L'Iran avverte del pericolo di un'escalation di tensioni nella regione dopo l'attacco di Israele

L'Iran avverte del pericolo di un'escalation di tensioni nella regione dopo l'attacco di Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Iran avverte il Consiglio di Sicurezza dell'ONU delle conseguenze destabilizzanti dell'attacco terroristico di Israele in Siria e chiede che venga intrapresa in proposito un'azione.

"Considerando le gravi conseguenze di questo atto riprovevole, che può portare a un'escalation delle tensioni nella regione e potenzialmente provocare ulteriori conflitti tra i Paesi, la Repubblica Islamica dell'Iran invita il Consiglio di Sicurezza a condannare fermamente questo atto criminale e questo attacco terroristico illegale", ha esortato ieri la vice rappresentante permanente dell'Iran presso le Nazioni Unite (ONU), Zahra Ershadi.

Ershadi ha fatto queste osservazioni durante una riunione speciale del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC), tenutasi su richiesta della Russia a seguito dell'attacco israeliano di lunedì alla sezione consolare dell'ambasciata iraniana a Damasco, la capitale siriana, che ha ucciso 13 persone, sette delle quali consiglieri militari iraniani.

La rappresentante iraniana ha avvertito che le azioni e i crimini destabilizzanti, irresponsabili e continui del regime israeliano contro le nazioni della regione costituiscono una vera minaccia per la pace e la sicurezza nella regione e oltre.

"L'agenda del regime sionista è chiara: l'escalation e la continuazione del conflitto, evitando le responsabilità", ha denunciato Ershadi.
Ha sottolineato che la Repubblica islamica si riserva il diritto legittimo e intrinseco, basato sul diritto internazionale e sulla Carta delle Nazioni Unite, di rispondere con decisione a tali misure.

Israele "non ha linee rosse, uccide i civili e usa persino la fame come metodo di guerra" e il suo obiettivo principale è "l'uso illegale della forza per promuovere politiche di apartheid, pulizia etnica, azioni genocide e obiettivi militari a Gaza ad ogni costo", ha sottolineato Ershadi.

Infatti, ha aggiunto, nonostante le ripetute richieste dei membri del Consiglio di Sicurezza, Israele continua le sue azioni brutali e genocide contro la popolazione indifesa di Gaza, dove dal 7 ottobre sono stati uccisi più di 32.900 palestinesi.
In questa situazione critica, ha avvertito Ershadi, "l'inazione del Consiglio di Sicurezza ha solo incoraggiato questo regime a continuare le sue violazioni".

-------------

L'AntiDiplomatico e LAD edizioni sono impegnati a sostenere l'associazione "Gazzella", in prima linea nel sostegno della popolazione di Gaza. 

Con l'acquisto di "Il Racconto di Suaad" (Edizioni Q - LAD edizioni) dal nostro portale, finanzierete le attività di "Gazzella".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti