/ Londra, come da copione subito ucciso l’attentatore... (e la poss...

Londra, come da copione subito ucciso l’attentatore... (e la possibilità di conoscere il mandante)

 
 
Ma com’è che vengono subito uccisi - prima di poter essere catturati e, quindi interrogati sui loro mandanti - questi “jihadisti” che con i loro attentati stanno seminando il panico in Europa?

La testimonianza di un fotografo  italiano  raccolta da SKY (si ascolti attentamente l’audio, leggermente diverso dalla sua trascrizione fatta da SKY nell’articolo: “dopo un paio di secondi sono arrivati i rinforzi, li hanno immobilizzati e hanno sparato”) sulla sorte degli autori della strage di Londra del 3 giugno suscita qualche perplessità.



Che diventa sospetto se si pensa all’analoga, incomprensibile, uccisione di altri “jihadisti” che – verosimilmente - avrebbero potuto essere catturati vivi,  come, ad esempio, i fratelli Kouachi,  l’inverosimile Anis Amri e tanti altri.

Sarà il caso di approfondire la questione. Anche perché l’ennesima certificazione da parte del SITE di Rita Katz (e, quindi, da tutti i media) della strage di Londra come mera guerra scatenata dalla Jihad all’Occidente comincia ad essere sempre meno credibile.

Francesco Santoianni
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa