/ L'Istituto Nazionale per i Diritti Umani (NHRI) del Cile denuncia...

L'Istituto Nazionale per i Diritti Umani (NHRI) del Cile denuncia violenza dei Carabineros contro ragazze e minacce di stupro

 
 

C’è un lato oscuro e molto inquietante nella dura repressione ordinata dal governo fascio-liberista di Pinera in Cile contro il popolo. La violenza, anche di natura sessuale, contro le donne. 

 

L'Istituto Nazionale per i Diritti Umani (NHRI) del Cile ha informato che presenterà una denuncia per tortura a un adolescente di 15 anni, detenuta presso la stazione di polizia di Maipú. Con questa ci sono già 18 denunce di torture sessuali presentate negli ultimi 19 giorni, durante le proteste antigovernative.

 

Due giovani cilene sono rimaste vittima di attacchi da parte delle Forze speciali dei Carabineros, durante le ormai note proteste popolari che hanno scosso il paese per quasi tre settimane in protesta contro le profonde disuguaglianze sociali di cui soffre il paese laboratorio mondiale del sistema neoliberista che in Cile ha avuto l’implementazione più integrale e selvaggia.

 

Allo stesso modo, le ragazze del Teresa Prats Lyceum di Sarratea, L7 di Santiago Centro (Liceo 7) sono state attaccate all'interno del cortile della scuola e due sono rimaste ferite con pallini.

 

Giovane donna attaccata con pallini e lasciata incosciente

 

Il caso di Camila Miranda si è verificato durante una manifestazione in Plaza Italia, a Santiago, in Cile. Lì gli hanno sparato con pallini alle gambe da circa 8 metri di distanza. È stata arrestata e non sapeva dove si trovasse per 24 ore fino a quando non è finalmente apparsa la mattina del 5 novembre, in mutande e un abito medico. Le sue ferite non erano state curate. 

 

La corrispondente di teleSUR in Cile, Paola Dragnic, ha riferito che la giovane donna si è riunita con sua madre ed è stata ricoverata all'ospedale Sótero del Río, dove è stata sottoposta a una radiografia  per conoscere la degli impatti delle sette palline sulle sue gambe.

 

Sandra, la madre della giovane donna aggredita, ha riferito di aver appreso del caso di sua figlia attraverso i social network e di aver contattato l’Hospital de Urgencia Asistencia Pública (HUAP) un centro di assistenza medica di emergenza. Solo in ospedale è stata informata che Camila aveva ricevuto cure, ma non gli è stato concesso di vederla. 

 

La madre della manifestante ha sottolineato che l'aggressione dei Carabineros contro sua figlia è stata un "atto folle", perché "l'hanno afferrata, trascinata, e dopo, hanno spruzzato un gas sul suo viso e sulla sua schiena per intorpidirla".

In queste condizioni, Camila perse conoscenza e fu quindi trasferita al servizio di assistenza primaria di emergenza (SAPU) e quindi presso l’Hospital de Urgencia Asistencia Pública. 

 

“Dissero che mi avrebbero violentato”

 

Un altro caso di aggressione dei Carabineros contro una donna ha scosso il Cile. Questa è una giovane donna che ha partecipato il 5 di novembre a un'assemblea commemorativa per gli scomparsi dal paese, dispersa dalla polizia militare. 

 

“Ci hanno fermato bruscamente, ci hanno minacciato, mi hanno legato il braccio e mi hanno detto che mi avrebbero violentato in tre una volta sulla camionetta”, ha denunciato la donna in un'intervista al corrispondente dell’emittente teleSUR. Come sempre in prima linea a fare informazione sul campo.

 

Carabineros aggrediscono le studentesse

 

Le studentesse del Teresa Prats Lyceum di Sarratea, L7 di Santiago Centro (Liceo 7), hanno denunciato una forte repressione da parte dei Carabineros il 5 novembre, all'interno dell'istituto scolastico. Almeno due giovani sono rimasti ferite da pallini.

 

Il procuratore metropolitano centro-nord ha avviato un'indagine e ha ordinato alla brigata per i diritti umani della polizia investigativa (PDI) di chiarire la situazione, in cui vi era un uso non proporzionale della forza.

 

In questo senso, il sindaco della 4a stazione di polizia, Humberto Tapia, è stato arrestato mercoledì e sarà accusato del crimine di vincoli illegittimi. In seguito si saprà se sarà accusato di aver sparato o di essere il responsabile ufficiale in carica.

Fonte: teleSUR
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa