L'Iran rifiuta categoricamente qualsiasi collegamento con l’attentato a Rushdie

L'Iran rifiuta categoricamente qualsiasi collegamento con l’attentato a Rushdie

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Al di là di quali possano essere le posizioni in merito, non sarebbe strano se gli Stati Uniti d'America usaserro questo attentato per far saltare definitivamente l'accordo sul nucleare iraniano che sarebbe in via di definizione. Far saltare questa trattativa significa l'apertura di un nuovo fronte di guerra di Washington contro Teheran.

Il governo iraniano, oggi, ha respinto qualsiasi relazione con l'attacco subito dallo scrittore anglo-americano di origine indiana Salman Rushdie, accoltellato la scorsa settimana durante un evento a New York, negli Stati Uniti.

Nei primi commenti pubblici di Teheran sulla questione, il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Nasser Kanaani in un briefing, citato dall'agenzia di stampa Tasnim. Ha ribadito che "nessuno ha il diritto di accusare" la Repubblica islamica dell'aggressione contro Rushdie.

Secondo il portavoce, nessuno merita le colpe e le accuse "tranne" lo stesso scrittore e i suoi seguaci. Salman Rushdie si è esposto all'ira non solo dei musulmani, ma anche dei seguaci di altre fedi insultando le santità islamiche e superando i limiti di tutte le religioni, ha detto Kanaani.

"Atteggiamento contraddittorio" dell'Occidente

Il sostegno di vari governi alla libertà di espressione non può giustificare insulti contro le religioni e "riteniamo che l'incitamento all'odio e il sacrilegio siano condannati religiosamente, moralmente e legalmente", ha affermato.

Inoltre, Kanaani ha criticato la posizione dell'Occidente che condanna le azioni dell'autore dell'attacco, ma "glorifica le misure offensive di Rushdie contro le credenze islamiche", che ha definito un "atteggiamento contraddittorio".

Domenica scorsa il segretario di Stato americano Antony Blinken ha condannato l'Iran per aver incitato alla violenza contro Salman Rushdie, che rimane in condizioni critiche anche se le sue condizioni stanno "andando nella giusta direzione". "Le istituzioni statali iraniane hanno incitato alla violenza contro Rushdie per generazioni e i media affiliati allo stato hanno recentemente gongolato per l'attentato alla sua vita. Questo è spregevole", ha detto Blinken.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti