World Affairs/L'uso sbagliato (e assai nocivo) della parola contagio

L'uso sbagliato (e assai nocivo) della parola contagio

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

 

Qualche giorno fa il medico Luca Speciani, presidente di Ampas, associazione che riunisce centinaia di professionisti della salute (https://www.medicinadisegnale.it/?page_id=268), ha spiegato in modo didattico quello che ripete fin dalla «primavera virale» del 2020.


 

Ecco qua: «Non serve essere virologi, infettivologi o epidemiologi. Basta essere medici per avere chiara la differenza tra un contagiato e una persona che ha incontrato il virus. Il contagiato è solo colui che presenta i sintomi della malattia. O abbiamo colpevolmente dimenticato i postulati di Koch, distratti da una medicina disumanizzata e ipertecnologica? Ogni giorno entriamo in contatto con decine di virus diversi, quasi sempre innocui. Siamo forse continuamente contagiati? Il contagiato è malato. Gli altri sono sani. Perché dunque la stampa continua a parlare di focolai di contagiati, quando ormai numerose stime ci dicono che quasi un terzo della popolazione ha incontrato il virus costruendone gli anticorpi? (…)» (https://www.affaritaliani.it/cronache/la-bugia-dei-contagiati-bocciatura-all-esame-di-microbiologia-al-2-anno-685080.html)
 

Oltretutto, accettare questo errore a settembre potrebbe far sì che la scuola appena iniziata debba essere chiusa un’altra volta, qualora si trovasse un bambino positivo al test.  Affinché la si faccia finita rispetto a un lapalissiano errore da studentelli alle prime armi, una terminologia menzognera che mantiene alta la paura, il dottor Speciani fa appello ai medici e ai giornalisti, «incompetenti o complici». 
 

Ma vediamo un esempio «luminoso» di questa pericolosa confusione intorno alla parola «contagio». Un titolo sul Fatto quotidiano
 

(https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/07/28/bielorussia-il-negazionista-lukashenko-ha-avuto-il-covid-superato-stando-in-piedi-senza-sintomi/5883212/): «Bielorussia, il negazionista Lukashenko ha avuto il Covid: “Superato stando in piedi, senza sintomi». Ora, è impossibile avere la malattia Covid-19 senza sintomi! Altrimenti non la si ha! Infatti nel testo si riportano le parole dell’interessato, che appunto di aver incontrato il virus senza sviluppare alcun sintomo. 

 

Ma ci vuole tanto, a capire la differenza fra il virus Sars-CoV-2 e la malattia Covid-19 (nei suoi vari stadi di gravità)?

 

Quanto al resto del titolo: non risulta che Lukashenko sia stato mai negazionista come sostiene il titolo. Si è piuttosto schierato contro il terrore. In Bielorussia le misure anti-Covid ci sono state. Non hanno previsto un blocco ma a quanto pare hanno funzionato molto meglio che in Italia (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-covid19_il_caso_bielorussia_senza_lockdown_numeri_sorprendenti_come_ha_fatto/82_35471/). Secondo gli ultimi dati ufficiali (https://www.who.int/docs/default-source/coronaviruse/situation-reports/20200730-covid-19-sitrep-192.pdf?sfvrsn=5e52901f_8) i morti ufficialmente attribuiti alla malattia Covid-19 sono 553 (l’articolo del Fatto è rimasto fermo a qualche giorno fa e parla di 543 e 67.000 «casi», ovvero persone risultate positive al tampone, in grande maggioranza asintomatiche o che hanno sviluppato sintomi lievi). 

 

Dato ancora più significativo, la mortalità per milione di abitanti, causata dalla malattia Covid-19, è di 59 persone, un decimo di quella «sviluppata» dall’Italia (https://www.worldometers.info/coronavirus/). Ma ovviamente questo non importa. 

 

M.C. 

 

 


 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa