«Lei è un assassino?» La risposta di Putin al giornalista Usa

«Lei è un assassino?» La risposta di Putin al giornalista Usa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente russo Vladimir Putin ha rilasciato un’intervista all’emittente statunitense NBC News. La versione integrale dell'incontro tra Putin e il giornalista Cyrus Simmons sarà pubblicata sul canale il prossimo 14 di giugno. 

Al momento, come riporta il quotidiano russo Komsolskaya Pravda, sono disponibili solo alcune interessanti anticipazioni. 

«Signor Presidente, lei è un assassino?», ha chiesto il giornalista statunitense a Putin in riferimento all’incredibile dichiarazione diffamatoria del presidente Biden sul suo omologo russo. 

La risposta di Putin evidenzia il suo proverbiale pragmatismo: «Durante il mio lavoro, mi sono abituato ad attacchi da diverse parti in moltissime occasioni, di diversa qualità e gravità. Niente mi sorprende. Con le persone con cui lavoriamo in ambito internazionale, litighiamo, non siamo sposi e non ci giuriamo l'un l'altro amore e amicizia eterni. Siamo partner e in qualche modo competiamo tra di noi. Ho sentito decine di tali accuse, soprattutto durante il periodo dei nostri momenti difficli quando eravamo impegnati nella lotta al terrorismo nel Caucaso settentrionale. E allo stesso tempo, ho sempre agito nell'interesse dello Stato russo e del popolo russo. E le etichette diverse non sono qualcosa di cui vale la pena preoccuparsi». 

Sulla stessa linea ‘provocatoria’, Cyrus Simmons ha poi chiesto a Putin: «Anna Politkovskaya è stata colpita, Alexander Litvinenko è stato avvelenato con polonio, Sergei Magnitsky è morto in prigione, Boris Nemtsov è stato colpito da arma da fuoco, Mikhail Lesin è morto per un trauma cranico a Washington. Sono tutte coincidenze?». 

«Senta, non voglio sembrare scortese, ma è come una specie di indigestione, ma verbale. Ha elencato molte persone che sono morte in momenti diversi per ragioni diverse per mano di persone diverse. Ho trattato molto bene Lesin, è morto negli Stati Uniti. Dobbiamo chiedervi come è morto?», la risposta di Putin.

Il presidente russo nel corso dell’intervista ha poi evidenziato che il suo omologo statunitense Joe Biden è è un politico di carriera e questo fa sperare che non ci saranno gesti impulsivi, riferisce l’agenzia Tass. 

Vladimir Putin ha osservato che Biden «è radicalmente diverso da Trump perché il presidente Biden è un uomo di carriera. Ha trascorso praticamente tutta la sua età adulta in politica».

«È un tipo diverso di persona, ed è mia grande speranza che sì, ci siano alcuni vantaggi, alcuni svantaggi, ma non ci saranno gesti impulsivi, a nome del presidente degli Stati Uniti in carica». 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

A voi che vi indignate per le parole di Renzi... di Paolo Desogus A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio! di Giorgio Cremaschi Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Lo Stato stratega, motore del successo cinese   di Bruno Guigue Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti