"Li stiamo aiutando attivamente". Borrell sui media considerati agenti stranieri in Russia

"Li stiamo aiutando attivamente". Borrell sui media considerati agenti stranieri in Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Le autorità dell'Unione Europea (UE) sostengono attivamente i media riconosciuti come agenti stranieri in Russia, perché Bruxelles è convinta che questi media "dicano la verità". A rilasciare queste incredibili dichiarazioni è il capo della politica estera dell'UE Josep Borrell. 

Parole ancora più incredibili perché arrivano da quello stesso organismo, la UE, che praticamente ogni giorno utilizza lo spauracchio delle disinformazione russa, in particolare quando si tratta di demonizzare argomenti ritenuti ‘scomodi’ per la UE stessa o il cosiddetto Occidente collettivo. 

"Li stiamo aiutando attivamente, siamo al fianco dei media indipendenti russi, dei difensori dei diritti umani e della società civile", ha dichiarato Borrell, intervenendo a una conferenza sulla ‘lotta alla disinformazione’.

Il capo della diplomazia europea ha sottolineato che le sue parole non sono "solo retoriche". Borrell ha poi affermato di non poter rivelare i dettagli, ma ha esortato a credere sulla parola che l'UE sta dando il suo sostegno ai media riconosciuti come agenti stranieri in Russia "in modo pratico".

"Non posso dire esattamente come, perché farei un torto a loro", ha spiegato Borrell.

In Russia, i media russi o stranieri riconosciuti come agenti stranieri, così come i singoli giornalisti o blogger, sono obbligati a pubblicare i loro materiali con un'adeguata marcatura per evitare di violare la Legge sui mezzi di comunicazione di massa, evidenzia il quotidiano Izvestia.

Il 19 gennaio il governo russo ha approvato un regolamento sul controllo statale delle attività degli agenti stranieri. Contiene sezioni sulle disposizioni generali, sull'attuazione del controllo statale, sulle misure di risposta legale e sul ricorso contro le decisioni. In totale, il documento comprende 58 clausole.

Il 23 novembre 2022, la Duma di Stato ha approvato in seconda lettura gli emendamenti che prevedono il divieto per gli agenti stranieri di tenere comizi, prestare servizio negli organi del Ministero degli Affari Interni e una serie di altre restrizioni. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti