Lidia Undiemi - Il salario minimo UE costruito per attaccare stipendi e contratti collettivi

Lidia Undiemi - Il salario minimo UE costruito per attaccare stipendi e contratti collettivi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Lidia Undiemi


Il MES svela le reali intenzioni dell’Europa sul salario minimo legale, progettato a uso e consumo dei mercati per livellare i salari verso il basso. Ecco i precedenti.





PER APPROFONDIRE:

Focus sul salario minimo

gli interventi del MES e i rischi della Direttiva UE

Anticipando di molti anni la direttiva europea in materia di salari minimi (Direttiva UE 2022/2041 del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 ottobre 2022), la Troika e il MES – e quindi anche le istituzioni europee che vi collaborano – sono già intervenute sul tema del salario minimo, con specifiche richieste ai paesi in difficoltà.

Ciò consente certamente di fornire una interpretazione tendenzialmente realistica dell’impatto che la direttiva sui salari minimi (legali) avrà effettivamente sugli stipendi dei lavoratori in ambito europeo.

In tal senso, è di estrema importanza il memorandum d’intesa della Grecia (2010), dove viene esplicitamente prevista una riforma sulla fissazione di un salario minimo a livello nazionale, attenzione, “a tasso unico su base più permanente”, come alternativa e in aperta contrapposizione ai salari minimi fissati in modo eterogeneo – ad esempio come avviene anche in Italia in base alle categorie produttive – poiché, si dice, le differenze tra i minimi contrattuali “non riflettono necessariamente la produttività”.

In poche parole, l’obiettivo è quello di creare un minimo salariale unico, fissato per legge dunque da una politica centralizzata di fatto a livello europeo, non per una migliore tutela dei lavoratori, ma per consentire di favorire la produttività delle imprese in un sol colpo.

Mes

Nella stessa direzione il memorandum d’intesa di Cipro (2012), attraverso cui si intendono direttamente vincolare i salari minimi stabiliti per settore e categoria professionale alle esigenze di competitività delle imprese:

“4.2 Al fine di prevenire possibili effetti negativi sulla competitività e sull'occupazione, le autorità cipriote si impegnano a che, durante il periodo del programma, qualsiasi modifica del salario minimo per specifiche professioni e categorie di lavoratori sia in linea con gli sviluppi economici e del mercato del lavoro e abbia luogo solo previa consultazione con i partner del programma”.

Come si è già avuto modo di spiegare in più occasioni senza nemmeno disturbare i commissariamenti degli anni passati, la direttiva europea che disciplina il salario minimo legale effettivamente consente alle istituzioni europee di iniziare a stabilire le basi per una governance dei salari centralizzata a livello europeo. Questo rischio non viene francamente superato dalle rassicurazioni ai sindacati – e quindi ai lavoratori coperti dalla CCNL – che si leggono tra le righe della nuova normativa. Non a caso, tra i parametri che gli stati devono tenere in considerazione per la fissazione dei salari minimi legali, vi è proprio la “produttività” (art. 5, comma 2):

Mes

Attraverso la lettura dei memorandum d’intesa, si scopre dunque che la direttiva europea non è certo il primo tentativo di regolamentazione centralizzata dei salari in capo alla politica europea. Viene inoltre svelato chiaramente qual è l’effettivo indirizzo politico perseguito in ambito europeo, che è chiaramente quello di vincolare i salari alle esigenze delle imprese in modo generalizzato e su vasta scala, elevando ancora una la produttività e la competitività a interessi di rango superiore rispetto a quelli dei lavoratori, e nel farlo le istituzioni entrano a gamba tesa sul conflitto capitale-lavoro a favore del primo.

Per quale motivo con la direttiva dovrebbe andare diversamente?



-------------------------------------

LETTURA CONSIGLIATA

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti