World Affairs/Macron dopo aver bastonato i 'Gilet Gialli' si ricicla come "salv...

Macron dopo aver bastonato i 'Gilet Gialli' si ricicla come "salvatore" del Libano per ridurlo a colonia della Francia

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Il presidente francese Emmanuel Macron ha radunato una serie di donatori internazionali per sostenere il Libano e ha promesso che il futuro del paese "viene deciso ora". Il leader francese, a quanto pare, sarà quello che prenderà le decisioni.
 
Più di 150 persone sono morte, bilancio destinato a salire, con migliaia di feriti a seguito della devastante esplosione a Beirut di martedì scorso. Con la crescente rabbia dell'opinione pubblica conseguente folle di manifestanti infuriati hanno preso d'assalto gli edifici governativi e hanno ormai portato alle dimissioni imminenti del primo ministro Hassan Diab.
 
In questa mischia è entrato il presidente francese Emmanuel Macron. Alla guida di una conferenza di donatori di aiuti, ieri, Marcon ha spiegato i suoi "nobili" obiettivi. "Il futuro del Libano viene deciso ora", ha affermato, aggiungendo che il denaro degli aiuti sarebbe stato distribuito "rapidamente ed efficacemente" e sarebbe stato accompagnato da un'indagine imparziale sull'esplosione, che secondo i funzionari è avvenuta quando una scorta di 2.700 tonnellate di nitrato di ammonio ha preso fuoco.
 
 
 
 
Macron si è anche incaricato di invitare il governo a dare ascolto alle richieste dei manifestanti di Beirut, che al momento implicherebbero la rinuncia al potere.
Il futuro del Libano, ha detto, sarebbe deciso "dal Libano stesso". Eppure, il leader francese apparentemente ha ritenuto opportuno inserirsi in questo processo decisionale.
 
Arrivando nella città colpita dall'esplosione, Macron ha parlato ai manifestanti per strada, che hanno cantato per la "rivoluzione". Mentre la folla chiedeva aiuto al presidente francese, Macron ha fatto una chiara promessa: che avrebbe proposto un nuovo "accordo politico" ai leader combattuti del paese. Se l'accordo dovesse fallire, ha detto che tornerà a settembre per assumersi la "responsabilità politica" .
 
 
 
 
 
L'entusiasmo di Macron per il cambiamento andava oltre le vaghe dichiarazioni. Oltre a chiedere un nuovo "ordine politico" in Libano, ha chiesto che la banca centrale del paese sia controllata e che la Banca mondiale, il Fondo monetario internazionale e le Nazioni Unite sovrintendano alla ripresa del paese.
 
L'interesse del presidente francese per la costruzione della nazione non è senza precedenti. Il Libano era un tempo un protettorato della Francia, portato sotto il mandato francese in seguito alla dissoluzione dell'Impero Ottomano dopo la prima guerra mondiale, prima che l'indipendenza fosse concessa dopo la seconda guerra mondiale.
 
Tuttavia, l'invocazione di Macron della "comunità internazionale" e delle istituzioni finanziarie sovranazionali del mondo indica che vede il futuro del Libano non proprio come un vassallo francese, ma come un cliente dell'ordine mondiale liberista, che ha apertamente sostenuto in precedenza.
 
Il tentativo di Macron di portare il Libano nell'ovile dell'Occidente è stato probabilmente dato con urgenza dalla chiamata del leader di Hezbollah Hassan Nasrallah all'inizio di quest'anno al paese di "guardare ad est" e rivolgersi alla Cina, non al FMI, per un aiuto economico. "Le aziende cinesi sono pronte a iniettare denaro in questo paese", disse a giugno Nasrallah. "Dico al popolo libanese, ci sono alternative [all'Occidente]", ha aggiunto.
 
In mezzo a un potenziale cambiamento geopolitico, anche gli Stati Uniti hanno sostenuto i manifestanti. Il presidente Donald Trump "ha riconosciuto i legittimi appelli di manifestanti pacifici per la trasparenza, le riforma e la responsabilità", secondo una dichiarazione della Casa Bianca.
 
Il cambiamento potrebbe avvenire rapidamente in Libano. I leader mondiali che hanno preso parte alla conferenza di domenica si sono impegnati a fornire "risorse importanti" al Libano il più rapidamente possibile, aggiungendo che questo aiuto sarebbe stato consegnato "direttamente" alle persone bisognose. Con il governo apparentemente escluso dalla distribuzione degli aiuti, resta da vedere dal momento in cui Diab è ormai dimissionario, il presidente Michel Aoun, quanto tempi sarà in grado di mantenere il potere.
 
Con Macron che tentava di prendere il posto di guida, alcuni commentatori si sono affrettati a notare l'ironia del presidente francese che ha prestato il suo sostegno alle proteste antigovernative in un paese a migliaia di chilometri di distanza, dopo che i suoi stessi servizi di sicurezza hanno gasato, bastonato e mutilato i `` Gilet gialli 'dimostranti a casa ogni fine settimana per più di un anno. 
 
 
 
 
 
 
Poco dopo che i donatori hanno annunciato i loro ultimi impegni di aiuto - per un importo di quasi 253 milioni di euro (298 milioni di dollari), i manifestanti sono scesi sulla piazza del Parlamento di Beirut dove hanno lanciato pietre contro la polizia e hanno tentato di abbattere le barricate che bloccavano gli edifici governo. La polizia ha risposto con i lacrimogeni.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa