Lega Araba denuncia: pressioni dell'Occidente per cambio di posizione sulla Russia

Lega Araba denuncia: pressioni dell'Occidente per cambio di posizione sulla Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il segretario generale della Lega araba, Ahmed Aboul Gheit, ha denunciato che il mondo occidentale sta esercitando "pressioni spudorate" sugli Stati arabi affinché prendano posizione sulla crisi in Ucraina, condannino le azioni militari di Mosca e isolino la Russia.

Tuttavia, ha afferma Aboul Gheit, i paesi arabi non cederanno alle pressioni occidentali. "Loro [i paesi della Lega Araba] non hanno ceduto a questo dettato a cui erano soggetti, e alcuni si sono persino rifiutati di votare per condannare le azioni della Federazione Russa", ha ricordato Aboul Gheit durante in un'intervista alla tv di Stato egiziana ripresa da Hispantv. 

Notando che il numero di sfollati in Ucraina supera diversi milioni, ha sottolineato che l'Occidente si è già reso conto dei propri errori nella regione, causando una situazione molto delicata.

"La situazione internazionale oggi è molto delicata, così come la situazione nella regione [...] Noi arabi abbiamo un'azione collettiva nel contesto della crisi russo-ucraina", ha sottolineato il segretario generale della Lega araba.

All'inizio di giugno, Aboul Gheit aveva spiegati che la posizione araba "si riassume nel sostenere tutti gli sforzi volti a risolvere la crisi [Russia-Ucraina] attraverso il dialogo e la diplomazia, in modo da preservare la sicurezza dei popoli in questa importante regione del mondo.

In questo contesto, la Cina ha denunciato ad aprile le pressioni che Washington esercita sugli altri paesi affinché adottino la stessa posizione in diversi casi politici, come quello ucraino-russo.

Dall'inizio della guerra in Ucraina nel febbraio 2022, gli Stati Uniti e i loro alleati europei hanno gettato benzina al fuoco inviando continue consegne di armi a Kiev.

Le autorità russe hanno ripetutamente condannato la fornitura di armi da parte dei membri dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO), guidata da Washington, e hanno chiesto a questo organismo di interrompere l'invio di armi a Kiev se è veramente interessato a risolvere la crisi.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti