L'ONU inserirà Israele nella "lista della vergogna"

L'ONU inserirà Israele nella "lista della vergogna"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo quanto riportato dai media israeliani, il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres dovrebbe includere Israele nella lista nera annuale dei Paesi e delle organizzazioni che danneggiano i bambini nelle zone di conflitto.

Channel 13 News in lingua ebraica ha riferito, ieri, che Guterres ha informato l'addetto alla Difesa dell'esercito israeliano negli Stati Uniti, il maggiore generale Hidai Zilberman, della sua “decisione finale”.

Secondo quanto si apprende, Israele comparirà nella lista nera che sarà pubblicata la prossima settimana nell'ambito di un documento distribuito ai membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. La discussione sul rapporto si terrà il prossimo 26 giugno.

Secondo il quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth, gli “sforzi di Israele per convincere Guterres a evitare questa mossa sono falliti”.

“L'attuale segretario generale è anti-Israele e non può più essere influenzato”, hanno dichiarato il mese scorso al quotidiano israeliano alcuni funzionari israeliani, esprimendo la preoccupazione che la mossa fosse imminente. “Includere Israele nella lista nera è altamente problematico e potrebbe portare i Paesi a imporre un embargo sulle armi a Israele”, hanno aggiunto le fonti.

Tuttavia, si prevede che le Nazioni Unite non menzioneranno esplicitamente Israele o l'esercito israeliano, ma piuttosto le “forze di sicurezza israeliane”.

Il rapporto annuale, redatto dalla rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per i bambini e i conflitti armati Virginia Gamba, coprirà tutto il 2023, con un notevole aumento degli incidenti dovuti alla campagna di genocidio di Israele a Gaza.

Dal 7 ottobre, più di 36.000 palestinesi, tra cui circa 15.500 bambini e 10.300 donne, sono stati uccisi dall'esercito israeliano a Gaza. Il numero di feriti durante la guerra genocida supera gli 80.000, soprattutto bambini e donne.

Questi numeri non sono definitivi, poiché altre migliaia di persone rimangono intrappolate sotto le macerie o nelle strade, senza che le squadre di soccorso possano raggiungerle a causa dei continui attacchi israeliani.

"Gaza sta diventando un cimitero per i bambini. Centinaia di ragazze e ragazzi vengono uccisi o feriti ogni giorno", aveva dichiarato Guterres lo scorso novembre. “In un periodo di quattro settimane sarebbero stati uccisi più giornalisti che in qualsiasi altro conflitto da almeno tre decenni”.

--------------------------------------------------------

A GAZA LA SITUAZIONE UMANITARIA E' FUORI CONTROLLO. LA PULIZIA ETNICA DECISA

C'E' UNA ONG, GAZZELLA ONLUS, CHE NON SI ARRENDE A QUESTE BARBARIE E OGNI GIORNO, EROICAMENTE, PORTA BENI DI PRIMA NECESSITA' ALLA POPOLAZIONE STREMATA




L'ANTIDIPLOMATICO E LAD EDIZIONI, INSIEME A Q EDIZIONI, E' IMPEGNATA ALLA RACCOLTA FONDI PER LA POPOLAZIONE DI GAZA

ACQUISTANDO IL LIBRO "IL RACCONTO DI SUAAD - PRIGIONIERA PALESTINESE" DAL NOSTRO SITO CONTRIBUIRETE ATTIVAMENTE ALL'INVIO DI AIUTI ALLA POPOLAZIONE DI GAZA

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti