttavia, gli analisti sottolineano che il gigante asiatico ha molte opzioni per sostituire il fornitore di Taiwan

Huawei sviluppa i propri processori Kirin per dispositivi mobili sia di fascia alta che a basso costo. La società cinese non ha i suoi impianti di produzione, quindi spedisce tutti gli ordini al TSMC di Taiwan. 
 
Il 18 maggio 2020, TSMC ha smesso di accettare ordini da Huawei sotto la pressione degli Stati Uniti per introdurre controlli delle esportazioni rafforzati per limitare ulteriormente l'accesso da parte di Huawei alle principali spedizioni di chip del mondo, riferisce il media Nikkei.

In risposta alle nuove misure, Yu Chengdong, CEO del business consumer di Huawei, ha dichiarato che il divieto degli Stati Uniti mira a mantenere l'egemonia tecnologica degli Stati Uniti. E ha descritto le misure del paese nordamericano contro Huawei come molestie tecnologiche, osserva Gizchina.
 
Opzioni a Taiwan e in Cina
 
Nonostante il rifiuto di TSMC, Huawei ha altre opzioni del fornitore. In particolare, un altro importante produttore di chip taiwanese Foxconn potrebbe collaborare con Huawei, riferisce Gizchina, riferendosi al fondatore dell'azienda, Guo Taiming.
 
"Se TSMC non accetta le richieste di Huawei e Foxconn lo fa, le nuove leggi statunitensi saranno tecnicamente inefficaci", si spiega nell'articolo.
 
In Inoltre, Huawei ha trovato 100% produttore cinese SMIC per Kirin 710A, ha riferito il sito TechPowerUp. Tuttavia, non è ancora in grado di produrre chip di fascia alta.
 
Rifiuto di Kirin
 
È anche probabile che in futuro i dispositivi Huawei utilizzino i chip di altri fornitori.
 
Il Presidente onorario di Huawei Zhao Ming ha annunciato che i futuri smartphone dell'azienda saranno prodotti con chip MediaTek di Taiwan .
Oltre a MediaTek, il colosso tecnologico cinese sta negoziando con l'Unisoc, secondo Asia Nikkei. L'agenzia Reuters, a sua volta, riferisce che Huawei sta prendendo in considerazione l'idea di lavorare con Samsung .
 
Nonostante Huawei abbia diverse opzioni per i venditori di chip, lo sviluppo di propri chip all'avanguardia è stata una strategia chiave per l'azienda, aiutandola a distinguersi nel mercato globale per telefoni e altri dispositivi. Analisti e dirigenti del settore affermano che l'adozione delle offerte di chip dei concorrenti potrebbe ostacolare la competitività di Huawei, avverte Asia Nikkei.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa